UMANA REYER VENEZIA- VANOLI CREMONA 78-75 – Parziali: 30-10, 49-31, 60-50.

UMANA REYER VENEZIA: Haynes  10,  Stone  3, Bramos  5,  Tonut 17,  Daye  11, De Nicolao 3, Vidmar   7, Biligha ne, Giuri, Mazzola 3, Cerella, Watt 19.  All De Raffaele

VANOLI CREMONA: Saunders 10,  Sanguinetti 2, Gazzotti, Diener 2, Ricci 11, Ruzzier  14, Mathiang   22, Crawford 2, Aldridge 6, Stojanovic 6. All. Sacchetti

Note: Venezia tiri da 2 22-43, tiri da 3 punti 6-21, ti.lib. 16-27 rimbalzi totali 46 i cui 31  offensivi

Cremona: tiri 2 p. 25-43, tiri 3p. 4-20  ti.lib. 13-22

Vanoli sconfitta, venerdì la gara decisiva al Palaradi

La Vanoli Cremona non ha sfruttato al meglio il match- ball che aveva in tasca per accedere alla finale scudetto. Si è inchinata all’Umana Reyer Venezia in trasferta 78-75. Brutta la squadra lombarda nei primi due quarti. Positiva la reazione che c’è stata dopo l’intervallo per i cremonesi che hanno sempre rincorso gli avversari sfiorando il clamoroso aggancio proprio nel finale. La Vanoli Cremona che non ti aspetti!  Parte bene  nei  primi tre minuti,  sembra  “in palla” ma subito dopo subisce  lo “tsunami” Reyer diventando impotente nella reazione. Matt è l’autentico mattatore con 5 su 5 al tiro da due punti e 15 a 7 al 5’. Time- out per coach Sacchetti che non dà i frutti sperati.

I padroni di casa non abbassano la guardia in attacco e gli ospiti non sanno più quali soluzioni adottare per ritornare “in partita”  30-10 al  10’. Venezia non cede il passo,  lotta con determinazione e “nasconde”  al team di coach Sacchetti il modo per risollevarsi. Diener (seduto in panchina per un problema da un alluce) e compagni sono sciolti ed irriconoscibili. Praticamente sembrano aver  gettato la spugna anzitempo. Il massimo vantaggio dell’Umana tocca i 26 punti. I cremonesi cercano di ridimensionare il passivo approfittando del fatto che gli amaranto hanno rallentato il ritmo. 41 a 15 al 15’ e 41-24 al 18’.

Leggi anche:  Dirette gratis delle partite di calcio: chiusi 114 siti illegali

La Vanoli “vera” non è certamente quella vista nei primi due quarti. In difesa s’è visto qualcosa di meglio da parte dei lombardi negli ultimi minti del periodo ma è troppo  poco.  Per loro 1 su 10 nel tiro da tre punti  all’intervallo sul 49-31. La speranza dei tifosi biancoazzurri presenti sulle gradinate del palaTaliercio  è quello di vedere i loro beniamini svegliarsi dal torpore precedente. E sembra davvero così! Parziale di 9-2 e la Vanoli Cremona è a meno 11 al  12’.

Crawford “litiga” con il canestro e grazia  per l’ottava volta di fila l’Umana. Mathiang tiene in piedi da solo Cremona  mentre Venezia “è ancora negli spogliatoi”!.  La Vanoli  perde opportunità per riaprire definitivamente il match.  Proprio sul più bello si riblocca in attacco e Venezia ritrova il canestro 58-43 al 28’. Vidimar si mette in luce con Watt in panchina.  I lagunari conquistano molti rimbalzi in attacco. La vanoli  perde pochi palloni ma segna poco da tre punti.  60-50 al 30’.

Venezia ha l’inerzia dalla sua parte e si rilancia  con decisione 70-54 al 34’.  Un po’ di fiducia per i cremonesi con un parziale di 9-2. Crawford fa l’assist-man per Mathiang e ed un’  azione da tre punti di Ruzzier 72-66 al 37’.  Ad un minuto dalla fine sul 75-73 dopo il secondo punto di Crawford,  errore  dello stesso americano del  possibile pareggio ed in replica  realizza Bramos  mettendo la parola fine.

Ora per la decisiva “gara 5” di venerdì alle 20.45 al PalaRadi  il team del presidente Aldo Vanoli deve resettare tutto;  ritrovare quelle certezze che derivano dal suo standard abituale di gioco fatto di concretezza determinazione caparbietà. Sarà fondamentale riavere al top Crawford, Diener ed il tiro da tre punti.

M. Rav. 

(foto di copertina vanolibasket.com)

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE