Vittorio Poma, Upl: “La riforma Delrio è stata una scelta scellerata”. Duro l’affondo del presidente dell’Unione delle Province lombarde, soprattutto in merito alla riforma del Titolo V della Costituzione.

Vittorio Poma, Upl

“Il ruolo dell’Unione delle Province lombarde in questi anni? Curare la depressione degli amministratori provinciali, sedare gli isterismi e somministrare lezioni di ottimismo”. Non ha usato mezzi termini il presidente dell’Upl in occasione dell’incontro che si è tenuto oggi, venerdì 18 gennaio nella sede del nostro gruppo editoriale Netweek insieme ad Anci Lombardia, per descrivere lo scenario generato dalla riforma Delrio. “La situazione che stanno vivendo numerosi amministratori provinciali è davvero drammatica – ha proseguito – E i presidenti delle province possono davvero a buon titolo essere definiti come dei capitani coraggiosi, o come degli irresponsabili”. E poi ha continuato l’affondo. “Questo per colpa di una legislazione scellerata, di riforme come la Delrio ma anche come tante altre leggi di accompagnamento. Mi vien da dire che tutte quelle scelte avevano un solo obiettivo: togliere risorse alle province”.