Strade cremonesi: in arrivo 3 milioni

Strade cremonesi: 3 milioni in arrivo da Regione Lombardia

Da Regione Lombardia 3 milioni di euro per la riqualificazione delle strade cremonesi. La misura è inserita nelle modifiche al Patto per la Lombardia approvate oggi dalla Giunta regionale su proposta dell’assessore a Infrastrutture, trasporti e mobilità sostenibile, Claudia Maria Terzi.

Messa in sicurezza

“Si tratta di mettere in sicurezza strade cruciali non solo per il territorio della Provincia di Cremona ma per la viabilità dell’intera rete regionale – dichiara l’assessore Terzi -. I lavori finanziati riguardano le seguenti arterie, comprese le tratte limitrofe: SP ex SS n. 45 bis ‘Gardesana Occidentale’, SP n. 11 ‘S. Antonio – Isola Dovarese’, SP n. 33 ‘Seniga – Isola Pescaroli’, SP ex SS n. 234 ‘Codognese’, SP ex SS n. 415 ‘Paullese’, SP ex SS n. 235 ‘di Orzinuovi’, SP ex SS n. 498 ‘Soncinese’. Gli interventi consistono nel risanamento conservativo della pavimentazione stradale, compresi eventuali interventi di ripristino funzionale della segnaletica, delle barriere di sicurezza e dei manufatti stradali”.

Leggi anche:  Treni sfrecciano ai passaggi a livello senza sbarre: sulla Treviglio-Cremona interviene il ministro

Alcune modifiche

La delibera recepisce la necessità di modificare in particolare la destinazione delle risorse già assegnate nel Patto per la Lombardia alla Provincia di Cremona, a seguito del finanziamento statale per i lavori sul Ponte di Casalmaggiore. Nel documento compaiono alcune modifiche richieste dai soggetti beneficiari degli stanziamenti (Comuni e Province lombarde) che però non alterano l’importo complessivo attribuito a ciascun ambito provinciale.  “Il finanziamento all’interno del Patto per la Lombardia relativo agli interventi per la messa in sicurezza degli itinerari regionali prioritari è confermato in 47.600.000 euro, ripartiti in modo equo tra le diverse realtà provinciali – conclude l’assessore Terzi -. Tutti i lavori dovranno essere appaltati entro dicembre 2019”.

Le campagne cremonesi rimaste senza acqua