Sul caso della nave Diciotti la Lega cremasca è scesa in piazza con una raccolta firme a sostegno del Ministro dell’Interno Matteo Salvini.

Nave Diciotti, Lega in piazza

Sul caso della nave Diciotti anche la Lega cremasca ha deciso di scendere in campo per manifestare concretamente la propria solidarietà al vicepremier leghista.

“La segreteria provinciale di Crema esprime ampia soddisfazione per l’esito del primo weekend di raccolta firme a sostegno di Matteo Salvini accusato di sequestro aggravato di persona per il blocco della nave Diciotti – ha dichiarato Rebecca Frassini, commissario provinciale della Lega del cremasco – Un fiume di firme, un “no” forte e chiaro al processo nei confronti del Ministro dell’Interno. Nei gazebo e nelle sedi della Lega cremasca in poche ore circa mille cremaschi hanno voluto dare sostegno a Matteo Salvini. Un risultato eclatante che ci dà ancora più forza nel combattere l’immigrazione clandestina”.

Gobbato: “Avanti ad oltranza”

Le fa eco anche il commissario Claudia Gobbato parlamentare cremasca della Lega.

“L’affluenza alla nostra petizione è emblematica – ha detto – Imputato a processo non c’è solo Matteo Salvini ma un intero popolo che, il 4 marzo, ha chiesto e preteso tutela dei propri confini e stop all’immigrazione clandestina. Una posizione chiara e politica che non può essere messa in discussione dalla magistratura. La raccolta firme continuerà ad oltranza nei prossimi giorni”.

LEGGI ANCHE: #Salvini non mollare, la Lega scende in piazza

Leggi anche:  Rotatoria sulla Bergamina, ieri in Regione siglato l'accordo

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE