Forza Nuova: un altro striscione in aperta polemica con la Casa di Accoglienza affisso nella notte.

Forza Nuova

Forza Nuova rivendica con un comunicato diffuso ai mezzi di informazione l’ennesimo striscione affisso nella notte presso la Casa dell’Accoglienza di Cremona. Dopo lo striscione notturno affisso a Soresina, con le stesse modalità, un nuovo cartellone ha fatto capolino, stavolta a Cremona. Nella Giornata della Memoria, questa presa di posizione degli estremisti di destra è destinata a far discutere.

“Falsa e ipocrita accoglienza”

“Loro continueranno ad accogliere gli immigrati in barba alla Legge, mentre gli Italiani continueranno ad essere respinti secondo la loro falsa e ipocrita accoglienza. Unico motivo reale? L’accoglienza di immigrati, soprattutto se non aventi diritto all’asilo politico, genera incassi. Ne sono buona testimonianza i recenti fatti che hanno visto arrestati in tutta Italia sindacalisti, sindaci e consiglieri comunali invischiati nel remunerativo giro dei permessi di soggiorno concessi, in cambio di “favori”, a chi non ne aveva alcun diritto. Stranamente se chiedi alla Caritas o al Vaticano di accogliere gratuitamente i nostri poveri connazionali, oppure gli immigrati di portarseli direttamente in diocesi o tra le mura della Santa Sede, ecco che ti danno del razzista, “senza cuore e senza cervello” -si perché l’immigrazione ci servirà per ripopolare le nostre terre, affermano. Insomma: se non vedono l’affare questi buonisti non muovono un dito. E grazie a questa gente le nostre città sprofondano nel degrado più incontrollato. Già, perché poi, a quelli che loro vogliono accogliere, occorre trovare anche un mestiere, altrimenti diverranno preda della malavita. Ecco che allora, come da anni sostiene Forza Nuova, l’unica soluzione per vedere rifiorire l’Italia è il rimpatrio immediato di tutti quanti non hanno diritto di stare in questo paese!”

Questo il messaggio degli esponenti di Forza Nuova.

Leggi anche:  Rifiuti illeciti, De Corato: "Istituire nuclei di Polizia ambientale"

LEGGI ANCHE: Giorni della merla, ecco perché si chiamano così