Le elezioni comunali 2018 si terranno oggi, domenica 10 giugno.

DALLE 23 IN AVANTI, TUTTI I RISULTATI IN TEMPO REALE: SEGUI LA DIRETTA SU GIORNALEDICREMONA.IT!

Comuni al voto

In totale al livello nazionale si voterà in 763 comuni. In provincia si vota per eleggere sindaco e consigli comunali a Capergnanica, Castel Gabbiano, Trescore Cremasco e Vaiano Cremasco

Quando si vota

Si può votare esclusivamente oggi, 10 giugno 2018. I seggi saranno aperti dalle 7.00 alle 23.00: per i comuni sopra i 15mila abitanti, è previsto un eventuale ballottaggio, che si terrà il prossimo 24 giugno. L’elettore deve presentarsi al seggio munito della tessera elettorale e di un documento d’identità (nel caso la tessera elettorale fosse scaduta o smarrita, la si può rifare anche lo stesso giorno delle elezioni negli uffici elettorali comunali).

Modalità di voto

Il sistema utilizzato per le elezioni comunali 2018 è quello maggioritario, ma con delle differenze a seconda del numero di abitanti per ciascun comune.

Più di 15mila abitanti

Nei comuni con più di 15mila abitanti vince il candidato che ottiene il 50 per cento più uno dei voti: se questa soglia non viene raggiunta è previsto un ballottaggio tra i due candidati con più voti, per il 24 giugno. C’è una sola scheda con il nome dei candidati sindaco, affiancati dai simboli delle liste ad essi collegati. Accanto a ogni simbolo ci sono due righe bianche. Si vota per il sindaco facendo un segno sul nome di uno dei candidati. Si vota per il consiglio facendo un segno su uno dei simboli delle liste collegate ai candidati sindaco. È consentito il voto disgiunto, quindi si può votare nei seguenti modi: tracciando un segno solo sul nome del candidato sindaco, solo su una lista collegata al candidato, sul nome del sindaco e sul simbolo di una lista a lui collegata, o infine sul nome del sindaco e sul simbolo di una lista a lui non collegata. Anche in questi comuni è possibile esprimere due preferenze per il consiglio comunale, ma si deve trattare di due consiglieri della stessa lista e di sesso diverso.

Leggi anche:  Vaccini obbligatori a scuola, i presidi: “Per noi vale la legge Lorenzin”

Fino a 15mila abitanti

Nei comuni fino a 15mila abitanti non è previsto il voto disgiunto e si può tracciare un segno solo sul candidato sindaco, solo sulla lista collegata al candidato sindaco o anche sia sul candidato sindaco che sulla lista collegata al medesimo candidato sindaco: in ogni caso il voto viene attribuito sia alla lista di candidati consiglieri che al candidato sindaco. E’ eletto Sindaco il candidato che ottiene il maggior numero di voti.

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE!