“La possibilità di utilizzare anche droni di ultima generazione? E’ uno degli obiettivi a cui stiamo lavorando in vista della pubblicazione del bando regionale per la fornitura di nuovi dispositivi alla Polizia Locale del 2019”. Lo ha affermato l’assessore regionale alla Sicurezza, Immigrazione e Polizia Locale Riccardo De Corato annunciando che la messa a punto del bando prosegue a pieno ritmo.

Droni per la Polizia Locale?

“Sono preoccupato – ha proseguito – per il significativo aumento delle piazze di spaccio nella nostra città. Esistono ‘zone franche’ dove delinquenti di vario genere agiscono indisturbati per conto della criminalità organizzata. Particolarmente allarmante, inoltre, è l’insorgere di nuove mafie, come quella nigeriana e ghanese, caratterizzate da soggetti convinti di poter commettere qualsiasi reato in totale impunità. I controlli vanno incrementati  e serve un vero e proprio coordinamento per debellare la criminalità, specialmente in alcune particolari zone, come il noto “boschetto” di Rogoredo. A questo potenziamento, però, intendiamo aggiungere anche nuovi strumenti in grado di videosorvegliare e cogliere maggiori particolari possibili. Ecco perché stiamo valutando la possibilità di un bando concepito per dotare i nostri agenti di droni di ultima generazione”.

Occhio vigile su vaste aree

“La videosorveglianza di vaste aree con tecnologia 4K – ha proseguito l’assessore regionale – con il supporto della rete 5G, in grado quindi di cogliere con lo zoom anche particolari che prima non era possibile registrare, consentirebbe alle Forze dell’Ordine un controllo più capillare. Tutto ciò, insieme al supporto di alcune sentinelle come ‘spalla’ per i quartieri, fungerà anche come deterrente nei confronti dei malviventi, consapevoli di essere ben monitorati e, quindi, di non rimanere impuniti”.

Leggi anche:  Asst Lodigiano e Cremasco unite: la proposta verrà presentata in Regione

Sostegno agli agenti lombardi

“I nostri agenti svolgono un lavoro delicatissimo e stanno ottenendo risultati straordinari – ha concluso De Corato – per cui, oltre a meritarsi la nostra gratitudine, devono poter utilizzare strumenti all’avanguardia per il contrasto al crimine e per la lotta al degrado”.