Danilo Toninelli è il nuovo Ministro alle infrastrutture.

Danilo Toninelli

E’ Danilo Toninelli il nuovo ministro alle infrastrutture. Originario di Soresina, classe 1974, si tratta di uno dei fedelissimi di Luigi Di Maio. Sposato, due figli e reduce da una presa di posizione forte sul vicino di casa cremonese Carlo Cottarelli.

La sua presentazione

Ecco come si presenta Danilo Toninelli “Sposato con due figli ESPERIENZA PROFESSIONALE: – Dal 2002 al 2013: Ispettore Tecnico Assicurativo (sede lavoro: Bergamo e Brescia) – Dal 1999 al 2002: Ufficiale Arma dei Carabinieri (sede lavoro: Torino). ISTRUZIONE E FORMAZIONE: – Dal 1994 al 1999: Laurea in Giurisprudenza (Università Studi di Brescia) Voto: 100/110 – Dal 1989 al 1994: Diploma di maturità Scientifica, voto: 54/60. LINGUE: Italiano, madrelingua. Inglese, utente Intermedio. COMPETENZE INFORMATICHE: utente avanzato per pacchetto Office completo, Internet Explorer, Outlook, Outlook Express. COMPETENZE SOCIALI: penso di poter dire di me che sono una persona onesta, flessibile e con spirito di adattamento. Ho forza di volontà, una giusta ambizione e buona capacità di comunicare e coordinare. Ho molti interessi che spaziano dalla lettura allo sport. Più in generale chi mi conosce dice di me che sono una persona affidabile che punta dritto al risultato ma senza prevaricare gli altri. IMPEGNO POLITICO: dal Novembre 2009 seguo attivamente e continuativamente il progetto del M5S di cui sono stato prima attivista e poi portavoce alla Camera dei Deputati.”

Leggi anche:  Coppa Italia: retrofront di Trenitalia Toninelli pensa ai pendolari

Dichiarazione d’intenti

Ecco, scritti di suo pugno, gli intenti politici che dichiara di voler perseguire: “Amo il progetto del M5S e per questo mi piacerebbe continuare il sogno di viverlo dal di dentro proponendomi al Senato, cioè nel luogo in cui, accanto alla saggezza di chi ha un’età più adulta, è necessario affiancare l’intransigenza e la voglia di combattere di chi deve ancora disegnare buona parte del proprio futuro e soprattutto deve lottare per quello dei suoi due figli che, insieme a mia moglie, rappresentano la mia principale ragione di vita. Per loro, per la mia comunità e per tutte le persone che condividono il sogno del Movimento, il mio impegno politico è quello di far tornare l’Italia ad essere un Paese a misura di famiglia dove tutti possano progettare di fare figli in serenità e fiducia. Le mie parole d’ordine sono: onestà, serietà, concretezza ed impegno. Essere portavoce parlamentare del M5S significa lavorare per il bene dei cittadini, mantenendo ovviamente un occhio attento alla stabilità del Paese.”