Caso Bonaldi, l’on. Gobbato (Lega) presenta interrogazione al Ministro Salvini: “Con molta preoccupazione constatiamo che il sindaco di Crema continua a non rispettare la Legge dello Stato approvata dal Parlamento”.

Caso Bonaldi, l’on. Gobbato presenta interrogazione a Salvini

“Con molta preoccupazione constatiamo come il sindaco di Crema, Stefania Bonaldi, continui a non rispettare la Legge dello Stato approvata dal Parlamento, massima istituzione rappresentante del popolo sovrano e firmata dal Presidente della Repubblica. Grazie ai documenti richiesti al Comune di Crema da Andrea Agazzi, capogruppo della Lega in Comune, abbiamo avuto confermo che il Sindaco ha iscritto all’anagrafe alcuni richiedenti asilo e poi abbia passato gli atti al prefetto di Cremona. Non solo, sembrerebbe che la stessa Bonaldi si sia fatta abilitare all’utilizzo del programma informatico che gestisce l’anagrafe del Comune. In uno Stato di diritto questo comportamento, soprattutto se compiuto da un rappresentante delle istituzioni, è inaccettabile”.

Lo afferma l’onorevole della Lega, la cremasca Claudia Gobbato, in merito all’azione compiuta dal sindaco di Crema, Stefania Bonaldi, di iscrivere all’anagrafe i richiedenti asilo.

“Dopo essermi sentita in dovere di scrivere al Prefetto di Cremona, Dott.ssa Paola Picciafuochi, – ha continuato – ho deciso di presentare un’interrogazione al Ministro dell’Interno, Matteo Salvini, per chiedergli se sia a conoscenza dei fatti e di altri casi analoghi, se siano state già compiute registrazioni all’Ufficio Anagrafe del comune di Crema e quali provvedimenti ritenga eventualmente opportuno adottare al fine di garantire l’osservanza e la corretta applicazione delle nuove disposizioni in materia di iscrizione anagrafica dei richiedenti protezione internazionale”.

“Il sindaco Bonaldi sappia – ha detto ancora l’onorevole Gobbato – che non farò nessun passo indietro, continuerò ad essere intransigente ed userò tutti gli strumenti democratici a mia disposizione affinché si faccia piena luce su tale situazione: il sindaco, come tutti gli italiani, deve rispettare le leggi o se ne assumerà tutte le conseguenze”.

Leggi anche:  Tragedia a Cremona, Galimberti: "Come cittadino, come padre, come Sindaco sono sconvolto"

Agazzi: “Un Sindaco deve rispettare le Leggi dello Stato e non aggirarle”

Dello stesso avviso Andrea Agazzi che oltre a ricordare il motivo della sua richiesta di visione dei documenti si scaglia contro il sindaco.

“Per quei tanti concittadini onesti che rispettano sempre le leggi, – ha detto – mi sono sentito in dovere di andare a fondo in questa grave situazione e ho voluto consultare le carte per avere conferma della decisione assunta dalla Bonaldi”.

“Un sindaco deve rispettare le Leggi dello Stato e non aggirarle; – ha rimarcato Agazzi – se la Bonaldi non sopporta la Lega al Governo una soluzione c’è: si dimetta e si candidi con una proposta alternativa. La finisca di tenere in ostaggio i cremaschi con le sue manie di protagonismo”.

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE