Giornale di Cremona https://giornaledicremona.it Sat, 23 Feb 2019 20:33:36 +0000 it-IT hourly 1 Terribile schianto sulla Tangenzialina: 7 feriti, tra loro anche due bambini https://giornaledicremona.it/cronaca/terribile-schianto-sulla-tangenzialina-7-feriti-tra-loro-anche-due-bambini/ https://giornaledicremona.it/cronaca/terribile-schianto-sulla-tangenzialina-7-feriti-tra-loro-anche-due-bambini/#respond Sat, 23 Feb 2019 20:32:29 +0000 https://giornaledicremona.it/?p=22220 Terribile schianto in via Passolombardo a Cremona, la “Tangenzialina”: sette persone ferite, tra loro anche due bambini di 4 e 7 anni. Terribile schianto sulla Tangenzialina Sette feriti, tra cui due bambini di 4 e 7 anni, è il bilancio di un incidente stradale, avvenuto alle 19.10 di oggi, sabato 23 febbraio 2019 in via […]

Continua la lettura di Terribile schianto sulla Tangenzialina: 7 feriti, tra loro anche due bambini su Giornale di Cremona.

]]>
Terribile schianto in via Passolombardo a Cremona, la “Tangenzialina”: sette persone ferite, tra loro anche due bambini di 4 e 7 anni.

Terribile schianto sulla Tangenzialina

Sette feriti, tra cui due bambini di 4 e 7 anni, è il bilancio di un incidente stradale, avvenuto alle 19.10 di oggi, sabato 23 febbraio 2019 in via Passolombardo, la “Tangenzialina” che da via Giuseppina porta al casello dell’A21. Tre i veicoli coinvolti e, fortunatamente, nessuno dei feriti ha riportato gravi conseguenze a dispetto di quello che si è mostrato ai soccorritori.

I soccorsi

La centrale operativa del 118 è infatti stata allertata in codice rosso. Sul posto si sono portati i vigili del fuoco oltre ai sanitari con tre ambulanze e un’automedica. I feriti (3 uomini di 36, 37 e 54 anni, due donne di 39 e 41 anni e due bambini di 4 e 7 anni) dopo le prime cure sul posto sono stati trasferiti al pronto soccorso dell’ospedale cittadino: due sono in codice giallo, gli altri in codice verde. I rilievi sono stati effettuati dalla Polizia Locale che dovrà accertare la dinamica di quanto accaduto.

LEGGI ANCHE: Auto contro ambulanza nel piazzale dell’ospedale

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Continua la lettura di Terribile schianto sulla Tangenzialina: 7 feriti, tra loro anche due bambini su Giornale di Cremona.

]]>
https://giornaledicremona.it/cronaca/terribile-schianto-sulla-tangenzialina-7-feriti-tra-loro-anche-due-bambini/feed/ 0
Auto contro ambulanza nel piazzale dell’ospedale https://giornaledicremona.it/cronaca/auto-contro-ambulanza-nel-piazzale-dellospedale/ https://giornaledicremona.it/cronaca/auto-contro-ambulanza-nel-piazzale-dellospedale/#respond Sat, 23 Feb 2019 18:00:39 +0000 https://giornaledicremona.it/?p=22215 Auto contro ambulanza nel piazzale dell’ospedale per una mancata precedenza. E’ successo intorno alle 13 di oggi, sabato 23 febbraio 2019. Auto contro ambulanza Insolito incidente nella giornata di oggi, sabato 23 febbraio, nel piazzale dell’ospedale Maggiore. Alle 13.15 di oggi un’auto guidata da un 69enne stava percorrendo la corsia a senso unico che attraversa […]

Continua la lettura di Auto contro ambulanza nel piazzale dell’ospedale su Giornale di Cremona.

]]>
Auto contro ambulanza nel piazzale dell’ospedale per una mancata precedenza. E’ successo intorno alle 13 di oggi, sabato 23 febbraio 2019.

Auto contro ambulanza

Insolito incidente nella giornata di oggi, sabato 23 febbraio, nel piazzale dell’ospedale Maggiore. Alle 13.15 di oggi un’auto guidata da un 69enne stava percorrendo la corsia a senso unico che attraversa largo Priori quando, in prossimità del tratto riservato ai soli mezzi di soccorso, non ha dato la precedenza ad una ambulanza della Croce Rossa che si stava dirigendo al Pronto Soccorso con una paziente a bordo.

Nessun ferito

Fortunatamente lo scontro è stato talmente lieve che nessuno degli occupanti dei mezzi ha riportato conseguenze. Sul posto è comunque intervenuta la Polizia Locale per effettuare i rilievi.

LEGGI ANCHE: Violento scontro frontale in via Aselli, due feriti

Continua la lettura di Auto contro ambulanza nel piazzale dell’ospedale su Giornale di Cremona.

]]>
https://giornaledicremona.it/cronaca/auto-contro-ambulanza-nel-piazzale-dellospedale/feed/ 0
Questua e borseggi in centro, a Crema l’ombra del caporalato https://giornaledicremona.it/cronaca/questua-e-borseggi-in-centro-a-crema-lombra-del-caporalato/ https://giornaledicremona.it/cronaca/questua-e-borseggi-in-centro-a-crema-lombra-del-caporalato/#respond Sat, 23 Feb 2019 16:30:37 +0000 https://giornaledicremona.it/?p=22212 Borseggiatori scatenati fanno razzie al mercato degli ambulanti di via Verdi. Frequenti anche gli episodi di furti e accattonaggio molesto, dietro cui si celerebbe l’ombra del «caporalato» tanto che giovedì si è tenuta una riunione interforze con Giuliano Semeraro, comandante della Polizia locale. Questua e borseggi «Dopo le assidue segnalazioni di borseggi, la sorveglianza in quell’area […]

Continua la lettura di Questua e borseggi in centro, a Crema l’ombra del caporalato su Giornale di Cremona.

]]>
Borseggiatori scatenati fanno razzie al mercato degli ambulanti di via Verdi. Frequenti anche gli episodi di furti e accattonaggio molesto, dietro cui si celerebbe l’ombra del «caporalato» tanto che giovedì si è tenuta una riunione interforze con Giuliano Semeraro, comandante della Polizia locale.

Questua e borseggi

«Dopo le assidue segnalazioni di borseggi, la sorveglianza in quell’area è stata rafforzata e ora vedremo di intensificarla con un coordinamento tra le varie forze» fanno sapere dagli Uffici comunali. Le vittime vengono strattonate da chi staziona abitualmente tra i banchi degli ambulanti per chiedere denaro con arroganza.

Critici i pentastellati

«E’ chiaro come coloro che richiedono la questua non siano semplici cittadini, ma facciano parte di un’organizzazione più ampia e strutturata – ha commentato Manuel Draghetti, consigliere del M5S – Serve agire con determinazione per tutelare i cremaschi, garantendo sicurezza e agendo contro gli eventuali racket organizzati: il Daspo a coloro che compiono l’accattonaggio molesto può essere un’azione efficace per colpire coloro che sfruttano queste situazioni. E’ ora di dire basta. La linea Bonaldi di questi anni è stata fallimentare e i risultati sono sotto gli occhi di tutti. I cittadini ora pretendono di essere lasciati in pace, mentre comprano o chiacchierano al mercato».

LEGGI ANCHE: Detenzione illecita di cocaina, denunciata titolare di locale pubblico

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Continua la lettura di Questua e borseggi in centro, a Crema l’ombra del caporalato su Giornale di Cremona.

]]>
https://giornaledicremona.it/cronaca/questua-e-borseggi-in-centro-a-crema-lombra-del-caporalato/feed/ 0
Violento scontro frontale in via Aselli, due feriti https://giornaledicremona.it/cronaca/violento-scontro-frontale-in-via-aselli-due-feriti/ https://giornaledicremona.it/cronaca/violento-scontro-frontale-in-via-aselli-due-feriti/#respond Sat, 23 Feb 2019 12:56:05 +0000 https://giornaledicremona.it/?p=22200 Violento scontro frontale tra due auto nella mattinata di oggi in via Aselli a Cremona: feriti una 19enne e un 48enne. Violento scontro frontale Una ragazza di 19 ani e un uomo di 48 anni sono rimasti feriti a seguito di un incidente stradale avvenuto nella mattinata di oggi, sabato 23 febbraio 2019. Lo schianto, […]

Continua la lettura di Violento scontro frontale in via Aselli, due feriti su Giornale di Cremona.

]]>
Violento scontro frontale tra due auto nella mattinata di oggi in via Aselli a Cremona: feriti una 19enne e un 48enne.

Violento scontro frontale

Una ragazza di 19 ani e un uomo di 48 anni sono rimasti feriti a seguito di un incidente stradale avvenuto nella mattinata di oggi, sabato 23 febbraio 2019. Lo schianto, avvenuto attorno alle 8,30 in via Aselli all’incrocio con viale Trento e Trieste, è stato molto violento.

LEGGI ANCHE: Detenzione illecita di cocaina, denunciata titolare di locale pubblico

Ingenti danni alle vetture

Fortunatamente i due conducenti non hanno riportato gravi traumi. Soccorsi da un’ambulanza e da un’automedica sono stati trasportati al pronto soccorso cittadino per accertamenti. Ingenti invece i danni per le vetture. I rilievi sono stati effettuati dalla Polizia Locale.

LEGGI ANCHE: Rissa selvaggia tra Sikh nel piazzale delle corriere, 4 arresti

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Continua la lettura di Violento scontro frontale in via Aselli, due feriti su Giornale di Cremona.

]]>
https://giornaledicremona.it/cronaca/violento-scontro-frontale-in-via-aselli-due-feriti/feed/ 0
Lite tra giovani finisce in rissa fuori da un bar https://giornaledicremona.it/cronaca/lite-tra-giovani-finisce-in-rissa-fuori-da-un-bar/ Sat, 23 Feb 2019 13:10:34 +0000 https://giornaledicremona.it/?p=22203 Una rissa tra tre giovani fuori da un bar, notizia poi ingigantita dalle voci di paese, ma il gestore del bar, che ha assistito alla scena, assicura: “Nulla di grave, una scazzottata di quelle che ogni tanto capitano”. L’episodio Il fatto è avvenuto sabato sera attorno all’una e mezza di notte, all’orario di chiusura del […]

Continua la lettura di Lite tra giovani finisce in rissa fuori da un bar su Giornale di Cremona.

]]>
Una rissa tra tre giovani fuori da un bar, notizia poi ingigantita dalle voci di paese, ma il gestore del bar, che ha assistito alla scena, assicura: “Nulla di grave, una scazzottata di quelle che ogni tanto capitano”.

L’episodio

Il fatto è avvenuto sabato sera attorno all’una e mezza di notte, all’orario di chiusura del bar “La Combriccola” di Vidolasco, frazione di Casale cremasco. Dopo un acceso litigio, tre giovani attorno ai trent’anni d’età sono venuti alle mani, fortunatamente senza gravi conseguenze.

“Nulla di grave, litigio tra giovani”

A raccontare più nel dettaglio l’accaduto, che nei giorni successivi al fatto è stato ingigantito dalle voci di paese, è stato il gestore del bar, che ha raccontato la vicenda: “I tre stavano discutendo, e siccome eravamo all’orario di chiusura del bar li ho mandati fuori. Qui sono venuti alle mani, ma è stata una normale scazzottata e nessuno, che io sappia, si è fatto male”.

Leggi di più sul Giornale di Treviglio e CremascoWeek in edicola.

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di Lite tra giovani finisce in rissa fuori da un bar su Giornale di Cremona.

]]>
Ztl Area B Milano: aperto l’infopoint e attivo il portale https://giornaledicremona.it/attualita/ztl-area-b-milano-aperto-linfopoint-e-attivo-il-portale/ Sat, 23 Feb 2019 16:13:47 +0000 https://giornaledicremona.it/?p=22209 Da lunedì prossimo, 25 febbraio 2019, Milano cambia aria e accende la ZTL più grande d’Italia che delinea, all’interno del perimetro urbano, circa il 72% dell’intero territorio comunale, un’area a basse emissioni inquinanti con divieto di ingresso ai veicoli benzina Euro 0 e diesel Euro 0, 1, 2, 3 e le moto a due tempi […]

Continua la lettura di Ztl Area B Milano: aperto l’infopoint e attivo il portale su Giornale di Cremona.

]]>
Da lunedì prossimo, 25 febbraio 2019, Milano cambia aria e accende la ZTL più grande d’Italia che delinea, all’interno del perimetro urbano, circa il 72% dell’intero territorio comunale, un’area a basse emissioni inquinanti con divieto di ingresso ai veicoli benzina Euro 0 e diesel Euro 0, 1, 2, 3 e le moto a due tempi Euro 0, 1 dal lunedì al venerdì, dalle ore 7:30 alle ore 19:30, esclusi i festivi, con lo stesso orario della congestion charge Area C.

Primo provvedimento simile in Europa

Si tratta del primo provvedimento di queste dimensioni in Europa: regole certe, progressive e graduali per abbattere le polveri inquinanti e migliorare la qualità urbana a Milano. Dopo quello del 25 febbraio il secondo step di Area B sarà il 1° ottobre 2019 con lo stop ai diesel Euro 4, già vietati dal 2017 in Area C. Seguiranno gli altri divieti progressivi per classi di veicoli immatricolati persona e merci a step successivi fino al 2030, quando a Milano saranno vietati tutti i veicoli diesel.

Area B: aperto l’info point e attivo il portale

Completata la preparazione dei 187 varchi di ingresso in città, 15 dei quali già dotati di telecamere, è stato sviluppato da Atm il sistema informatico che consentirà di registrarsi, verificare se la propria auto può entrare in Area B, tenere il conto degli accessi ancora possibili del pacchetto di 50 a disposizione di ogni automobilista e svolgere tutte le pratiche relative alla ztl. Inoltre da oggi alle ore 13:00 sarà aperto al pubblico un infopoint dedicato presso la stazione Duomo della linea rossa della metropolitana. Gli orari di apertura del servizio saranno dalle 8:30 alle 15:30 e saranno 16 gli sportelli a disposizione per qualsiasi informazione relativa al provvedimento. Naturalmente sarà possibile fare tutte le pratiche anche on line attraverso le pagine web del Comune e di Atm.

LEGGI ANCHE: La nuova Area B di Milano spiegata da Marco Granelli

Area C e Area B

Dopo Area C, che riguarda l’area all’interno della Cerchia dei Bastioni inaugurata il 16 gennaio 2011, nasce un provvedimento con finalità diverse: Area C serve a limitare la congestione dei veicoli privati nel centro cittadino attraverso il pagamento di un ticket d’ingresso. Invece Area B copre un’area molto più vasta, quasi 1.400.000 abitanti ovvero il 97,6% della popolazione residente a Milano, e interessa tutti coloro che ogni giorno entrano  in città a bordo di un veicolo a motore, vietando in modo graduale e progressivo quelli più inquinanti.

A partire dall’introduzione di Area B, tra il 2019 e il 2026, le emissioni atmosferiche da traffico si ridurranno complessivamente di circa 25 tonnellate di PM10 allo scarico e di 900-1.500 tonnellate di ossidi di azoto: nel primo caso si tratterà di un’accelerazione immediata con già il 14% di emissioni in meno nel 2019 (-24% nel 2020 e -21% nel 2021); nel caso dell’ossido di azoto il calo maggiore si presenterà tra il 2023 e il 2026 con -11% ogni anno, ma già dal 2019 e gli anni successivi il NOx diminuirà del 5% ogni anno.

LEGGI ANCHE: Area B a Milano: l’attivazione slitta di un mese

Le parole dell’assessore alla Mobilità e Ambiente

“Milano cambia aria per alzare la qualità della vita – dichiara Marco Granelli assessore alla Mobilità e Ambiente –. Negli ultimi anni l’aria che respiriamo è migliorata ma è ancora sopra i livelli di guardia per le polveri sottili nocive alla salute che dobbiamo abbattere drasticamente. Siamo solo il 21 febbraio e, complice un inverno straordinariamente caldo e asciutto, abbiamo già raggiunto 34 su 35 giorni di superamenti dei livelli ammessi di Pm10 nell’aria. Area B non è un provvedimento vessatorio, il sistema che abbiamo messo in campo comprende anche soldi immediatamente disponibili alle imprese e ai privati per incentivare il ricambio del parco auto senza penalizzare le attività, e di facilitazioni per consentire a tutti il passaggio a classi di veicoli che inquinano meno. D’altra parte era necessario entrare in una fase di provvedimenti efficaci e strutturali, siamo certi che le famiglie siano pronte a questo cambiamento”.

Alcune facilitazioni per adeguarsi

Al fine di consentire a tutti di adeguarsi alle nuove regole e senza penalizzare l’uso occasionale dell’auto vi saranno alcune facilitazioni per particolari tipologie di veicolo, anche a seconda dell’utilizzo. In particolare nei primi dodici mesi di attuazione del provvedimento tutti avranno cinquanta giorni di libera circolazione anche non consecutivi. Al primo accesso l’automobilista riceverà via posta un alert che spiega il funzionamento del provvedimento invitandolo a mettersi in regola ma anche ad iscriversi al portale per controllare e gestire gli accessi disponibili. Dal secondo anno di entrata in vigore di Area B i residenti a Milano e le imprese della città avranno 25 giorni all’anno di libera circolazione anche non consecutivi, previa registrazione al sistema on line, tutti gli altri cinque giorni. Solo all’esaurimento dei giorni di libera circolazione scatterà la sanzione.

Gli incentivi

In totale, tra il 2017 e il 2019, il Comune di Milano mette a disposizione 32 milioni di euro per aiutare i milanesi a combattere l’inquinamento, cambiando i vecchi veicoli inquinanti, scegliere modalità di mobilità più sostenibili e migliorare l’efficienza energetica degli edifici. Nello specifico, sono 8 i milioni dedicati alla mobilità e 24 quelli per l’efficientamento energetico.

Per i veicoli immatricolati persone e merci, taxi e ncc sono e saranno attivati quattro bandi per un totale di circa 7 milioni di euro di contributi per la rottamazione di diesel euro 0, 1, 2, 3, 4 immatricolati merci e loro sostituzione con veicoli meno inquinanti, e per quelli immatricolati persona anche per acquisto di scooter, biciclette a pedalata assistita e/o pieghevoli, cargo bike e abbonamenti annuali Atm. Il Comune ha invece concluso i bandi sull’acquisto dei FAP, con i quali in questi due anni ha dato 1.370.800 euro di contributi per 474 veicoli merci.

Questi contributi, destinati a migliorare la qualità dei veicoli circolanti, si aggiungono ai 25 milioni di euro che il Comune ha già messo a disposizione dei privati per il rinnovo delle caldaie e dei sistemi di coibentazione degli edifici residenziali. In totale un ingente investimento di 32 milioni di euro.

Area B: tutto quello che c’è da sapere

Per conoscere nei dettagli la disciplina di Area B e informarsi sui calendari dei divieti, si può consultare www.comune.milano.it/areab dove sono presenti informazione utili, atti e normativa di riferimento. Anche da qui sarà possibile accedere al portale Area B

PORTALE  – https://areab.atm.it  (consigliato l’utilizzo del browser Chrome)

Sul portale Area B è possibile, dopo essersi registrati, verificare e controllare gli accessi effettuati e richiedere la deroga: consente quindi di gestire le targhe dei propri veicoli attraverso una registrazione di campi obbligatori.

Tre le funzioni:

  • Inserimento targhe
  • Verifica le deroghe ambientali
  • Richiesta permessi

Gli step

Cliccando su “Le tue targhe”, una volta registrati, è possibile inserire le proprie targhe dietro compilazione di campi obbligatori. Il sistema verifica in tempo reale la coerenza dei dati con il database della Motorizzazione Civile.
Verifica se il tuo veicolo può accedere ad Area B: cliccando su “verifica se il  tuo veicolo può accedere ad Area B” o nel “cerca classe” basterà inserire il proprio numero di targa e il sistema ti informerà sullo stato di accesso del veicolo. Se il veicolo appartiene a categorie oggetto del provvedimento Area B, apparirà un “semaforo rosso” e sarà necessario registrarsi.

Login in profilo utente: si dovrà procedere alla registrazione al portale inserendo dati anagrafici, codice fiscale etc. seguendo le indicazioni che verranno fornite passo dopo passo (la registrazione avviene attraverso la compilazione di campi obbligatori ed è necessaria perché la disciplina automobilistica obbliga alla registrazione quando il controllo avviene attraverso un sistema di telecamere).

Una volta registrati sarà quindi possibile verificare il proprio stato dei transiti cliccando su “verifica le deroghe ambientali” e verrà fornito il numero di accessi effettuati e quanti ne rimangono a disposizione.

Nel caso di trasporto persone si hanno a disposizione 50 accessi a veicolo non consecutivi validi fino al 24 febbraio 2020; per veicoli trasporto cose superiori ai 12 metri 30 accessi e consecutivi.

Una volta usufruito degli accessi bonus (50 o 30 a seconda della categoria) per non incorrere in una sanzione, sarà necessario chiedere un permesso. Entrato nel proprio profilo, basterà cliccare su “richiesta permessi”, compilare i campi obbligatori e chiedere la deroga per circolare all’interno di Area B.

Nel caso di trasporto persone si avrà diritto a ulteriori 25 permessi per i residenti a Milano e 5 permessi per i non residenti validi fino al 30 settembre 2020. Questi permessi saranno associati al proprietario del veicolo (quindi al suo codice fiscale) e non alla targa. Ad esempio se un proprietario ha 4 veicoli i 25 permessi sono estesi a tutti i mezzi in suo possesso e non 25 per ogni singolo veicolo. Per questo è necessario ogni volta chiedere il permesso che verrà concesso immediatamente fino al termine degli utilizzi consentiti. Per i veicoli che risultano iscritti all’albo delle auto storiche i 25 accessi sono riferiti alla targa e non al proprietario.

Nel caso di veicoli trasporto cose superiori ai 12 metri, che devono raggiungere un’azienda che ha sede all’interno di Area B, sarà necessario chiedere una deroga per non ricevere sanzioni. In modo automatico il sistema genera il permesso che avrà validità per tutta la durata delle deroga concessa, che può variare da un giorno a un anno (la durata viene stabilita dalla disciplina viabilistica).

Nel caso di trasporto merci pericolose classificate nella categoria “esplosivi” per ogni giorno di accesso ad Area B sarà necessario chiedere un permesso.

Continua la lettura di Ztl Area B Milano: aperto l’infopoint e attivo il portale su Giornale di Cremona.

]]>
Detenzione illecita di cocaina, denunciata titolare di locale pubblico https://giornaledicremona.it/cronaca/detenzione-illecita-di-cocaina-denunciata-titolare-di-locale-pubblico/ https://giornaledicremona.it/cronaca/detenzione-illecita-di-cocaina-denunciata-titolare-di-locale-pubblico/#respond Sat, 23 Feb 2019 11:33:09 +0000 https://giornaledicremona.it/?p=22196 Detenzione illecita di cocaina: denunciata titolare di locale pubblico a Casaletto Ceredano. Detenzione illecita di cocaina, denunciata titolare di locale pubblico I carabinieri del Nucleo Operativo unitamente a quelli della dipendente stazione di Bagnolo C.sco ed al NAS di Cremona nella notte appena trascorsa hanno proceduto al controllo di un locale pubblico sito in Casaletto […]

Continua la lettura di Detenzione illecita di cocaina, denunciata titolare di locale pubblico su Giornale di Cremona.

]]>
Detenzione illecita di cocaina: denunciata titolare di locale pubblico a Casaletto Ceredano.

Detenzione illecita di cocaina, denunciata titolare di locale pubblico

I carabinieri del Nucleo Operativo unitamente a quelli della dipendente stazione di Bagnolo C.sco ed al NAS di Cremona nella notte appena trascorsa hanno proceduto al controllo di un locale pubblico sito in Casaletto Ceredano, rinvenendo nella disponibilità della titolare due involucri contenenti complessivamente 11 grammi di stupefacente del tipo cocaina (sequestrata).

Perquisiti gli avventori

Nel locale sono stati perquisiti le diverse decine di clienti tra cui due sono risultati detenere per uso personale della dosi di marijuana, cocaina e dell’hashish (sequestrati) che saranno segnalati alla Prefettura quali assuntori a scopo non terapeutico.

Irregolarità anche nel locale

Gli ispettori del NAS di Cremona hanno elevato alcune contravvenzioni per la scarsa igiene del locale nonché per la mancata revisione degli estintori presenti, per un importo di 3mila euro, richiedendo all’ATS ed al Comune di Casaletto Ceredano di intervenire per le verifiche del caso.

La donna, una 30enne del posto, è stata deferita per detenzione illecita di sostanze stupefacenti alla Procura della Repubblica di Cremona.

LEGGI ANCHE: Rissa selvaggia tra Sikh nel piazzale delle corriere, 4 arresti

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Continua la lettura di Detenzione illecita di cocaina, denunciata titolare di locale pubblico su Giornale di Cremona.

]]>
https://giornaledicremona.it/cronaca/detenzione-illecita-di-cocaina-denunciata-titolare-di-locale-pubblico/feed/ 0
Rissa selvaggia tra Sikh nel piazzale delle corriere: 4 arresti https://giornaledicremona.it/cronaca/rissa-selvaggia-tra-sikh-nel-piazzale-delle-corriere-4-arresti/ https://giornaledicremona.it/cronaca/rissa-selvaggia-tra-sikh-nel-piazzale-delle-corriere-4-arresti/#respond Sat, 23 Feb 2019 10:03:11 +0000 https://giornaledicremona.it/?p=22189 Rissa selvaggia tra Sikh in via Dante: due gruppi di giovani Sikh, uno proveniente dal cremonese e l’altro dal piacentino, per banali motivi di rivalità giovanile, si sono dati appuntamento nella zona delle stazione ferroviaria e si sono “scontrati” nel piazzale delle corriere davanti centinaia di studenti in quel momento presenti per l’orario di uscita […]

Continua la lettura di Rissa selvaggia tra Sikh nel piazzale delle corriere: 4 arresti su Giornale di Cremona.

]]>
Rissa selvaggia tra Sikh in via Dante: due gruppi di giovani Sikh, uno proveniente dal cremonese e l’altro dal piacentino, per banali motivi di rivalità giovanile, si sono dati appuntamento nella zona delle stazione ferroviaria e si sono “scontrati” nel piazzale delle corriere davanti centinaia di studenti in quel momento presenti per l’orario di uscita dei vicini istituti scolastici. Quattro persone arrestate

Rissa selvaggia tra Sikh nel piazzale delle corriere: 4 arresti

La Centrale Operativa della caserma “S. Lucia”, in pochi minuti è stata subissata da decine di telefonate delle persone presenti sul piazzale che chiedevano l’intervento dei militari perché spaventati per quello che stava avvenendo. Subito sono intervenute in via delle Tramvia, nell’area vicino al parcheggio delle autocorriere tre pattuglie dell’Arma individuando una decina di giovani tutti con il turbante che si stavano picchiando, molti rimasti con le t-shirt di colore bianco e quindi sporcate di sangue.

Tra tutti si notava uno che brandiva un bracciale a “fascia” in metallo e che usava anche come “tirapugni” picchiando selvaggiamente sul viso un altro giovane. Alla vista dei militari i rissosi hanno sciolto il “crocchio selvaggio” e sono fuggiti cercando di dileguarsi, ma sono stati comunque tutti fermati. Al termine degli accertamenti, si è appurato che quanto accaduto era da ricondurre ad una lite già innescatasi qualche giorno prima.

L’appuntamento

A causa di banali motivi di “rivalità giovanile” tra due gruppi di sikh residenti nelle province confinanti di Cremona, Piacenza e Lodi e in Emilia, questi ultimi venuti a conoscenza della scuola frequentata dai Cremonesi (alleati con i Sikh provenienti dalla provincia di Lodi), si sono dati appuntamenti attraverso i “social network” in città per chiarirsi.

Attorno alle 13.00, stante le numerose testimonianze raccolte dai Carabinieri, i giovani dopo aver alzato i toni della discussione, improvvisamente si sono tolti le felpe indossate e utilizzando oggetti raccolti, cinture dei pantaloni e bracciali, sono passati alle vie di fatto.

Medicati al pronto soccorso

A seguito della rissa quattro di questi sono dovuti ricorrere alle cure dei sanitari riportando varie lesioni e fratture al setto nasale e agli arti di cui allo stato si conosce la prognosi. Due dei coinvolti hanno dovuto essere ingessati per fratture al polso e alla mano.

Gli arresti

I quattro arrestati per il reato di rissa aggravata e lesioni aggravate sono stati associati presso la Casa Circondariale di Cremona in attesa della convalida che verrà disposta dalla competente A.G..

In arresto sono finiti:

D.A., nato a Cremona cl. 2001, residente a Sesto ed Uniti (CR);
S.P., nato in India cl. 1998, residente a Castelgerundo (LO);
S.G., nato in India cl. 1994, domiciliato a Caorso (PC);
S.G., nato in India cl. 1998, domiciliato a Pontenure (PC).

A carico dei 4 Sikh, in particolare alla luce delle lesioni e dei traumi riportati nello scontro, sono stati raccolti indizi per procedere all’arresto nella flagranza di reato, ma sono stati fermati e identificati altri 8 giovani, tutti Sikh componenti i due gruppi contrapposti ed in particolare un 16enne residente a Cà D’Andrea (CR), un 19enne residente a San Giovanni in Croce (CR), un 20enne residente a Villanova sull’Arda (PC), un 19enne, residente a Sesto ed Uniti (CR), un 18enne residente a Cingia dè Botti (CR), un 21enne residente a Bertonico (LO), un 19enne residente a Cortemaggiore (CR) di cittadinanza indiana e un 21enne residente a Caorso (PC). Le posizioni di questi ultimi sono al vaglio dei Carabinieri.

Negli ultimi tempi la zona di via Dante e delle Stazioni Ferroviaria e delle corriere è stata più volte indicata sui media locali per episodi del genere, ragion per cui sono stati intensificati, in particolare nei fine settimana, i controlli e le pattuglie presenti nella zona con servizi straordinari disposti dalla Compagnia Carabinieri che hanno consentito di individuare spacciatori, segnalare assuntori ed ubriachi, nonché identificare numerosi pregiudicati.

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Continua la lettura di Rissa selvaggia tra Sikh nel piazzale delle corriere: 4 arresti su Giornale di Cremona.

]]>
https://giornaledicremona.it/cronaca/rissa-selvaggia-tra-sikh-nel-piazzale-delle-corriere-4-arresti/feed/ 0
Omicidio di Gorlago, Chiara bruciò Stefania: a inchiodarla il gps dell’auto e l’orologio della vittima https://giornaledicremona.it/cronaca/omicidio-di-gorlago-chiara-brucio-stefania-a-inchiodarla-il-gps-dellauto-e-lorologio-della-vittima/ Sat, 23 Feb 2019 09:52:14 +0000 https://giornaledicremona.it/?p=22192 Come in un macabro puzzle le tessere dell’omicidio di Gorlago, in cui ha perso la vita Stefania Crotti, stanno tornando ognuna al suo posto. E per la sua aguzzina Chiara Alessandri, l’ex amante del marito Stefano Del Bello, la situazione diventa ancora più critica. Omicidio di Gorlago Alessandri si trova in carcere da gennaio quando è […]

Continua la lettura di Omicidio di Gorlago, Chiara bruciò Stefania: a inchiodarla il gps dell’auto e l’orologio della vittima su Giornale di Cremona.

]]>
Come in un macabro puzzle le tessere dell’omicidio di Gorlago, in cui ha perso la vita Stefania Crotti, stanno tornando ognuna al suo posto. E per la sua aguzzina Chiara Alessandri, l’ex amante del marito Stefano Del Bello, la situazione diventa ancora più critica.

Omicidio di Gorlago

Alessandri si trova in carcere da gennaio quando è stata fermata con l’accusa di omicidio e distruzione di cadavere. Durante l’interrogatorio la 44enne, con cui il marito di Crotti aveva avuto una relazione in estate prima di decidere di tornare dalla moglie, aveva confessato l’omicidio avvenuto – secondo la sua ricostruzione – al culmine di un litigio senza, quindi, alcuna premeditazione. Ha sempre negato, invece, di averle dato fuoco, ma sostiene di averla abbandonata, credendola morta, in un campo a Erbusco.

Troppi dettagli non tornano, però, nella ricostruzione della donna che non ha mai avuto un cedimento. Per gli inquirenti la trappola con cui la Alessandri ha attirato la donna nel garage di Gorlago era solo l’inizio di un piano premeditato in tutte le sue parti. Compresa la decisione di dare il suo corpo alle fiamme.

LEGGI ANCHE: Dalla sparizione al ritrovamento di Stefania Crotti

Alessandri ha bruciato la rivale

A confermarlo, ora, sarebbe l’orario, registrato dal gps della sua Mercedes Classe B, l’auto con cui ha trasportato il corpo della rivale fino a Erbusco. Il gps, infatti, registra l’orario in cui la donna ha lasciato l’area del campo per tornare a Gorlago. Si tratta di pochi secondi dopo dell’orario in cui l’orologio della Crotti, portato al polso in quel momento, si è fermato a causa del calore delle fiamme. Alessandri, quindi, era lì mentre Stefania Crotti – ancora viva – stava bruciando.

A dar man forte alla pista della premeditazione c’è poi il comportamento stesso della Alessandri nei mesi precedenti all’omicidio. Telefonate e messaggi persecutori nei confronti dell’ex amante e quei ripetuti tentativi di avvicinamento e chiarimento sia con lui che con la rivale 42enne.

LEGGI ANCHE: Stefania era ancora viva quando è stata bruciata

Il messaggio all’ex amante

L’ultimo messaggio recuperato, andato in onda ieri sera a Quarto Grado mette in luce le intenzione dell’indagata.

“Stefano, stai esagerando — si sente dire da Alessandri con fare intimidatorio — Vuoi fare il bastardo a tutti i costi perché mi vuoi dimostrare che sei capace? Lo stai facendo con la persona sbagliata. Tu, per cortesia, mi affronti. Anche solo per tutto il male che mi hai fatto. Mi dici: “Chiara, sei una merda, perché hai fatto questo, questo e questo”. E me lo dimostri. Non ti ho mai fatto niente alla spalle, Stefano. Non ti ho mai detto niente gratuitamente. E ne avrei avute di cose da dirti. Fin già da agosto”.

E poi si rivolge alla Crotti:

“Credi a lei, va bene — continua — Ti ha partorito la figlia (i figli delle due donne frequentano la stessa scuola, ndr), va bene. Devi andare con lei ai mercatini di Natale, va bene. Rovinati la vita, è la tua. La mia l’hai già rovinata”.

TORNA ALLA HOME

 

Continua la lettura di Omicidio di Gorlago, Chiara bruciò Stefania: a inchiodarla il gps dell’auto e l’orologio della vittima su Giornale di Cremona.

]]>
Carnevale Cremasco, domenica la prima sfilata dei Grandi Carri allegorici https://giornaledicremona.it/attualita/carnevale-cremasco-domenica-la-prima-sfilata-dei-grandi-carri-allegorici/ https://giornaledicremona.it/attualita/carnevale-cremasco-domenica-la-prima-sfilata-dei-grandi-carri-allegorici/#respond Sat, 23 Feb 2019 08:27:19 +0000 https://giornaledicremona.it/?p=22186 Carnevale Cremasco, domenica 24 febbraio 2019 la prima sfilata dei Grandi carri allegorici: il programma della giornata. Carnevale Cremasco, domenica la prima sfilata dei Grandi Carri allegorici Ai blocchi di partenza i grandi carri di 18 metri che sfileranno domenica 24 febbraio per la prima sfilata del Carnevale più imponente della Lombardia…tutto è pronto al […]

Continua la lettura di Carnevale Cremasco, domenica la prima sfilata dei Grandi Carri allegorici su Giornale di Cremona.

]]>
Carnevale Cremasco, domenica 24 febbraio 2019 la prima sfilata dei Grandi carri allegorici: il programma della giornata.

Carnevale Cremasco, domenica la prima sfilata dei Grandi Carri allegorici

Ai blocchi di partenza i grandi carri di 18 metri che sfileranno domenica 24 febbraio per la prima sfilata del Carnevale più imponente della Lombardia…tutto è pronto al capannone, trascorso un anno intero di lavoro la cartapesta è ultimata, conclusi i progetti per creare carri a tema, ingaggiati i gruppi folk che li accompagneranno danzando o recitando. Tra tutti sta scaldando la voce anche Alessandro Bosio, parodista cremasco che per il Carnevale ha creato due nuove canzoni: ‘Crema centro’ e ‘La turtelèra’. Accompagnerà la sfilata sul bellissimo carro dei supereroi immedesimandosi in un personaggio a lui molto affine: Hulk.

I carri in sfilata

Questi i carri in sfilata con i temi (in allegato le spiegazioni dei progetti che rappresentano):

Barabèt- Robin Hood.
Barabèt- C’era una volta…
Barabèt- DURA fa i supereroi.
Gli Amici- SOS salviamo i ghiacciai.
Pantelù: Salviamoci, l’Arca di Noè.
Carro del Comitato allestito dai Barabèt: Moulin Rouge: con a bordo il gruppo ‘Teatro dell’Arte’ di Crema. Scuola di teatro amatoriale che intepreterà le maschere storiche dei famosi carnevali italiani.
Carro di Cremacomics allestito dai Barabèt: “Il Dirigibile” del gruppo SteamPunk. Carro impostato in modo molto moderno e innovativo.

Appuntamento dunque domenica 24 febbraio in Piazza Giovanni XXIII alle ore 14.30. L’evento sarà introdotto dal giornalista Gianluca Savoldi e dall’animatore Davide Pisati. Carri a tema, mascheroni a piedi, bande musicali. Sei i carri giganti con meccanismo interno che favorisce il continuo movimento delle figure. A questi se ne aggiungono altri realizzati da singoli gruppi rappresentativi del cremasco. Rallegreranno la giornata bande e gruppi folkloristici professionisti provenienti dall’Italia e dall’estero, ingaggiati dal Comitato.

Carnevale dei Bambini

Tutte le domeniche nel circuito principale, c’è “L’Isola dei Bambini”. Dove i piccoli possono giocare gratuitamente correndo sui gonfiabili giganti, creando figure con i palloncini in compagnia dei Clown o trasformando il proprio volto in maschere con l’aiuto delle estetiste del ‘Truccabimbi’ (in collaborazione con l’Istituto scolastico Sraffa).

Sfilate e mercatini

Marazzi Moda: le modiste dei corsi della scuola Marazzi realizzeranno abiti di Carnevale rivisitando le maschere famose in versione femminile moderna. Gli abiti verranno poi indossati e sfileranno tutte le domeniche accanto ai grandi carri. Look capelli e trucco sarà curato dalle ragazze della scuola ISPE di Crema.

Mercatini: in piazza Duomo, dal 24 febbraio per tre domeniche, dalle 10 alle 19, saranno allestite bancarelle per la degustazione e la vendita di prodotti locali, prodotti artigianali, biologici e alimentari provenienti da tutta Italia.
NOVITA’: ai Giardini Pubblici tutte le domeniche verrà proposta un’area di Street Food dove sarà possibile gustare cibi veloci tutto il giorno.

Visite guidate alla città

In piazza Duomo al mattino, dal 24 febbraio per tre domeniche, LA PROLOCO organizza visite guidate in Crema per i gruppi provenienti da tutta Italia ma anche per singoli turisti. Per info la Proloco di Crema sarà aperta tutto il giorno: numero telefono 0373 81020. Accoglienza anche per gruppi e pulman.

Per le visite guidate collaboreranno i ragazzi dell’Istituto Sraffa come guide turistiche.

Alla manifestazione domenica 24 febbraio parteciperà una delegazione del Carnevale di Alba Adriatica, gemellato con quello cremasco, che arriva ogni anno con favolosi costumi realizzati a mano.

Teatro dei burattini nelle scuole

Presso le scuole materne ed elementari di Crema e cremasco, in programma in questi giorni spettacoli gratuiti di Burattini offerti dal Comitato Carnevale e presentazione delle maschere originali cremasche “al Gagèt còl sò Uchèt” e Bèta da la lengua scèta, simbolo della tradizione carnevalesca di Crema fin dagli esordi della manifestazione. A cura dell’artigiano Onofrio, professionista burattinaio.

16° RADUNO CAMPERISTI: due domeniche !
In collaborazione con “3C Camper Club Crema” il 24-25-26 febbraio in via Crespi, angolo via Capergnanica. Zona allestita appositamente per la sosta dei camper. In programma raduno di centinaia di turisti-camperisti provenienti da tutta Italia. Info: camperclubcrema.3c@gmail.com

La prima data è già ‘sold-out’ perciò ci sarà un secondo raduno anche il week-end successivo.

Comitato Carnevale Cremasco, telefono 0373 204766, www.carnevaledicrema.it

LEGGI ANCHE: Nuova truffa online del finto “Centro Assistenza”. La Polizia Postale “Fate attenzione”

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Continua la lettura di Carnevale Cremasco, domenica la prima sfilata dei Grandi Carri allegorici su Giornale di Cremona.

]]>
https://giornaledicremona.it/attualita/carnevale-cremasco-domenica-la-prima-sfilata-dei-grandi-carri-allegorici/feed/ 0
Ordinanza anti slot di Ventimiglia, la Fit: “Nulla è deciso!” https://giornaledicremona.it/economia/ordinanza-anti-slot-di-ventimiglia-la-fit-nulla-e-deciso/ Sat, 23 Feb 2019 15:55:51 +0000 https://giornaledicremona.it/?p=22206 “Sull’ordinanza del Comune di Ventimiglia vorrei fare chiarezza”. Giovanni Risso, presidente della Federazione Italiana Tabaccai (Fit), prende posizione in merito a una vertenza in corso nel Comune ligure al confine con la Francia che sta assumendo una valenza emblematica per tutto il comparto degli esercizi che ospitano le cosiddette “macchinette”. Risso reputa doveroso chiarire alcuni aspetti in merito alla […]

Continua la lettura di Ordinanza anti slot di Ventimiglia, la Fit: “Nulla è deciso!” su Giornale di Cremona.

]]>

“Sull’ordinanza del Comune di Ventimiglia vorrei fare chiarezza”.

Giovanni Risso, presidente della Federazione Italiana Tabaccai (Fit), prende posizione in merito a una vertenza in corso nel Comune ligure al confine con la Francia che sta assumendo una valenza emblematica per tutto il comparto degli esercizi che ospitano le cosiddette “macchinette”.

Risso reputa doveroso chiarire alcuni aspetti in merito alla notizia, apparsa su numerosi articoli di stampa locale e specializzata, relativa al rigetto della sospensiva, deciso dal Tar della Liguria, dell’ordinanza con la quale il Comune ligure ha limitato il funzionamento degli apparecchi da intrattenimento dalle 7 alle 19.

Ricorso distinto da quello della Fit

“Innanzitutto, l’ordinanza emessa dal Tar Liguria riguarda la richiesta di sospensiva avanzata dalla Società Fun Seven srl, nell’ambito di ricorso autonomo e distinto rispetto a quello avanzato da Fit”.

Non entra nel merito della legittimità

“In secondo luogo – specifica il Presidente Risso – il provvedimento del Tar non entra nel merito della legittimità dell’ordinanza del sindaco Ioculano, legittimità che sarà decisa solamente nella fase di merito del processo”.

Occorre attendere la sentenza conclusiva

Il presidente conclude:

“Reputo essenziale questo chiarimento vista l’estrema delicatezza della questione. Attendiamo, pertanto, la sentenza conclusiva dell’intero procedimento”.

Continua la lettura di Ordinanza anti slot di Ventimiglia, la Fit: “Nulla è deciso!” su Giornale di Cremona.

]]>
Ospedale Oglio Po, corsi gratuiti di accompagnato alla nascita https://giornaledicremona.it/attualita/ospedale-oglio-po-corsi-gratuiti-di-accompagnato-alla-nascita/ https://giornaledicremona.it/attualita/ospedale-oglio-po-corsi-gratuiti-di-accompagnato-alla-nascita/#respond Sat, 23 Feb 2019 07:59:54 +0000 https://giornaledicremona.it/?p=22181 Ospedale Oglio Po, corsi gratuiti di accompagnato alla nascita: dal 28 febbraio partono otto nuovi incontri tematici che spaziano dall’allattamento, ai vaccini alla fisicità in acqua. Ospedale Oglio Po, corsi gratuiti di accompagnato alla nascita Partirà il 28 febbraio 2019 la nuova edizione del corso di accompagnamento alla nascita, organizzato dagli operatori dell’UO Ostetricia dell’Ospedale […]

Continua la lettura di Ospedale Oglio Po, corsi gratuiti di accompagnato alla nascita su Giornale di Cremona.

]]>
Ospedale Oglio Po, corsi gratuiti di accompagnato alla nascita: dal 28 febbraio partono otto nuovi incontri tematici che spaziano dall’allattamento, ai vaccini alla fisicità in acqua.

Ospedale Oglio Po, corsi gratuiti di accompagnato alla nascita

Partirà il 28 febbraio 2019 la nuova edizione del corso di accompagnamento alla nascita, organizzato dagli operatori dell’UO Ostetricia dell’Ospedale Oglio Po in collaborazione con il Consultorio di Casalmaggiore.

La struttura del corso

Il corso è strutturato in otto incontri per parlare con i professionisti di travaglio, parto, dolore, skin to skin, allattamento, puerperio, vaccinazioni e ritorno a casa. Non solo. Sono previste lezioni pratiche per sperimentare la fisicità in acqua presso le Piscine di Viadana.

Il percorso di accompagnamento alla nascita è gratuito.

Per informazioni e iscrizioni: UO Ostetricia e Ginecologia – Ospedale Oglio Po, Via Staffolo, 51 Vicomoscano – Casalmaggiore, tel. 0375 281503, dal lunedì al venerdì, dalle 8 alle 20

LEGGI ANCHE: ASST Cremona, Open day 8 marzo 2019: visite gratuite e senza prenotazione

Continua la lettura di Ospedale Oglio Po, corsi gratuiti di accompagnato alla nascita su Giornale di Cremona.

]]>
https://giornaledicremona.it/attualita/ospedale-oglio-po-corsi-gratuiti-di-accompagnato-alla-nascita/feed/ 0
Auto fuori strada a San Daniele Po SIRENE DI NOTTE https://giornaledicremona.it/cronaca/auto-fuori-strada-a-san-daniele-po-sirene-di-notte/ https://giornaledicremona.it/cronaca/auto-fuori-strada-a-san-daniele-po-sirene-di-notte/#respond Sat, 23 Feb 2019 06:20:01 +0000 https://giornaledicremona.it/?p=22177 Auto fuori strada a San Daniele Po intorno a mezzanotte e mezza. Soccorsa una persona. Auto fuori strada a San Daniele Po Dieci minuti dopo mezzanotte e mezza è giunta una chiamata alla centrale operativa del 118. Segnalata un’auto uscita di strada in località Cascina Palazzina a San Daniele Po e una persona rimasta ferita. […]

Continua la lettura di Auto fuori strada a San Daniele Po SIRENE DI NOTTE su Giornale di Cremona.

]]>
Auto fuori strada a San Daniele Po intorno a mezzanotte e mezza. Soccorsa una persona.

Auto fuori strada a San Daniele Po

Dieci minuti dopo mezzanotte e mezza è giunta una chiamata alla centrale operativa del 118. Segnalata un’auto uscita di strada in località Cascina Palazzina a San Daniele Po e una persona rimasta ferita. Sul posto si sono precipitate le forze dell’Ordine, i Vigili del Fuoco e i sanitari con un’ambulanza e un’automedica. Una volta raggiunta la località del sinistro però non hanno trovato nessun riscontro.

Caduta

Un uomo di 74 anni invece è finito in ospedale dopo essersi infortunato. E’ successo intorno alle 20 di ieri, venerdì 22 febbraio 2019. L’uomo vittima di una caduta accidentale in Strada Baslenga a Casalmaggiore è stato raggiunto da un’ambulanza e portato in ospedale per le cure del caso.

LEGGI ANCHE: Nuova truffa online del finto “Centro Assistenza”. La Polizia Postale “Fate attenzione”

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Continua la lettura di Auto fuori strada a San Daniele Po SIRENE DI NOTTE su Giornale di Cremona.

]]>
https://giornaledicremona.it/cronaca/auto-fuori-strada-a-san-daniele-po-sirene-di-notte/feed/ 0
Salta un giunto del ponte sul Po, senso unico alternato https://giornaledicremona.it/cronaca/salta-un-giunto-del-ponte-sul-po-senso-unico-alternato/ https://giornaledicremona.it/cronaca/salta-un-giunto-del-ponte-sul-po-senso-unico-alternato/#respond Fri, 22 Feb 2019 17:01:01 +0000 https://giornaledicremona.it/?p=22163 Salta un giunto del ponte sul Po che collega Cremona a Castelvetro. Si aspetta l’intervento dei tecnici: istituito nel frattempo il senso unico alternato. Salta un giunto del ponte sul Po Disagi nel pomeriggio di oggi, venerdì 22 febbraio 2019, per gli automobilisti. Intorno alle 17, un giunto del ponte sul fiume Po che collega […]

Continua la lettura di Salta un giunto del ponte sul Po, senso unico alternato su Giornale di Cremona.

]]>
Salta un giunto del ponte sul Po che collega Cremona a Castelvetro. Si aspetta l’intervento dei tecnici: istituito nel frattempo il senso unico alternato.

Salta un giunto del ponte sul Po

Disagi nel pomeriggio di oggi, venerdì 22 febbraio 2019, per gli automobilisti. Intorno alle 17, un giunto del ponte sul fiume Po che collega Cremona a Castelvetro si è rotto. Interessato dal cedimento la corsia che va in direzione di Piacenza. Ciò non comporta problemi di stabilità all’infrastruttura, ma può essere un pericolo per le auto.

Senso unico alternato

Per questo motivo il ponte non è stato chiuso ma è stato istituito il senso unico alternato. La disposizione resterà in vigore fino a quando, i tecnici inviati dalla Provincia di Piacenza non interverranno. Attualmente si trovano sul posto Vigili e Carabinieri. Si auspica che in un paio di ore venga ripristinato.

LEGGI ANCHE: ASST Cremona, Open day 8 marzo 2019: visite gratuite e senza prenotazione

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Continua la lettura di Salta un giunto del ponte sul Po, senso unico alternato su Giornale di Cremona.

]]>
https://giornaledicremona.it/cronaca/salta-un-giunto-del-ponte-sul-po-senso-unico-alternato/feed/ 0
L’ombra del caporalato sulla questua e sui borseggi in centro https://giornaledicremona.it/cronaca/lombra-del-caporalato-sulla-questua-e-sui-borseggi-in-centro/ Fri, 22 Feb 2019 17:03:00 +0000 https://giornaledicremona.it/?p=22169 E’ polemica a Crema sui sempre frequenti episodi di borseggi e accattonaggio molesto, dietro ai quali si celerebbe un sistema organizzato di “caporalato”. Giovedì si è tenuta una riunione interforze con Giuliano Semeraro, comandante della Polizia locale. “Dopo le assidue segnalazioni di borseggi, la sorveglianza è stata rafforzata e ora vedremo di intensificarla con un coordinamento […]

Continua la lettura di L’ombra del caporalato sulla questua e sui borseggi in centro su Giornale di Cremona.

]]>
E’ polemica a Crema sui sempre frequenti episodi di borseggi e accattonaggio molesto, dietro ai quali si celerebbe un sistema organizzato di “caporalato”. Giovedì si è tenuta una riunione interforze con Giuliano Semeraro, comandante della Polizia locale. “Dopo le assidue segnalazioni di borseggi, la sorveglianza è stata rafforzata e ora vedremo di intensificarla con un coordinamento tra le varie forze” fanno sapere dagli Uffici comunali. Le vittime vengono strattonate da chi staziona abitualmente tra i banchi degli ambulanti per chiedere denaro con arroganza.

Ospedale e mercato

La questione è sbarcata sui banchi della politica. “La questua molesta al mercato e in altre zone della città, quali il parcheggio dell’ospedale Maggiore, è un grave problema, continuamente richiamato e mai risolto dall’attuale Amministrazione” ha commentato Manuel Draghetti, consigliere di minoranza per il Movimento 5 stelle “Ricordo ancora quando anni fa il sindaco  Stefania Bonaldi convocò la prima Commissione sicurezza per affrontare la questione. Da allora poco o nulla è cambiato. Innumerevoli volte l’ho sollecitata nel riconvocare questa benedetta commissione, oltre a proporre di rendere le sedute pubbliche. Però il problema è ancora lì, sempre più grave e sempre più sentito dai cittadini: mai risolto in maniera definitiva dopo quasi sette anni di Giunta Bonaldi. Un vero disastro”.

LEGGI DI PIU’ SU CREMASCOWEEK IN EDICOLA

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di L’ombra del caporalato sulla questua e sui borseggi in centro su Giornale di Cremona.

]]>
Gemellini adottati da una coppia gay: polemiche a Crema https://giornaledicremona.it/attualita/gemellini-adottati-da-una-coppia-gay-polemiche-a-crema/ Fri, 22 Feb 2019 16:56:18 +0000 https://giornaledicremona.it/?p=22166 L’adozione di due gemellini in una coppia omosessuale divide ancora il Consiglio comunale di Crema. Bocciata la mozione di Forza Italia, il Comune conferma il riconoscimento della nuova famiglia. Bocciata la mozione azzurra, ok al riconoscimento E’ stata bocciata la mozione di Forza Italia Crema in cui gli azzurri chiedevano di annullare il riconoscimento dell’iscrizione […]

Continua la lettura di Gemellini adottati da una coppia gay: polemiche a Crema su Giornale di Cremona.

]]>
L’adozione di due gemellini in una coppia omosessuale divide ancora il Consiglio comunale di Crema. Bocciata la mozione di Forza Italia, il Comune conferma il riconoscimento della nuova famiglia.

Bocciata la mozione azzurra, ok al riconoscimento

E’ stata bocciata la mozione di Forza Italia Crema in cui gli azzurri chiedevano di annullare il riconoscimento dell’iscrizione all’anagrafe di due gemellini, adottati da una coppia gay. Rimane pertanto valido l’atto vergato dal sindaco Stefania Bonaldi per il secondo papà dei due gemellini. I bimbi erano nati con la maternità surrogata in America.  La legislazione italiana presenta grandi lacune su come registrare all’anagrafe i nuovi arrivati.

Il vuoto legislativo

Lunedì i gruppi consiliari di Centrodestra hanno dato battaglia per ottenere la revoca dell’atto di sottoscrizione, effettuato nel registro di doppia genitorialità. “In presenza di un vuoto legislativo il sindaco non può decidere che cosa può andar bene, né trasformare la città in un luogo dei diritti a suo piacimento – ha rimarcato Andrea Agazzi, consigliere di minoranza per la Lega – Ritengo che la difesa dell’identità della famiglia, su cui poggia la nostra società, sia un’assunzione di responsabilità. Qui è in corso una battaglia di identità. Il sindaco vuole fare la “prima della classe” e legiferare al posto del Parlamento. Esiste l’amore omosessuale, ma non la famiglia omosessuale”. Del medesimo parere altri esponenti dell’opposizione che hanno scagliato stoccate.

LEGGI DI PIU’ su CremascoWeek in edicola

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di Gemellini adottati da una coppia gay: polemiche a Crema su Giornale di Cremona.

]]>
Nuova truffa online del finto “Centro Assistenza”. La Polizia Postale “Fate attenzione” https://giornaledicremona.it/attualita/nuova-truffa-online-del-finto-centro-assistenza-la-polizia-postale-fate-attenzione/ https://giornaledicremona.it/attualita/nuova-truffa-online-del-finto-centro-assistenza-la-polizia-postale-fate-attenzione/#respond Fri, 22 Feb 2019 17:07:14 +0000 https://giornaledicremona.it/?p=22165 Arriva una nuova allerta sulla pagina Facebook “Commissariato di PS On Line – Italia”. Si tratta della truffa del finto “Centro Assistenza”. Non contattate nessun numero. Nuova truffa online del finto “Centro Assistenza” Il post della Polizia Postale e lo screenshot contenente l’immagine che potrebbe apparire sul pc sono eloquenti per i rischi che corriamo: “Può capitare […]

Continua la lettura di Nuova truffa online del finto “Centro Assistenza”. La Polizia Postale “Fate attenzione” su Giornale di Cremona.

]]>
Arriva una nuova allerta sulla pagina Facebook “Commissariato di PS On Line – Italia”. Si tratta della truffa del finto “Centro Assistenza”. Non contattate nessun numero.

Nuova truffa online del finto “Centro Assistenza”

Il post della Polizia Postale e lo screenshot contenente l’immagine che potrebbe apparire sul pc sono eloquenti per i rischi che corriamo:

“Può capitare in questi giorni che, navigando sul web, giungano degli avvisi, grazie a dei popup automatici, che segnalano la presenza di virus all’interno del proprio dispositivo (PC) – si legge sul sito della Polizia Postale. Nulla di questo è vero. Il messaggio, specificatamente, consiglia all’utente di contattare telefonicamente un “centro assistenza”, attraverso il quale si può accedere ad un servizio a pagamento finalizzato alla “pulizia” e manutenzione del PC. Una volta contattato il “centro assistenza” , fantomatici ingegneri informatici, attraverso delle indicazioni ben precise, “aiutano” l’ignaro malcapitato ad installare un software malevolo che consente, da remoto, di poter accedere a tutte le informazioni presenti sul computer stesso”.

“Ancora una volta hacker e truffatori della rete cercano di approfittare della nostra ingenuità e delle nostre disattenzioni per accedere abusivamente ai nostri dispositivi” rileva Giovanni D’Agata, presidente dello Sportello dei Diritti”.

I consigli

Ecco perché è utile seguire alcuni semplici consigli riportati anche sul sito istituzionale della forza di polizia specializzata nella lotta al crimine informatico:

–     Diffidate del numero telefonico riportato nel messaggio, anche se si presenta come un numero di telefonia urbana allocato in Italia;

– Non installate alcun software “consigliato” dal centro assistenza;

– Installate un antivirus aggiornato ed effettuate una scansione del dispositivo;

– Cancellate la cronologia di navigazione;

– Non fornite numeri di carte di credito, indirizzi email e altri dati personali;

– Non pagate alcuna somma di denaro.

Continua la lettura di Nuova truffa online del finto “Centro Assistenza”. La Polizia Postale “Fate attenzione” su Giornale di Cremona.

]]>
https://giornaledicremona.it/attualita/nuova-truffa-online-del-finto-centro-assistenza-la-polizia-postale-fate-attenzione/feed/ 0
ASST Cremona, Open day 8 marzo 2019: visite gratuite e senza prenotazione https://giornaledicremona.it/attualita/asst-cremona-open-day-8-marzo-2019-visite-gratuite-e-senza-prenotazione/ https://giornaledicremona.it/attualita/asst-cremona-open-day-8-marzo-2019-visite-gratuite-e-senza-prenotazione/#respond Fri, 22 Feb 2019 13:58:50 +0000 https://giornaledicremona.it/?p=22154 Per l’ASST di Cremona, da anni ormai, l’8 marzo sarà all’insegna dei percorsi di salute al femminile. ASST Cremona, Open day 8 marzo Le donne potranno scegliere di effettuare gratuitamente e senza prenotazione visite senologiche, ginecologiche, valutazione del rischio di tromboembolismo venoso (test), partecipare agli incontri informativi curati dai Consultori di Cremona e Casalmaggiore. La novità di quest’anno? […]

Continua la lettura di ASST Cremona, Open day 8 marzo 2019: visite gratuite e senza prenotazione su Giornale di Cremona.

]]>
Per l’ASST di Cremona, da anni ormai, l’8 marzo sarà all’insegna dei percorsi di salute al femminile.

ASST Cremona, Open day 8 marzo

Le donne potranno scegliere di effettuare gratuitamente e senza prenotazione visite senologiche, ginecologiche, valutazione del rischio di tromboembolismo venoso (test), partecipare agli incontri informativi curati dai Consultori di Cremona e Casalmaggiore.

La novità di quest’anno? Partecipa anche il Servizio Dipendenze di Cremona e Casalmaggiore per parlare alle donne di gioco d’azzardo, un fenomeno che riguarda sempre di più anche la sfera femminile, ma che è ancora troppo sottovalutato. In materia di prevenzione fondamentale sarà la collaborazione con le assistenti sanitarie dell’ATS della Val Padana, che saranno presenti nelle diverse sedi per effettuare counseling, promozione della salute e dello screening.

Prevenzione

Obiettivo dell’iniziativa è quello di diffondere la cultura dell’informazione e prevenzione sulla base del noto principio “prevenire è meglio che curare”: la diagnosi precoce favorisce e facilita la cura e in molti casi garantisce la guarigione. In particolare, il focus di quest’anno è la prevenzione del fibroma uterino nelle varie fasi della vita della donna. L’iniziativa è patrocinata da: Comune di Cremona, Provincia di Cremona, Comune di Casalmaggiore, Comune di Pizzighettone, Ufficio Consigliera di Pari Opportunità della Provincia di Cremona.

Partner

Si svolge in collaborazione con: ATS della Val Padana, Fondazione Opera Pia “Luigi Mazza” Onlus, Associazione Incontro Donne Antiviolenza, Associazione Italiana Pazienti Anticoagulati, Associazione Amici dell’Ospedale di Cremona, Associazione Amici dell’Ospedale Oglio Po, Associazione Italiana Sclerosi Multipla, Associazione Nazionale Donne Operate al Seno, Associazione Patologia Oncologica Mammaria, Associazione per la Ricerca in Campo Oncologico, Associazione per il Volontariato nelle Unità Locali Socio Sanitarie, Cancro Primo Aiuto, Croce Rossa Italiana, Donne Senza Frontiere, Mammalia, Mamme…che stress, Rotarians 4 Health.

LEGGI ANCHE: Chiara Ferragni finisce nel mirino degli animalisti

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Continua la lettura di ASST Cremona, Open day 8 marzo 2019: visite gratuite e senza prenotazione su Giornale di Cremona.

]]>
https://giornaledicremona.it/attualita/asst-cremona-open-day-8-marzo-2019-visite-gratuite-e-senza-prenotazione/feed/ 0
Allarme inquinamento, anche nella Bassa non si respira https://giornaledicremona.it/attualita/allarme-inquinamento-laria-di-milano-e-la-peggiore-in-lombardia/ Fri, 22 Feb 2019 14:25:37 +0000 https://giornaledicremona.it/?p=22159 Milano raggiunge i 35 giorni di superamento dei limiti di legge, seguono Pavia e Cremona. L’assenza di precipitazioni non aiuta. Ma anche nella Bassa febbraio segna record non confortanti, con valori di Pm10 che sono in questi giorni superiori ai limiti in praticamente tutta la pianura. Inquinamento aria: i dati della Bassa Ecco i valori […]

Continua la lettura di Allarme inquinamento, anche nella Bassa non si respira su Giornale di Cremona.

]]>
Milano raggiunge i 35 giorni di superamento dei limiti di legge, seguono Pavia e Cremona. L’assenza di precipitazioni non aiuta. Ma anche nella Bassa febbraio segna record non confortanti, con valori di Pm10 che sono in questi giorni superiori ai limiti in praticamente tutta la pianura.

Inquinamento aria: i dati della Bassa

Ecco i valori di Pm10 stimati dall’Arpa a Verdello, Casirate, Treviglio e Romano dall’inizio di febbraio a ieri, giovedì 21 febbraio. Il limite, ricordiamo, è di 50 microgrammi per metro cubo. Da quasi una settimana, fatta eccezione per mercoledì, il valore è infranto.

Allarme inquinamento: Milano maglia nera

In Lombardia continua imperterrita l’ascesa dei livelli di polveri sottili nell’aria e il clima non aiuta, in assenza di precipitazioni. Nei prossimi giorni solo i rinforzi di vento potrebbero portare sollievo all’aria ammorbata della conca padana, ma per ora siamo a livelli di inquinamento molto superiori a quelli raccomandati dall’Unione Europea. L’emergenza smog da inizio anno è divenuta una condizione di ordinaria amministrazione, dimostrando il fallimento del Piano Aria delle Regioni del bacino padano.  In questo quadro difficile di aria davvero pessima, Milano guida la classifica delle città lombarde più inquinate e da oggi, con le sue giornate di smog oltre i limiti di legge, ha già bruciato la franchigia dei 35 giorni annui concessi dalla normativa europea per i superamenti della soglia di 50 microgrammi per metro cubo, su 52 date di calendario trascorse

Capoluogo
Provincia
Concentrazioni medie
PM10 2019 da inizio anno
GIORNI SUPERAMENTO
Soglia PM10 da inizio anno
MILANO 57 35
PAVIA 56 32
CREMONA 55 32
MANTOVA 52 28
LODI 51 26
MONZA 48 26
BRESCIA 48 26
COMO 44 19
BERGAMO 43 17
VARESE 39 13
LECCO 32 13
SONDRIO 34 6

Tab. 1 – Giorni di superamento da inizio anno del limite di legge di 50 μg/m3

Zona B a Milano ok

L’unica buona notizia viene da Milano, che da questo fine settimana attiverà la zona B: una misura, finalmente strutturale, per avviare la road map dell’uscita dal diesel. Un’azione che purtroppo resta isolata nel panorama padano dove, anzi, le istituzioni sembrano essere ancora troppo indulgenti con il diesel. Nel recente incontro a Roma tra le Regioni Lombardia, Emilia Romagna, Piemonte e Veneto insieme ai tecnici del Ministero dell’Ambiente per fare il punto sugli avanzamenti dell’Accordo per la riduzione dell’inquinamento, è stata paventata la possibilità di estendere gli incentivi dedicati alla sostituzione di veicoli commerciali e privati anche a chi sceglierà di acquistare mezzi diesel di omologazione Euro6.2 D-temp.  Questi avrebbero emissioni più contenute, come sostenuto dall’assessore Raffaele Cattaneo.

Stop ai diesel

«Milano con Area B dà finalmente il buon esempio, insieme ad un messaggio chiaro a mercato e consumatori, nel solco delle altre maggiori metropoli europee: dal diesel bisogna uscire il più rapidamente possibile se vogliamo risanare l’aria di città – dichiara Barbara Meggetto, presidente di Legambiente Lombardia – E’ ormai chiaro che questi motori, anche nelle versioni più recenti, sono incompatibili con la situazione di perdurante inquinamento della pianura padana, è inutile e sbagliato indugiare o dare messaggi contraddittori ai consumatori. Oggi bisogna impegnarsi per le forme di mobilità alternative all’automobile, e preparare il terreno alla transizione verso la motorizzazione elettrica: non c’è spazio per ritorni al passato o per incentivi privi di una seria prospettiva come quelli ipotizzati da Regione Lombardia, sul diesel occorre voltare pagina»

Anche la zootecnia ha il suo peso

In giornate di primavera anticipata, l’incidenza del riscaldamento domestico sulle emissioni inquinanti si ridimensiona, anche se resta elevato il ruolo negativo delle stufe a legna e delle caldaie a diesel ancora troppo diffuse nelle nostre città. Tra i responsabili principali dell’aria irrespirabile emergono la zootecnia intensiva e gli spandimenti di liquami e fanghi nei campi: lo dimostrano i dati che riguardano Pavia e Cremona, che occupano gli altri due gradini del podio e le province agricole della bassa.

I dati di Milano

I dati sulle polveri sottili misurate dalla centralina di Milano-via Pascal realizzata da ARPA Lombardia non mentono. La cosiddetta “impronta digitale chimica” (vd. schema 1) rivela come nel tardo inverno diminuisca la concentrazione di ‘black carbon’, prodotto diretto delle combustioni, mentre aumentino, fino a divenire largamente prevalenti, i particolati formati dal nitrato d’ammonio. Si tratta di polveri secondarie, che si formano per effetto di reazioni chimiche che avvengono direttamente nell’atmosfera tra due gas: gli NOx e l’ammoniaca. I primi sono i fumi tossici dei motori diesel, l’ammoniaca invece deriva dall’enorme carico di bestiame che pesa sulla pianura lombarda: 5 milioni di suini e 1,5 milioni di bovini che producono decine di milioni di tonnellate di deiezioni, cariche di sostanze ammoniacali, vengono sparse sui campi proprio a partire dal mese di febbraio, dopo il periodo invernale di divieto.

 

“Agire per contrastare un mix micidiale”

«Il modo più efficace per contrastare questo mix micidiale è agire per ridurre entrambi gli ingredienti – spiega Barbara Meggetto – con misure di progressiva limitazione dell’uso dei veicoli diesel, con buone pratiche per la gestione dei reflui zootecnici, che oggi sono molto poco diffuse, e anche con una politica agricola regionale che punti a ridurre l’impatto ambientale della propria zootecnia estensiva, senza dimenticare l’urgenza di estese politiche di riqualificazione energetica degli edifici, vere strutture energivore, soprattutto quelli ancora riscaldati con caldaie obsolete e privi di isolamento termico».

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di Allarme inquinamento, anche nella Bassa non si respira su Giornale di Cremona.

]]>
Chiara Ferragni attaccata dagli animalisti https://giornaledicremona.it/attualita/chiara-ferragni-attaccata-dagli-animalisti/ https://giornaledicremona.it/attualita/chiara-ferragni-attaccata-dagli-animalisti/#respond Fri, 22 Feb 2019 13:43:32 +0000 https://giornaledicremona.it/?p=22148 La celebre influencer e imprenditrice digitale cremonese è finita nel mirino degli animalisti. Chiara Ferragni animalisti Ancora polemiche su Chiara Ferragni. Questa volta la motivazione è legata alla borsa sfoggiata in un post pubblicato sulla sua pagina Instagram. Si tratta di una costosissima borsa di Hermès, in pelle di coccodrillo. “Se ne frega” Gli animalsiti di […]

Continua la lettura di Chiara Ferragni attaccata dagli animalisti su Giornale di Cremona.

]]>
La celebre influencer e imprenditrice digitale cremonese è finita nel mirino degli animalisti.

Chiara Ferragni animalisti

Ancora polemiche su Chiara Ferragni. Questa volta la motivazione è legata alla borsa sfoggiata in un post pubblicato sulla sua pagina Instagram. Si tratta di una costosissima borsa di Hermès, in pelle di coccodrillo.

“Se ne frega”

Gli animalsiti di Aidaa hanno attaccato la Ferragni:

“Molto probabilmente la signora Ferragni non ignora quale massacro ci sia dietro la borsa di coccodrillo da lei presentata nei giorni scorsi, ma nonostante tutto la signora che vive felice nel cuore di City Life a Milano se ne frega, se ne frega che centianai di cuccioli di coccodrillo vengano stipati in vasche di cemento e uccisi in maniera brutale”.

LEGGI ANCHE: Formigoni è in carcere a Bollate

 

Continua la lettura di Chiara Ferragni attaccata dagli animalisti su Giornale di Cremona.

]]>
https://giornaledicremona.it/attualita/chiara-ferragni-attaccata-dagli-animalisti/feed/ 0
Ancora un fine settimana di sole. Ma torna il freddo PREVISIONI METEO https://giornaledicremona.it/attualita/ancora-un-fine-settimana-di-sole-ma-torna-il-freddo-previsioni-meteo/ https://giornaledicremona.it/attualita/ancora-un-fine-settimana-di-sole-ma-torna-il-freddo-previsioni-meteo/#respond Fri, 22 Feb 2019 14:19:26 +0000 https://giornaledicremona.it/?p=22157 Ancora un fine settimana di sole. Ma torna il freddo. I venti da Est abbasseranno le temperature massime, assestandole tra i 9 e gli 11 gradi. Previsioni meteo. Ancora un fine settimana di sole. Ma torna il freddo Da diversi giorni assistiamo ad una primavera anticipata in Lombardia con temperature gradevoli, specie nelle ore centrali […]

Continua la lettura di Ancora un fine settimana di sole. Ma torna il freddo PREVISIONI METEO su Giornale di Cremona.

]]>
Ancora un fine settimana di sole. Ma torna il freddo. I venti da Est abbasseranno le temperature massime, assestandole tra i 9 e gli 11 gradi. Previsioni meteo.

Ancora un fine settimana di sole. Ma torna il freddo

Da diversi giorni assistiamo ad una primavera anticipata in Lombardia con temperature gradevoli, specie nelle ore centrali della giornata, e assenza di precipitazioni. Sarà così anche nel weekend prossimo quando, secondo l’esperto meteo Christian Brambilla, ci aspettano giornate di sole, con un cielo a tratti velato e il ritorno dei venti di “Foehn”.  Inverno dunque secco e molto caldo. In pratica quasi mai arrivato.

Previsioni meteo per sabato e domenica

Dopo la bella giornata odierna, con sole e temperature che hanno sfiorato i 16/18 gradi in Brianza, nel Lecchese, Varesotto, Milanese, Comasco, domani, sabato 23 febbraio, ci attende un cielo più velato, ma asciutto. I venti da Est abbasseranno però le temperature massime assestandole tra i 9 e gli 11 gradi.
Domenica ulteriore abbassamento delle temperature. Il cielo sarà sereno ma le minime torneranno sullo zero termico e le massime non supereranno i 13 gradi.

Continua la lettura di Ancora un fine settimana di sole. Ma torna il freddo PREVISIONI METEO su Giornale di Cremona.

]]>
https://giornaledicremona.it/attualita/ancora-un-fine-settimana-di-sole-ma-torna-il-freddo-previsioni-meteo/feed/ 0
Arnesi da scasso in un furgone dietro il cimitero, tre denunciati https://giornaledicremona.it/cronaca/arnesi-da-scasso-in-un-furgone-dietro-il-cimitero-tre-denunciati/ Fri, 22 Feb 2019 13:30:03 +0000 https://giornaledicremona.it/?p=22149 Arnesi da scasso nel furgone fermo, in piena notte, dietro il cimitero di Dovera. Tre persone sono state fermate stanotte. Arnesi da scasso nel furgone Stanotte, intorno all’una,  un atomobilista ha segnalato al 112  la presenza sospetta di un furgone con tre persone a bordo dietro al cimitero di Dovera. Sul posto è stato quindi […]

Continua la lettura di Arnesi da scasso in un furgone dietro il cimitero, tre denunciati su Giornale di Cremona.

]]>
Arnesi da scasso nel furgone fermo, in piena notte, dietro il cimitero di Dovera. Tre persone sono state fermate stanotte.

Arnesi da scasso nel furgone

Stanotte, intorno all’una,  un atomobilista ha segnalato al 112  la presenza sospetta di un furgone con tre persone a bordo dietro al cimitero di Dovera.
Sul posto è stato quindi inviato un equipaggio dell’ dipendente stazione di Pandino che ha individuato un “Fiat Doblò”, due donne e un uomo. I tre non
sono stati in grado di giustificare la loro presenza e a bordo del furgone i militari hanno rinvenuto attrezzi atti allo scasso nonché guanti e torce, solitamente utilizzati per commettere reati contro il patrimonio

Che ci facevano dietro il cimitero?

I tre, di cui due residenti in un paese della periferia di Milano e una
a Treviglio, sono gravati da precedenti penali per reati contro il patrimonio. Nei pressi del cimitero, solitamente depredato dei pluviali in rame, c’è anche una ditta, forse l’obiettivo prescelto dai malfattori che tuttavia non hanno potuto operare indisturbati grazie alla segnalazione tempestiva e all’intervento immediato dei carabinieri di Pandino. I tre, poco più che 30 enni, nullafacenti, sono stati accompagnati in caserma e deferiti alla Procura della Repubblica di Cremona per possesso in concorso di attrezzi atti allo scasso. Per loro  il foglio di via dal Comune di Dovera per anni tre, al fine di evitare che possano ritornare per commettere delitti contro il patrimonio.

TORNA ALLA HOME

Continua la lettura di Arnesi da scasso in un furgone dietro il cimitero, tre denunciati su Giornale di Cremona.

]]>
Da questa mattina Formigoni è in carcere a Bollate VIDEO https://giornaledicremona.it/cronaca/da-questa-mattina-formigoni-e-in-carcere-a-bollate-video/ Fri, 22 Feb 2019 13:18:37 +0000 https://giornaledicremona.it/?p=22145 L’ex governatore della Lombardia Roberto Formigoni ha fatto ingresso questa mattina nel penitenziario di Bollate dopo che ieri è stato condannato in via definitiva dalla Cassazione a 5 anni e dieci mesi. La pena è stata ridotta per la prescrizione di un capo di accusa. L’avvocato ha già chiesto i domiciliari Una condanna a cinque […]

Continua la lettura di Da questa mattina Formigoni è in carcere a Bollate VIDEO su Giornale di Cremona.

]]>

L’ex governatore della Lombardia Roberto Formigoni ha fatto ingresso questa mattina nel penitenziario di Bollate dopo che ieri è stato condannato in via definitiva dalla Cassazione a 5 anni e dieci mesi. La pena è stata ridotta per la prescrizione di un capo di accusa.

L’avvocato ha già chiesto i domiciliari

Una condanna a cinque anni e dieci mesi nel processo per corruzione nel caso Maugeri-San Raffaele , ma l’avvocato del Celeste, Mario Brusa, ha già depositato istanza per chiedere la detenzione domiciliare. La sentenza è arrivata nel pomeriggio di ieri.

L’ex governatore favorì la clinica Maugeri

Secondo la Magistratura, da parte di Formigoni c’era stato un “sistematico asservimento della funzione pubblica agli interessi della clinica Maugeri”. Un imponente do ut des che, dentro un giro di oltre 61 milioni di euro, aveva portato sei milioni di utilità “in vari flussi e forme” nelle disponibilità dell’allora numero uno di Palazzo Lombardia. Nella fattispecie l’accusa aveva puntato l’indice su costosi viaggi e vacanze godute dal politico a spese dei suoi amici.

LEGGI ANCHE: Formigoni definitivamente condannato

Continua la lettura di Da questa mattina Formigoni è in carcere a Bollate VIDEO su Giornale di Cremona.

]]>
Furto sacrilego alla Chiesa “Santa Maria Rinascente”, recuperata la refurtiva https://giornaledicremona.it/cronaca/furto-sacrilego-alla-chiesa-santa-maria-rinascente-recuperata-la-refurtiva/ https://giornaledicremona.it/cronaca/furto-sacrilego-alla-chiesa-santa-maria-rinascente-recuperata-la-refurtiva/#respond Fri, 22 Feb 2019 11:25:27 +0000 https://giornaledicremona.it/?p=22141 Furto sacrilego alla Chiesa “Santa Maria Rinascente”, recuperata la refurtiva all’interno di un borsone nascosto tra la vegetazione in frazione Acqualunga Badona di Paderno Ponchielli. Furto sacrilego alla Chiesa “Santa Maria Rinascente”, recuperata la refurtiva Nel contesto di un servizio opportunamente predisposto dalla Compagnia Carabinieri di Cremona per prevenzione fenomeni predatori, perlustrando le cascine disabitate […]

Continua la lettura di Furto sacrilego alla Chiesa “Santa Maria Rinascente”, recuperata la refurtiva su Giornale di Cremona.

]]>
Furto sacrilego alla Chiesa “Santa Maria Rinascente”, recuperata la refurtiva all’interno di un borsone nascosto tra la vegetazione in frazione Acqualunga Badona di Paderno Ponchielli.

Furto sacrilego alla Chiesa “Santa Maria Rinascente”, recuperata la refurtiva

Nel contesto di un servizio opportunamente predisposto dalla Compagnia Carabinieri di Cremona per prevenzione fenomeni predatori, perlustrando le cascine disabitate ed un’area agricola posta in frazione Acqualunga Badona del Comune di Paderno Ponchielli, ben occultati tra la vegetazione ed un canale, è stato rinvenuto un borsone di tela contenente gli oggetti sacri relativi al furto perpetrato ai danni della Chiesa “Santa Maria Rinascente” di quella frazione commesso in data 9 febbraio 2019, allorquando ignoti vi si introdussero, dopo aver forzato la porta della sagrestia, in particolare:

– una pisside del XVI secolo in argento fuso dorato e sbalzato;
– un calice del XVI secolo in ottone fuso argentato;
– una brocca del XVI secolo in ottone fuso argentato;
– un vassoio ovale del XX secolo in ottone fuso argentato;
– un secchiello in metallo per acquasanta con apertura superiore del diametro di cm.13,50.

Sono stati inoltre ritrovati i seguenti oggetti non denunciati, ma risultati asportati nel corso del medesimo furto:

– un aspersorio con impugnatura in metallo;
– un vassoio in metallo di forma rettangolare della dimensione di cm. 26×19,50;
– una conchiglia aspersoria per acquasanta in metallo;
– 2 candelabri dell’altezza di m. 1,05 in ottone;
– 2 sacchetti in cotone di colore bianco;
– una tovaglietta di cotone bianco delle dimensioni di m.1,13×0,50;
– una statua in gesso dipinto di San Giuseppe alta cm.57.

La restituzione degli oggetti

Questa mattina Don Claudio Rasoli parroco di Paderno Ponchielli e responsabile di tutte le Chiese presenti in quel Centro Cittadino ha tenuto a ringraziare l’Arma dei Carabinieri per l’operazione portata a termine e ha espressamente richiesto la restituzione dei beni presso la Chiesa di Acqualunga Badona al termine della funzione religiosa prevista per le ore 9 di Domenica 3 marzo 2019. Sarà l’occasione pertanto di fornire ai parrocchiani presenti ed in particolare a quelli che rientrano nelle cosiddetta “fasce deboli”, come gli anziani, notizie e consigli per prevenire i reati predatori e le truffe.

LEGGI ANCHE: Come riconoscere i finti incaricati Enel e difendersi dalle truffe VIDEO

Le indagini

Gli accertamenti svolti dall’Arma fanno ritenere che tutti gli oggetti erano stati nascosti dai malviventi nella speranza di riuscire a recuperarli una volta l’azione dell’Arma in zona si fosse calmata. Difatti già da alcuni mesi sono in corso pattugliamenti nell’arco delle 24 ore, da parte dei Carabinieri, non tralasciando le zone più isolate, e più facilmente vulnerabili all’azione dei malviventi. Subito dopo il furto inoltre era stata organizzata una vasta “battuta” della zona, ipotizzando che difficilmente la refurtiva poteva essere uscita dalla zona stante le pattuglie e i sistemi di videosorveglianza della zona che consentono di monitorare i mezzi in transito lungo la rete viaria. Sistemi di videosorveglianza che sicuramente erano noti ai ladri e che probabilmente avevano deciso di lasciare la refurtiva in un luogo nascosto al fine di studiare un itinerario alternativo e così riuscire a portare via quanto sottratto dall’edificio religioso.

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Continua la lettura di Furto sacrilego alla Chiesa “Santa Maria Rinascente”, recuperata la refurtiva su Giornale di Cremona.

]]>
https://giornaledicremona.it/cronaca/furto-sacrilego-alla-chiesa-santa-maria-rinascente-recuperata-la-refurtiva/feed/ 0
Cremona, al Quartiere 5 c’è “Vieni in strada: è carnevale!” https://giornaledicremona.it/attualita/cremona-al-quartiere-5-ce-vieni-in-strada-e-carnevale/ https://giornaledicremona.it/attualita/cremona-al-quartiere-5-ce-vieni-in-strada-e-carnevale/#respond Fri, 22 Feb 2019 09:04:29 +0000 https://giornaledicremona.it/?p=22124 Cremona, al Quartiere 5 c’è “Vieni in strada: è carnevale!”: numerose iniziative per bambini ma anche per i loro genitori. Cremona, al Quartire 5 c’è “Vieni in strada: è carnevale! Vieni in strada: è carnevale! è il nome dell’iniziativa avviata al Quartiere 5 in ideale continuità con le attività natalizie realizzate grazie alla consolidata e propositiva rete territoriale di enti e associazioni […]

Continua la lettura di Cremona, al Quartiere 5 c’è “Vieni in strada: è carnevale!” su Giornale di Cremona.

]]>
Cremona, al Quartiere 5 c’è “Vieni in strada: è carnevale!”: numerose iniziative per bambini ma anche per i loro genitori.

Cremona, al Quartire 5 c’è “Vieni in strada: è carnevale!

Vieni in strada: è carnevale! è il nome dell’iniziativa avviata al Quartiere 5 in ideale continuità con le attività natalizie realizzate grazie alla consolidata e propositiva rete territoriale di enti e associazioni impegnate nell’elaborazione di offerte di incontro e socializzazione rivolte ai residenti della zone di San Bernardo, Borgo Loreto e Naviglio.

Laboratorio carnevale

La prima fase delle attività in programma, Laboratorio carnevale, ha come protagonisti i bambini della scuola primaria “Antonio Stradivari” e i loro genitori che, in collaborazione con le insegnanti e alcuni volontari del Servizio Civile Nazionale, nel corso di cinque incontri di laboratorio creativo svoltisi nell’ambito del progetto di Scuola Aperta, hanno realizzato coloratissimi cartelloni sul tema dei cinque sensi.

Questi cartelloni costituiranno la scenografia del Corteo di suoni e colori che anche i bambini della scuola dell’infanzia “Gallina” contribuiranno ad animare con i loro travestimenti ispirati ai quattro elementi. Il Corteo di suoni e colori transiterà per le vie del quartiere il 28  febbraio 2019, giovedì grasso, partendo alle 14.45 dalla scuola primaria “A. Stradivari”. Il simbolico viaggio attraverso i sensi e gli elementi arriverà in piazza Patrioti presso la sede dell’Associazione “La città dell’Uomo” per poi percorrere alcune vie di Borgo Loreto, fino a raggiungere palazzo Duemiglia, in largo Madre Agata Carelli. Nel cortile dell’edificio, dove hanno la loro sede il Comitato di Quartiere 5, il Centro Anziani “Pinoni” e il Centro Quartieri e Beni Comuni del Comune, sarà possibile divertirsi con lababy-dance e rifocillarsi con una dolce merenda.

Il secondo appuntamento

L’altro appuntamento in programma, il Carnevale con i nonni, si terrà venerdì 1° marzo 2019 alle 10.30.Una rappresentanza di alunni della scuola primaria “Stradivari” porterà colori e allegria agli ospiti di “Cremona Solidale”. Infine, il 5 marzo 2019 , martedì grasso, grande festa con In maschera, per le vie del borgo: alle 15, dall’oratorio di Borgo Loreto, partirà una allegra mascherata per le vie del quartiere con tanto di “questua” presso le abitazioni alla ricerca di dolci regali.

Vieni in strada: è carnevale! nasce da una proposta del Comitato di Quartiere 5, con la collaborazione del Comune di Cremona con il Centro Quartieri e Beni Comuni e si realizza grazie alla sinergia con la scuola primaria “Antonio Stradivari”, la scuola dell’infanzia “Gallina”, il Centro Anziani “Pinoni” dell’A.U.P., l’Associazione di volontariato “La Città dell’Uomo”, AUSER Insieme Città di Cremona, “Cremona Solidale”, AUSER Provinciale – progetto Portineria Solidale nell’ambito del Bando Volontariato 2018 di Regione Lombardia e CSV Lombardia Sud di Cremona Lodi Mantova Pavia.

LEGGI ANCHE: Come riconoscere i finti incaricati Enel e difendersi dalle truffe VIDEO

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Continua la lettura di Cremona, al Quartiere 5 c’è “Vieni in strada: è carnevale!” su Giornale di Cremona.

]]>
https://giornaledicremona.it/attualita/cremona-al-quartiere-5-ce-vieni-in-strada-e-carnevale/feed/ 0
Formigoni condannato in via definitiva: il Celeste andrà in carcere https://giornaledicremona.it/cronaca/formigoni-condannato-in-via-definitiva-il-celeste-andra-in-carcere/ https://giornaledicremona.it/cronaca/formigoni-condannato-in-via-definitiva-il-celeste-andra-in-carcere/#respond Fri, 22 Feb 2019 09:42:04 +0000 https://giornaledicremona.it/?p=22138 La sentenza è arrivata nel pomeriggio: Roberto Formigoni  è stato condannato in via definitiva a 5 anni e 10 mesi. Pena leggermente ridotta rispetto ai sette anni e mezzo decretati dall’Appello, tuttavia sufficiente perché per il Celeste si spalanchino le porte del carcere. Formigoni condannato in Cassazione I giudici della Suprema corte di Cassazione hanno […]

Continua la lettura di Formigoni condannato in via definitiva: il Celeste andrà in carcere su Giornale di Cremona.

]]>
La sentenza è arrivata nel pomeriggio: Roberto Formigoni  è stato condannato in via definitiva a 5 anni e 10 mesi. Pena leggermente ridotta rispetto ai sette anni e mezzo decretati dall’Appello, tuttavia sufficiente perché per il Celeste si spalanchino le porte del carcere.

Formigoni condannato in Cassazione

I giudici della Suprema corte di Cassazione hanno impiegato sei ore di camera di Consiglio per confermare sostanzialmente la condanna dell’ex governatore della Lombardia, imputato di corruzione nell’ambito dello scandalo sanitario Maugeri-San Raffaele. La pubblica accusa sostenuta dal pg Luigi Birritteri aveva chiesto la conferma della pena sentenziata in secondo grado lo scorso 19 settembre 2018, ribadendo che da parte di Formigoni c’era stato un “sistematico asservimento della funzione pubblica agli interessi della clinica Maugeri”. Un imponente do ut des che, dentro un giro di oltre 61 milioni di euro, aveva portato sei milioni di utilità “in vari flussi e forme” nelle disponibilità dell’allora numero uno di Palazzo Lombardia. Nella fattispecie l’accusa aveva puntato l’indice su costosi viaggi e vacanze godute dal politico a spese dei suoi amici. “Evitiamo che la legge possa essere calpestata con ‘grida manzoniane’” la dura requisitoria del pg. Lo sconto di pena che ha ridotto la stessa a 5 anni e 10 mesi si deve in effetti all’applicazione di alcuni termini di prescrizione.

La difesa aveva chiesto l’assoluzione

L’avvocato della difesa Franco Coppi aveva di contro avanzato richiesta di assoluzione. In alternativa di annullare la condanna rinviando alla Corte di Appello il calcolo di una possibile prescrizione. “Nessuno è riuscito a dimostrare la riconducibilità di un singolo atto di ufficio alle presunte utilità” ha arringato Coppi.

Il sequestro dei beni diventa definitivo?

Ricordiamo che la Corte dei Conti lo scorso novembre aveva disposto il sequestro dei beni dell’ex governatore.  Un sequestro conservativo di cinque milioni di euro. All’epoca Formigoni aveva replicato dichiarando ai cronisti “Nulla posseggo, il poco che possedevo mi è stato già sequestrato da anni per ordine della magistratura”. Una fake news, insomma, ch’egli possedesse ancora un tale tesoretto. Ricordiamo che la procura contabile aveva messo i sigilli ai suoi vitalizi politici, quello detenuto in quanto ex presidente della Regione Lombardia, ma anche per le cariche ricoperte in tre legislature da deputato e poi da senatore, nonché il trattamento pensionistico maturato nel Parlamento europeo (due legislature). Sotto sequestro cautelare anche 15 immobili e tre conti correnti. Con la condanna in primo grado, l’ex governatore, oggi 71enne,  avrebbe dovuto anche versare una provvisionale risarcitoria di tre milioni alla Regione. Somma che secondo la Corte dei conti non sarebbe però mai stata corrisposta.

Respinti i ricorsi dei coimputati

Respinti dalla Cassazione anche i ricorsi dei coimputati di Formigoni. Confermata ala condanna a 7 anni e 7 mesi per Costantino passerino, ex manager della Maugeri e quella a 3 anni e 4 mesi per Carlo Farina. Inammissibile l’impugnazione di Carla Vites, che era già stata assolta ma avrebbe voluto un proscioglimento più ampio.

Continua la lettura di Formigoni condannato in via definitiva: il Celeste andrà in carcere su Giornale di Cremona.

]]>
https://giornaledicremona.it/cronaca/formigoni-condannato-in-via-definitiva-il-celeste-andra-in-carcere/feed/ 0
Incidente sul lavoro Chimica Pomponesco: 63enne portato via in elisoccorso https://giornaledicremona.it/cronaca/incidente-sul-lavoro-chimica-pomponesco-63enne-portato-via-in-elisoccorso/ Fri, 22 Feb 2019 09:25:35 +0000 https://giornaledicremona.it/?p=22135 Incidente sul lavoro presso lo stabilimento Chimica Pomponesco Spa: è accaduto stamane, 22 febbraio 2019. Incidente sul lavoro Chimica Pomponesco Incidente sul lavoro stamattina, poco dopo le otto, presso gli impianti della Chimica Pomponesco. Un 63enne di origine serba è precipitato da circa quattro metri di altezza, all’interno dello stabilimento. Sul posto immediatamente allertati, sono […]

Continua la lettura di Incidente sul lavoro Chimica Pomponesco: 63enne portato via in elisoccorso su Giornale di Cremona.

]]>
Incidente sul lavoro presso lo stabilimento Chimica Pomponesco Spa: è accaduto stamane, 22 febbraio 2019.

Incidente sul lavoro Chimica Pomponesco

Incidente sul lavoro stamattina, poco dopo le otto, presso gli impianti della Chimica Pomponesco. Un 63enne di origine serba è precipitato da circa quattro metri di altezza, all’interno dello stabilimento. Sul posto immediatamente allertati, sono arrivati i soccorsi: ambulanza, automedica e anche elisoccorso, il ferito è stato caricato sull’elicottero e trasportato all’ospedale di Cremona. Non si troverebbe in pericolo di vita.

I terribili numeri del Mantovano

Il Mantovano, dati alla mano, è stato incoronato di un tristissimo primato lombardo. Nel 2018, infatti, sotto il  fronte dei decessi il Mantovano è stata la provincia lombarda con il numero più alto: 21 denunce di infortunio mortale contro le 8 del 2017.

LEGGI ANCHE: Figlio di Giovanni Rana nella bufera: accusato di aver dato del finocchio a un dipendente

Continua la lettura di Incidente sul lavoro Chimica Pomponesco: 63enne portato via in elisoccorso su Giornale di Cremona.

]]>
VIDEO Italcementi a Myplant&Garden presenta la pista ciclabile del futuro https://giornaledicremona.it/casa/video-italcementi-a-myplantgarden-presenta-la-pista-ciclabile-del-futuro/ Fri, 22 Feb 2019 09:02:15 +0000 https://giornaledicremona.it/?p=22130 Pedalare su una vera e propria pista ciclabile progettata da Italcementi con soluzioni green e high tech. Tutto questo a Myplant & Garden, il più importante salone internazionale dedicato al mondo della progettazione, del paesaggio, dell’edilizia e del verde in Italia, in programma dal 20 al 22 febbraio alla Fiera di Milano Rho-Pero. La pista ciclabile […]

Continua la lettura di VIDEO Italcementi a Myplant&Garden presenta la pista ciclabile del futuro su Giornale di Cremona.

]]>

Pedalare su una vera e propria pista ciclabile progettata da Italcementi con soluzioni green e high tech. Tutto questo a Myplant & Garden, il più importante salone internazionale dedicato al mondo della progettazione, del paesaggio, dell’edilizia e del verde in Italia, in programma dal 20 al 22 febbraio alla Fiera di Milano Rho-Pero.

La pista ciclabile lunga una quindicina di metri è stata realizzata con i.idro
DRAIN, la soluzione in calcestruzzo per pavimentazioni drenanti ed è la dimostrazione concreta di come si possano progettare pavimentazioni in aree verdi nel rispetto del ciclo naturale dell’acqua. i.dro DRAIN di Italcementi è un prodotto le cui caratteristiche soddisfano le necessità di chi progetta e si occupa di garden design, florovivaismo e paesaggio, perché può essere utilizzato per ciclabili e viali con una capacità drenante 100 volte superiore a quella di un terreno naturale, garantendo in questo modo, il recupero dell’acqua in falda.

La posa in opera della pista è stata effettuata da Deltapav società che da oltre 20 anni realizza pavimentazioni commerciali, industriali e civili e che lavora a stretto contatto con Italcementi. Il calcestruzzo drenante è stato fornito da Calcestruzzi, la società che porta sul mercato i prodotti, le soluzioni e le applicazioni che escono da i.lab, il centro ricerca e innovazione di Italcementi di Bergamo. Durante i giorni della manifestazione, i tecnici Italcementi, Calcestruzzi e Deltapav saranno a disposizioni dei visitatori e progettisti per aiutare a valutare insieme la possibilità di realizzare aree verdi, piste ciclabili per la mobilità lenta e sostenibile, giardini, aree di sosta, pavimentazioni ad alta valore estetico, con un nuovo approccio: dalla collaborazione nella fase progettuale alla scelta dei materiali, dalla finitura superficiale alla posa in opera in cantiere.

i.idro DRAIN inoltre è in possesso dell’EPD (la Dichiarazione Ambientale di Prodotto), ovvero un documento di tracciabilità dei contenuti e degli impatti ambientali del prodotto. Questo lo rende la soluzione ideale nei progetti in cui la scelta dei materiali è diventata un elemento qualificante (green procurement), nelle gare di appalto pubbliche e nei protocolli di valutazione della sostenibilità delle costruzioni: LEED (Leadership in Energy and Environmental Design), GBC Italia, ITACA, DGNB e BREEAM (Building Research Establishment Environmental Assessment Method).
Il prodotto è stato utilizzato da progettisti e amministrazioni pubbliche per la realizzazioni di aree di sosta, ciclovie e di aree verdi. Solo nel 2018 sono stati realizzati oltre 150.000 mq di pavimentazioni drenanti di vario tipo in i.idro DRAIN, con l’obiettivo di preservare il ciclo naturale dell’acqua.

Continua la lettura di VIDEO Italcementi a Myplant&Garden presenta la pista ciclabile del futuro su Giornale di Cremona.

]]>
Finocchio al loro dipendente: il pastificio Rana si difende https://giornaledicremona.it/attualita/finocchio-al-loro-dipendente-il-pastificio-rana-si-difende/ Fri, 22 Feb 2019 08:40:25 +0000 https://giornaledicremona.it/?p=22121 Finocchio al manager il pastificio Rana si difende. Con una nota sulla pagina Facebook il colosso della pasta fresca fa quadrato attorno a Gian Luca Rana. Finocchio al manager il pastificio Rana si difende Prima presa di posizione ufficiale da parte del pastificio Rana a fronte del responso della Corte di Cassazione che ha respinto il […]

Continua la lettura di Finocchio al loro dipendente: il pastificio Rana si difende su Giornale di Cremona.

]]>
Finocchio al manager il pastificio Rana si difende. Con una nota sulla pagina Facebook il colosso della pasta fresca fa quadrato attorno a Gian Luca Rana.

Finocchio al manager il pastificio Rana si difende

Prima presa di posizione ufficiale da parte del pastificio Rana a fronte del responso della Corte di Cassazione che ha respinto il ricorso dell’azienda contro la condanna di Appello per aver, il suo amministratore delegato, Gian Luca, figlio del patron Giovanni, apostrofato più volte come “finocchio” un suo manager. La reazione del colosso della pasta fresca è arrivata attorno alle 22.30 sulla pagina Facebook ufficiale dell’azienda.

“Non ha subito nessuna condanna”

“Il Pastificio Rana – si legge nella nota – comunica che il suo amministratore delegato Gian Luca Rana non ha subito nessuna condanna personale, né civile né penale. L’ordinanza della Corte di Cassazione riguarda il Pastificio Rana Spa in qualità di datore di lavoro ed è stata decisa solo sulla base di presunzioni derivanti dalle testimonianze di due ex dirigenti fuoriusciti, coinvolti in precedenti contenziosi con il Pastificio”.

Nessun appellativo omofobo

“L’azienda ha sempre negato e continua a negare che Gian Luca Rana abbia mai rivolto appellativi omofobi all’ex dirigente” si legge nella nota. Ma tuttavia è proprio la difesa, si legge nell’ordinanza della Cassazione, che conferma l’esistenza degli epiteti, accusando i giudici di Appello di “non aver colto il carattere scherzoso degli epiteti con cui il legale rappresentante era solito apostrofare il dipendente”. “Già nel 2010 – continua la nota del pastificio – in primo grado, il tribunale ha respinto le accuse di mobbing, danni alla salute, bonus e Tfr non corrisposti e ha escluso qualsiasi intento persecutorio omofobo in capo all’azienda. L’ex dirigente non si è mai opposto alla sentenza e ha inoltre dichiarato davanti al giudice: “Professionalmente devo molto alla famiglia Rana”. A conferma di ciò, negli anni trascorsi alle dipendenze del Pastificio ha sviluppato con successo il suo percorso di carriera”.

“E’ una strumentalizzazione”

“Tutto il Pastificio Rana e in particolare Gian Luca Rana – si conclude la lunga nota – sono profondamente rammaricati dalla strumentalizzazione di una vicenda che, è bene ribadirlo, non ha nulla a che fare con il tema della discriminazione e dell’orientamento sessuale. Il Pastificio, con i suoi 3200 dipendenti in 52 paesi nel mondo, crede nella valorizzazione dell’unicità delle persone e ritiene l’eterogeneità una forma imprescindibile di crescita culturale per tutta l’azienda”.

Foto tratta da Panorama

Continua la lettura di Finocchio al loro dipendente: il pastificio Rana si difende su Giornale di Cremona.

]]>
Raccolta abiti usati: virtuosa collaborazione tra il comune di Scandolara Ravara e Humana https://giornaledicremona.it/attualita/raccolta-abiti-usati-virtuosa-collaborazione-tra-il-comune-di-scandolara-ravara-e-humana/ https://giornaledicremona.it/attualita/raccolta-abiti-usati-virtuosa-collaborazione-tra-il-comune-di-scandolara-ravara-e-humana/#respond Fri, 22 Feb 2019 07:01:58 +0000 https://giornaledicremona.it/?p=22102 Raccolta abiti usati: continua la virtuosa collaborazione tra il comune di Scandolara Ravara e Humana, con importanti benefici sociali e ambientali. Raccolta abiti usati Continua con successo la sinergia tra il comune di Scandolara Ravara (CR) e Humana People to People Italia, l’organizzazione di cooperazione internazionale che gestisce il servizio di raccolta e avvio al recupero degli […]

Continua la lettura di Raccolta abiti usati: virtuosa collaborazione tra il comune di Scandolara Ravara e Humana su Giornale di Cremona.

]]>
Raccolta abiti usati: continua la virtuosa collaborazione tra il comune di Scandolara Ravara e Humana, con importanti benefici sociali e ambientali.

Raccolta abiti usati

Continua con successo la sinergia tra il comune di Scandolara Ravara (CR) e Humana People to People Italia, l’organizzazione di cooperazione internazionale che gestisce il servizio di raccolta e avvio al recupero degli indumenti usati sul territorio. Questa virtuosa collaborazione permette di sostenere importanti progetti sociali e di tutelare l’ambiente.

Progetti di assistenza all’infanzia

Solo negli ultimi tre anni, gli abitanti del comune cremonese hanno donato a Humana 11.940 chili di abiti usati, scarpe e accessori.

Anche grazie alle loro donazioni, nel 2017 Humana ha destinato oltre 1,5 milioni di euro a 41 progetti di assistenza all’infanzia, di accesso scolastico, di formazione sui temi dell’accesso al cibo e dell’agricoltura sostenibile, di prevenzione dell’HIV e di lotta alla tubercolosi nel sud del Mondo e ad azioni sociali in Italia.

Benefici ambientali

A ciò si aggiungono importanti benefici ambientali: grazie ai quasi 12 mila chili di indumenti raccolti è stato possibile evitare l’emissione di quasi 43 mila chili di anidride carbonica, evitare lo spreco di oltre 71 milioni di litri di acqua e scongiurare l’utilizzo di 3.580 chili di pesticidi e di oltre 7.100 chili di fertilizzanti.

Servizio gratuito

Il servizio di Humana  è gratuito e il fatto che gli abiti siano conferiti nei contenitori dell’organizzazione umanitaria consente all’Amministrazione Comunale, e quindi ai cittadini, di ridurre i costi di smaltimento rifiuti (poiché gli abiti non finiscono nella raccolta indifferenziata), con un conseguente risparmio economico di circa 1.800 euro nell’ultimo triennio.  

Cosa inserire nel contenitore giallo

I cittadini di Scandolara Ravara possono continuare a conferire i propri abiti e accessori usati nei contenitori Humana posizionati in via Circonvallazione e in via Garibaldi 9.

Ecco cosa è possibile conferire nei contenitori con il logo Humana:

– capi d’abbigliamento;

– accessori d’abbigliamento (cappelli, cinture, foulard);

– scarpe;

– borse e zaini;

– biancheria per la casa

Humana è il primo operatore in Italia per la gestione unitaria del servizio di raccolta abiti. Per noi, trasparenza, eticità e sostenibilità della filiera sono punti cardine del nostro lavoro. Per ulteriori informazioni sulle nostre iniziative e attività, è sempre possibile contattarci (milano@humanaitalia.org – 02-93.96.40.30) o consultare il sito dedicato: http://raccoltavestiti.humanaitalia.org.

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Continua la lettura di Raccolta abiti usati: virtuosa collaborazione tra il comune di Scandolara Ravara e Humana su Giornale di Cremona.

]]>
https://giornaledicremona.it/attualita/raccolta-abiti-usati-virtuosa-collaborazione-tra-il-comune-di-scandolara-ravara-e-humana/feed/ 0
Come riconoscere i finti incaricati Enel e difendersi dalle truffe VIDEO https://giornaledicremona.it/attualita/come-riconoscere-i-finti-incaricati-enel-e-difendersi-dalle-truffe-video/ https://giornaledicremona.it/attualita/come-riconoscere-i-finti-incaricati-enel-e-difendersi-dalle-truffe-video/#respond Fri, 22 Feb 2019 08:34:59 +0000 https://giornaledicremona.it/?p=22107   Una “piaga” sempre più diffusa, purtroppo (guardatevi anche il bel contributo video realizzato dal Comune di Modena). Ecco come riconoscere i finti incaricati Enel e difendersi dalle Truffe. Ecco i consigli di Enel per difendersi dalle truffe Enel desidera fornire alcuni consigli utili per difendersi dai raggiri e riconoscere i dipendenti e gli agenti del […]

Continua la lettura di Come riconoscere i finti incaricati Enel e difendersi dalle truffe VIDEO su Giornale di Cremona.

]]>

 

Una “piaga” sempre più diffusa, purtroppo (guardatevi anche il bel contributo video realizzato dal Comune di Modena). Ecco come riconoscere i finti incaricati Enel e difendersi dalle Truffe.

Ecco i consigli di Enel per difendersi dalle truffe

Enel desidera fornire alcuni consigli utili per difendersi dai raggiri e riconoscere i dipendenti e gli agenti del Gruppo Enel. Chiunque si presenti a domicilio per conto di Enel, che si tratti di dipendenti o di personale esterno incaricato, deve essere munito di tesserino plastificato con foto e dati di riconoscimento. Se qualcuno si presenta al domicilio a nome dell’Azienda bisogna sempre chiedere di visionarlo. Inoltre nessuno è autorizzato a riscuotere o restituire somme di denaro a domicilio per conto di Enel.

Gli agenti presentano offerte ma mai riscuotono denaro

Al pari degli altri operatori presenti sul libero mercato, anche Enel Energia si avvale di agenti “porta a porta” che presentano le nuove offerte. Si tratta anche in questo caso di persone munite di tesserino di riconoscimento con indicazione della agenzia incaricata della vendita.

Fate attenzione!

Il numero verde per la verifica

Per ulteriore verifica, il cliente può accertare con una telefonata al numero verde 800900860 (Enel Energia) che l’agenzia di vendita faccia realmente parte di quelle che lavorano per Enel. Chi presenta offerte per conto di Enel Energia è in possesso di moduli e materiali informativi chiaramente riferibili all’azienda. Enel invita quindi a richiederne la visione e ricorda che è comunque opportuno leggere bene prima di firmare ogni documento. Chi propone contratti “porta a porta” può richiedere di visionare la bolletta per individuare insieme al cliente la proposta più adeguata ai suoi consumi e solo in caso di adesione ad un’offerta può essere utilizzata per recuperare i dati relativi alla fornitura.

Continua la lettura di Come riconoscere i finti incaricati Enel e difendersi dalle truffe VIDEO su Giornale di Cremona.

]]>
https://giornaledicremona.it/attualita/come-riconoscere-i-finti-incaricati-enel-e-difendersi-dalle-truffe-video/feed/ 0
Cade malamente a terra, 59enne in ospedale SIRENE DI NOTTE https://giornaledicremona.it/cronaca/cade-malamente-a-terra-59enne-in-ospedale-sirene-di-notte/ https://giornaledicremona.it/cronaca/cade-malamente-a-terra-59enne-in-ospedale-sirene-di-notte/#respond Fri, 22 Feb 2019 05:42:32 +0000 https://giornaledicremona.it/?p=22098 Cade malamente a terra in via della Filera a Crema, un uomo di 59 anni soccorso e trasportato in ospedale. Cade a terra Un uomo di 59 anni è stato soccorso a seguito di una rovinosa caduta accidentale avvenuta a Crema in via della Filera. L’infortunio è accaduto intorno alle 20.30. Il 59enne, raggiunto da un’ambulanza […]

Continua la lettura di Cade malamente a terra, 59enne in ospedale SIRENE DI NOTTE su Giornale di Cremona.

]]>
Cade malamente a terra in via della Filera a Crema, un uomo di 59 anni soccorso e trasportato in ospedale.

Cade a terra

Un uomo di 59 anni è stato soccorso a seguito di una rovinosa caduta accidentale avvenuta a Crema in via della Filera. L’infortunio è accaduto intorno alle 20.30. Il 59enne, raggiunto da un’ambulanza della Croce Rossa cittadina, è stato trasportato al pronto soccorso in codice giallo, con contusioni di media entità.

LEGGI ANCHE: Furto da “Zara”, nascondono i vestiti sotto i cappotti e si danno alla fuga

Malore

Alle 23.46 è stato soccorso un 28enne che ha accusato un malore mentre mentre si trovava in via Cavagne a Soncino. Il giovane raggiunto sul posto dagli operatori del 118, è stato trasferito al pronto soccorso del vicino ospedale di Crema, per controlli. Le sue condizioni non destano preoccupazione.

LEGGI ANCHE: Ruba bancomat alla madre del fidanzato e va a giocare alle “slot”, denunciata

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Continua la lettura di Cade malamente a terra, 59enne in ospedale SIRENE DI NOTTE su Giornale di Cremona.

]]>
https://giornaledicremona.it/cronaca/cade-malamente-a-terra-59enne-in-ospedale-sirene-di-notte/feed/ 0
Cremonese-Ascoli, dirige Nasca di Bari https://giornaledicremona.it/sport/cremonese-ascoli-dirige-nasca-di-bari/ https://giornaledicremona.it/sport/cremonese-ascoli-dirige-nasca-di-bari/#respond Thu, 21 Feb 2019 18:11:41 +0000 https://giornaledicremona.it/?p=22093 Cremonese-Ascoli. Designato il direttore di gara per la sfida di sabato, sesta giornata di ritorno del Campionato di B: è Nasca di Bari. Cremonese-Ascoli, dirige Nasca di Bari Sarà Luigi Nasca della sezione di Bari il direttore di gara per la sfida di questo sabato tra Cremonese ed Ascoli, valida per la venticinquesima giornata del campionato Serie […]

Continua la lettura di Cremonese-Ascoli, dirige Nasca di Bari su Giornale di Cremona.

]]>
Cremonese-Ascoli. Designato il direttore di gara per la sfida di sabato, sesta giornata di ritorno del Campionato di B: è Nasca di Bari.

Cremonese-Ascoli, dirige Nasca di Bari

Sarà Luigi Nasca della sezione di Bari il direttore di gara per la sfida di questo sabato tra Cremonese ed Ascoli, valida per la venticinquesima giornata del campionato Serie B. Gli assistenti saranno il Sig. Mattia Scarpa di Reggio Emilia e il Sig. Manuel Robilotta di Sala Consilina. Il quarto ufficiale sarà il Sig. Claudio Panettella di Bari. La partita, in programma alle ore 15, rappresenta la terza in casa per i grigiorossi nel 2019.

Precedenti Grigiorossi

I precedenti del direttore di gara sorridono alla Cremonese, in quanto il signor Nasca ha arbitrato il match tra Cremonese e Parma del gennaio 2018 (l’ultima partita vinta in Serie B da Tesser), ed è anche l’arbitro che ha diretto la sfida dei grigiorossi con il Palermo dello scorso agosto, terminata sul risultato di 2-2. Inoltre, era direttore di gara in Cremonese-Crotone 1-0 di dicembre con gol di Boultam (ultima di Brighenti in grigiorosso). Per quanto riguarda le partite fischiate in Lega Pro con i grigiorossi, Nasca ha arbitrato  Cremonese Lecco del 22 febbraio 2009, partita che si concluse sullo 0-0.

Precedenti Ascoli

Il fischietto pugliese in passato ha diretto ben 20 volte l’Ascoli, per un totale di 7 vittorie dei bianconeri, 5 pareggi e 8 sconfitte, compresa quella di Coppa Italia contro il Lecce terminata ai calci di rigore nell’agosto 2016. L’ultimo successo in ordine di tempo dei 7 per l’Ascoli con Nasca ad arbitrare risale addirittura al 2012 (Ascoli-Brescia 2-0). Solo un rigore fischiato in 20 precedenti, quello del 2010 in Reggina-Ascoli 1-2. Tutti i match, tranne quello di Coppa  Italia, sono stati disputati in Serie B, compreso il playout dello scorso anno (gara di ritorno) con l’Entella finito 0-0 con salvezza per gli uomini allora allenati da Serse Cosmi.

FONTE:  cuoregrigiorosso.com

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Continua la lettura di Cremonese-Ascoli, dirige Nasca di Bari su Giornale di Cremona.

]]>
https://giornaledicremona.it/sport/cremonese-ascoli-dirige-nasca-di-bari/feed/ 0
Due incidenti stradali in viale Concordia, 5 feriti https://giornaledicremona.it/cronaca/due-incidenti-stradali-in-viale-concordia-5-feriti/ https://giornaledicremona.it/cronaca/due-incidenti-stradali-in-viale-concordia-5-feriti/#respond Thu, 21 Feb 2019 17:43:46 +0000 https://giornaledicremona.it/?p=22089 Due incidenti stradali in viale Concordia nel pomeriggio di oggi, giovedì 21 febbraio 2019: il primo alle 13 ha visto un tamponamento tra un’auto e un furgone, alle 15.30 è stato invece investito un ciclista. Due incidenti stradali in viale Concordia Viale Concordia a Cremona è stato teatro nel pomeriggio di oggi, giovedì 21 febbraio […]

Continua la lettura di Due incidenti stradali in viale Concordia, 5 feriti su Giornale di Cremona.

]]>
Due incidenti stradali in viale Concordia nel pomeriggio di oggi, giovedì 21 febbraio 2019: il primo alle 13 ha visto un tamponamento tra un’auto e un furgone, alle 15.30 è stato invece investito un ciclista.

Due incidenti stradali in viale Concordia

Viale Concordia a Cremona è stato teatro nel pomeriggio di oggi, giovedì 21 febbraio 2019, due incidenti stradali. Nel primo sinistro avvenuto alle 13 una Bmw con a bordo tre donne, ha tamponato un Fiat Ducato. Le tre donne e il conducente del furgone sono stati soccorsi dagli operatori del 118 giunti sul posto con due ambulanze. I coinvolti, fortunatamente hanno riportato solo lievi contusioni e sono stati trasportati in codice verde al vicino ospedale per accertamenti.

Ciclista investito

Intorno alle 15.30, sempre in viale Concordia, si è verificato un altro incidente stradale. Un uomo di 81 anni è stato investito mentre era in sella alla sua bicicletta. Fortunatamente nell’impatto ha riportato solo lievi escoriazioni. Sul posto un’ambulanza e un’automedica oltre alla Polizia Locale per i rilievi. Anche per lui trasporto al pronto soccorso in codice verde per controlli.

LEGGI ANCHE: Spaccio di stupefacenti, arrestato sul luogo di lavoro

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Continua la lettura di Due incidenti stradali in viale Concordia, 5 feriti su Giornale di Cremona.

]]>
https://giornaledicremona.it/cronaca/due-incidenti-stradali-in-viale-concordia-5-feriti/feed/ 0
“Juliette” al setaccio, notte di controlli da parte della Questura https://giornaledicremona.it/cronaca/juliette-al-setaccio-notte-di-controlli-da-parte-della-questura/ https://giornaledicremona.it/cronaca/juliette-al-setaccio-notte-di-controlli-da-parte-della-questura/#respond Thu, 21 Feb 2019 15:39:23 +0000 https://giornaledicremona.it/?p=22084 “Juliette” al setaccio, i controlli da parte della Questura nella notte tra venerdì 15 e sabato 16 febbraio 2019. “Juliette” al setaccio Nella notte tra venerdì 15 e sabato 16 febbraio scorsi si è svolto un servizio di controllo coordinato a cui ha partecipato personale della Questura di Cremona, della Sezione Polizia Stradale di Cremona, […]

Continua la lettura di “Juliette” al setaccio, notte di controlli da parte della Questura su Giornale di Cremona.

]]>
“Juliette” al setaccio, i controlli da parte della Questura nella notte tra venerdì 15 e sabato 16 febbraio 2019.

“Juliette” al setaccio

Nella notte tra venerdì 15 e sabato 16 febbraio scorsi si è svolto un servizio di controllo coordinato a cui ha partecipato personale della Questura di Cremona, della Sezione Polizia Stradale di Cremona, dei Vigili del Fuoco del Comando Provinciale di Cremona e dell’Ispettorato Territoriale del Lavoro di Cremona. Il controllo ha avuto come obiettivo il noto locale notturno “Juliette”, per accertarne le condizioni di sicurezza in tutti gli aspetti, quali il rispetto dei limiti di capienza e l’idoneità degli ambienti, la regolarità dei lavoratori e la sicurezza stradale connessa all’alta frequentazione.

I riscontri

E’ stata riscontrata la presenza di un lavoratore irregolare, e su altri addetti alla sicurezza verranno effettuate verifiche successive. Quanto rilevato in ordine al rispetto della licenza verrà comunicato al Comune di Cremona per le successive determinazioni. Per quanto riguarda la sicurezza stradale, gli uomini della Polizia Stradale hanno controllato 40 persone, denunciando 3 persone, di età compresa tra i 20 e i 30 anni, alle quali è stato accertato un tasso alcolemico compreso tra 1 e 1,4 g/l. La serie dei controlli nei locali di pubblico intrattenimento proseguirà ulteriormente.

LEGGI ANCHE: Spaccio di stupefacenti, arrestato sul luogo di lavoro

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Continua la lettura di “Juliette” al setaccio, notte di controlli da parte della Questura su Giornale di Cremona.

]]>
https://giornaledicremona.it/cronaca/juliette-al-setaccio-notte-di-controlli-da-parte-della-questura/feed/ 0
Da cosa dipende il colore degli occhi? https://giornaledicremona.it/salute/da-cosa-dipende-il-colore-degli-occhi/ Thu, 14 Feb 2019 22:25:40 +0000 https://giornaledicremona.it/?p=21691 Da cosa dipende il colore degli occhi? Per rispondere facciamo un passo indietro. La maggior parte delle persone è affascinata dal colore degli occhi perché quello di ognuno di noi è unico, come le impronte digitali. Perfino in quelli con tonalità simili la concentrazione di colore può essere molto diversa. Gli occhi possono essere azzurri, […]

Continua la lettura di Da cosa dipende il colore degli occhi? su Giornale di Cremona.

]]>
Da cosa dipende il colore degli occhi? Per rispondere facciamo un passo indietro. La maggior parte delle persone è affascinata dal colore degli occhi perché quello di ognuno di noi è unico, come le impronte digitali. Perfino in quelli con tonalità simili la concentrazione di colore può essere molto diversa. Gli occhi possono essere azzurri, ambra, marroni, grigi, verdi o nocciola e secondo alcuni il colore può addirittura essere un indicatore di personalità. Il marrone è il colore più diffuso al mondo, caratterizzando circa l’80% della popolazione. Segue l’azzurro con un 8-10%, l’ambra e il nocciola, entrambi con il 5%, e infine il verde che con il 2% risulta essere quello più raro. Ma da cosa dipende il colore degli occhi? Vision Direct ha pensato di analizzare cosa determini esattamente il colore.

Da cosa dipende il colore degli occhi?

La parte colorata dell’occhio si chiama iride: una sottile membrana di forma circolare che serve a controllare l’ampiezza della pupilla. Questa contiene una pigmentazione chiamata melanina che determina il colore degli occhi attraverso due fattori. In primis le informazioni genetiche trasmesse dai genitori. Quindi la distribuzione della pigmentazione nell’iride, che influisce sul modo in cui la luce si diffonde quando passa attraverso gli occhi. E in che modo la melanina determina il colore degli occhi? Il colore è determinato dalla quantità di melanina che abbiamo. Se nell’iride è presente poca melanina il colore degli occhi sarà azzurro, se ce n’è un po’ di più sarà verde e se invece è molto elevata sarà marrone.

Il colore degli occhi può cambiare?

Il colore degli occhi di alcune persone sembra cambiare in base alla luce. Ciò accade perché l’iride ha due strati. E a volte la pigmentazione è presente su entrambi. Nelle persone con gli occhi azzurri o verdi, lo strato anteriore contiene poca melanina e, a seconde della quantità di luce presente all’esterno, il colore sembra cambiare quando questa penetra in ciascuno strato. I cambi di luce influiscono anche sulla dimensione della pupilla, che si dilata quando la luce è debole e si restringe quando è intensa. Durante queste variazioni di ampiezza, la pigmentazione dell’iride si restringe o si allarga e ciò può portare a un leggero mutamento nel colore degli occhi.

Le emozioni, l’età, l’esposizione al sole…

Le forti emozioni sono un altro fattore in grado di far variare la grandezza della pupilla. Quando, per esempio, le persone sono innamorate o arrabbiate il colore dell’iride può cambiare. In alcuni casi, il colore degli occhi può mutare con l’età, soprattutto nelle persone con gli occhi chiari. Anche l’esposizione al sole può far variare il colore degli occhi, rendendoli più scuri, esattamente come succede alla pelle. Per questo motivo, se si trascorre molto tempo all’aria aperta, è importante indossare gli occhiali da sole per proteggerli.

Continua la lettura di Da cosa dipende il colore degli occhi? su Giornale di Cremona.

]]>
Cremona ospiterà la XXX Rassegna nazionale delle orchestre scolastiche italiane https://giornaledicremona.it/attualita/cremona-ospitera-la-xxx-rassegna-nazionale-delle-orchestre-scolastiche-italiane/ https://giornaledicremona.it/attualita/cremona-ospitera-la-xxx-rassegna-nazionale-delle-orchestre-scolastiche-italiane/#respond Thu, 21 Feb 2019 15:24:37 +0000 https://giornaledicremona.it/?p=22076 XXX Rassegna nazionale delle orchestre scolastiche italiane: la manifestazione, che coinvolgerà l’intera città di Cremona, si terrà dal 13 al 19 maggio. XXX Rassegna nazionale delle orchestre scolastiche italiane Dal 13 al 19 maggio 2019, Cremona ospiterà la XXX Rassegna nazionale delle orchestre scolastiche italiane. Per un’intera settimana gli alunni e i docenti che partecipano […]

Continua la lettura di Cremona ospiterà la XXX Rassegna nazionale delle orchestre scolastiche italiane su Giornale di Cremona.

]]>
XXX Rassegna nazionale delle orchestre scolastiche italiane: la manifestazione, che coinvolgerà l’intera città di Cremona, si terrà dal 13 al 19 maggio.

XXX Rassegna nazionale delle orchestre scolastiche italiane

Dal 13 al 19 maggio 2019, Cremona ospiterà la XXX Rassegna nazionale delle orchestre scolastiche italiane. Per un’intera settimana gli alunni e i docenti che partecipano alla rassegna potranno seguire gratuitamente concerti, workshop e seminari. Palcoscenico dei gruppi orchestrali provenienti dalle scuole ad indirizzo musicale, dai licei musicali e dagli istituti di alta formazione di tutta Italia saranno i luoghi d’arte della città e del territorio: musei, teatri, sale, parchi, cortili e palazzi, piazze. Un’esperienza che arriva dopo un percorso che ha visto la città, in collaborazione con la Rete musicale “piazza Stradivari”, impegnata nella realizzazione di una rassegna regionale e di cinque rassegne provinciali.

L’annuncio di questa importante manifestazione è stato dato oggi in Comune dai rappresentanti delle istituzioni che, a vario titolo, si sono già attivate per l’evento organizzato dal Liceo musicale statale “A. Stradivari” di Cremona, capofila della Rete musicale scolastica della provincia di Cremona “Piazza Stradivari” e dall’Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia, in collaborazione con il Comune di Cremona, la Camera di Commercio di Cremona e con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR).

Erano presenti la Vice Sindaco con delega all’Istruzione Maura Ruggeri, l’Assessore con delega al Turismo Barbara Manfredini, Daniele Carlo Pitturelli, Dirigente Scolastico dell’Istituto di Istruzione Superiore “A. Stradivari” e Presidente della Rete musicale provinciale Piazza Stradivari, Gianluigi Bencivenga, Coordinatore della Rete musicale provinciale Piazza Stradivari, Virginia Villa, Direttore Generale del Museo del Violino, Ilaria Casadei per la Camera di Commercio, e Paola Coelli per il Teatro “A. Ponchielli”.

Progetti musicali nelle scuole

Cremona, come è stato sottolineato, è stata segnalata dal Comitato nazionale per l’apprendimento pratico della musica, presieduto da Luigi Berlinguer, in quanto da anni la nostra città sostiene progetti musicali nelle scuole finalizzati al potenziamento delle competenze creative dei ragazzi, sin dalla scuola dell’infanzia, nella convinzione che la pratica e lo studio delle arti sono una componente fondamentale di crescita e conoscenza, nella piena inclusione di di tutti, quale esperienza educativa completa. Si tratta di un importante riconoscimento per la nostra città che, grazie la lavoro svolto sino ad ora, si è vista finanziare dal MIUR cinque progetti musicali a seguito della partecipazione ai bandi del Piano delle Arti.

Settimana nazionale della musica

La XXX Rassegna nazionale delle orchestre scolastiche italiane (Smim – Licei Musicali – Settore AFAM), dal titolo Musica ad Arte, si colloca all’interno della settimana nazionale della musica, tradizionale momento che il MIUR, in collaborazione con il Comitato nazionale per l’apprendimento pratico della musica, promuove ogni anno per offrire alle scuole l’occasione di testimoniare l’importanza delle attività musicali che esse realizzano nel corso dell’anno scolastica e che, pertanto, non si risolvono nell’occasione straordinaria programmata per quella settimana, ma trovano in essa il punto di approdo di percorsi di approfondimento.

Un appuntamento che rappresenterà un importante momento di condivisione di percorsi formativi differenti, provenienti da realtà scolastiche del territorio nazionale, costruiti intorno alla musica e al suo linguaggio universale. Basti pensare che lo scorso anno, la rassegna, che si è svolta a Taranto, ha ospitato seicento ragazzi provenienti da tutta Italia.

Una forma di educazione civica

Come hanno riconosciuto tutti i soggetti coinvolti nell’iniziativa, suonare insieme è una forma di educazione civica, educa alla convivenza civile ed aiuta a rispettare gli altri, contribuendo al bene comune. La rassegna nazionale, che si colloca in un momento particolare per Cremona con altri appuntamenti di grande rilievo quali, ad esempio, il Monteverdi Festival, diventerà uno spazio dove far convergere esperienze diverse, nate dal lavoro quotidiano dei docenti e dei loro alunni, nella convinzione che la musica è patrimonio di tutti i cittadini.

Le iscrizioni per partecipare alla rassegna nazionale si chiudono il 15 aprile prossimo. Una volta che si conoscerà il numero dei partecipanti si inizierà a definire nel dettaglio il programma della manifestazione al quale si sta già lavorando grazie alla rete di collaborazioni ed attività, sia sul fronte educativo che su quello del turismo scolastico, che in questi anni si è andata sempre più consolidando.

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Continua la lettura di Cremona ospiterà la XXX Rassegna nazionale delle orchestre scolastiche italiane su Giornale di Cremona.

]]>
https://giornaledicremona.it/attualita/cremona-ospitera-la-xxx-rassegna-nazionale-delle-orchestre-scolastiche-italiane/feed/ 0
Raddoppio Cremona-Mantova, Codacons: “Finalmente una buona notizia”! https://giornaledicremona.it/attualita/raddoppio-cremona-mantova-codacons-finalmente-una-buona-notizia/ https://giornaledicremona.it/attualita/raddoppio-cremona-mantova-codacons-finalmente-una-buona-notizia/#respond Thu, 21 Feb 2019 12:28:18 +0000 https://giornaledicremona.it/?p=22069 Raddoppio Cremona-Mantova, Codacons: “Finalmente una buona notizia! Il trasporto su rotaia a livello regionale necessita di interventi strutturali come questo”. Raddoppio Cremona-Mantova, Codacons: “Finalmente una buona notizia”! Uno stanziamento di oltre 14,6 miliardi di euro. A tanto ammonta l’importo messo in campo da Rete Ferroviaria Italiana per migliorare la mobilità ferroviaria in Lombardia. Le ripercussioni […]

Continua la lettura di Raddoppio Cremona-Mantova, Codacons: “Finalmente una buona notizia”! su Giornale di Cremona.

]]>
Raddoppio Cremona-Mantova, Codacons: “Finalmente una buona notizia! Il trasporto su rotaia a livello regionale necessita di interventi strutturali come questo”.

Raddoppio Cremona-Mantova, Codacons: “Finalmente una buona notizia”!

Uno stanziamento di oltre 14,6 miliardi di euro. A tanto ammonta l’importo messo in campo da Rete Ferroviaria Italiana per migliorare la mobilità ferroviaria in Lombardia. Le ripercussioni positive per i pendolari cremonesi arriveranno dal raddoppio della linea Codogno – Cremona – Mantova.

LEGGI ANCHE: Ferrovie, in Lombardia piano investimenti da 14,6 miliardi per Rfi VIDEO

Si tratta di lavori che avverranno in due fasi: in un primo momento i lavori interesseranno il tratto tra Mantova e Piadena successivamente quello tra Piadena e Codogno. I lavori partiranno nel 2021 e si concluderanno nel 2025 con l’obiettivo dichiarato di portare la capacità della linea dagli attuali 4 treni all’ora a 10.

Il programma prevede inoltre interventi di potenziamento infrastrutturale e upgrading tecnologico con la soppressione di 110 passaggi a livello e la manutenzione delle linee lombarde. Nell’ambito dei lavori è ricompreso il restyling della stazione di Cremona del 2019.

Codacons: “Si tratta di una buona notizia per i pendolari! L’odissea quotidiana fatta di ritardi e soppressioni necessita di interventi strutturali per essere risolta. E’ un dato di fatto che nelle condizioni attuali non si possa più andare avanti. L’unico auspicio è che sia rispettata la tempistica dei lavori, a tal fine oggi una lettera a RFI  da parte del Codacons”.

LEGGI ANCHE: Raddoppio Mantova-Cremona-Milano, Galimberti: “Non molliamo la presa sui tempi”

Continua la lettura di Raddoppio Cremona-Mantova, Codacons: “Finalmente una buona notizia”! su Giornale di Cremona.

]]>
https://giornaledicremona.it/attualita/raddoppio-cremona-mantova-codacons-finalmente-una-buona-notizia/feed/ 0
Furto da “Zara”, nascondono i vestiti sotto i cappotti e si danno alla fuga https://giornaledicremona.it/cronaca/furto-da-zara-nascondono-i-vestiti-sotto-i-cappotti-e-si-danno-alla-fuga/ https://giornaledicremona.it/cronaca/furto-da-zara-nascondono-i-vestiti-sotto-i-cappotti-e-si-danno-alla-fuga/#respond Thu, 21 Feb 2019 10:34:55 +0000 https://giornaledicremona.it/?p=22065 Furto da “Zara”, due donne nascondono i vestiti sono i cappotti e fanno scattare l’allarme antitaccheggio nell’uscire dal negozio. Furto da “Zara” Alle ore 19.30 di ieri, mercoledì 21 febbraio 2019, a Cremona, una pattuglia radiomobile, è intervenuta in Corso Cavour 2, all’interno del negozio di abbigliamento “Zara”, poiché poco prima due donne, verosimilmente straniere, […]

Continua la lettura di Furto da “Zara”, nascondono i vestiti sotto i cappotti e si danno alla fuga su Giornale di Cremona.

]]>
Furto da “Zara”, due donne nascondono i vestiti sono i cappotti e fanno scattare l’allarme antitaccheggio nell’uscire dal negozio.

Furto da “Zara”

Alle ore 19.30 di ieri, mercoledì 21 febbraio 2019, a Cremona, una pattuglia radiomobile, è intervenuta in Corso Cavour 2, all’interno del negozio di abbigliamento “Zara”, poiché poco prima due donne, verosimilmente straniere, non meglio identificate, dopo aver occultato sotto i cappotti alcuni indumenti, hanno tentato di fuggire facendo entrare in azione l’allarme antitaccheggio.

Scappano abbandonando parte della refurtiva

Le stesse, inseguite dal personale addetto alla sicurezza, hanno abbandonato a terra parte della refurtiva, dileguandosi nelle vie adiacenti. Immediatamente sono partite le ricerche da parte del personale operante che però hanno dato esito negativo. Parte della refurtiva è stata quindi recuperata perché abbandonata a terra dalle fuggitive e pertanto restituita all’avente diritto.

LEGGI ANCHE: Ruba bancomat alla madre del fidanzato e va a giocare alle “slot”, denunciata

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Continua la lettura di Furto da “Zara”, nascondono i vestiti sotto i cappotti e si danno alla fuga su Giornale di Cremona.

]]>
https://giornaledicremona.it/cronaca/furto-da-zara-nascondono-i-vestiti-sotto-i-cappotti-e-si-danno-alla-fuga/feed/ 0
Ruba bancomat alla madre del fidanzato e va a giocare alle “slot”: denunciata https://giornaledicremona.it/cronaca/ruba-bancomat-alla-madre-del-fidanzato-e-va-a-giocare-alle-slot-denunciata/ https://giornaledicremona.it/cronaca/ruba-bancomat-alla-madre-del-fidanzato-e-va-a-giocare-alle-slot-denunciata/#respond Thu, 21 Feb 2019 09:58:10 +0000 https://giornaledicremona.it/?p=22061 Ruba bancomat alla madre del fidanzato per andare a giocare alle “slot”. E’ finita così la storia d’amore tra due 50enni, un operaio cremonese e un’operaia con il vizio del gioco, residente a San Rocco al Porto (LO). Ruba bancomat alla madre del fidanzato I Carabinieri di Cremona, al termine di accertamenti hanno denunciato in […]

Continua la lettura di Ruba bancomat alla madre del fidanzato e va a giocare alle “slot”: denunciata su Giornale di Cremona.

]]>
Ruba bancomat alla madre del fidanzato per andare a giocare alle “slot”. E’ finita così la storia d’amore tra due 50enni, un operaio cremonese e un’operaia con il vizio del gioco, residente a San Rocco al Porto (LO).

Ruba bancomat alla madre del fidanzato

I Carabinieri di Cremona, al termine di accertamenti hanno denunciato in stato di libertà per i reati di furto aggravato e indebito utilizzo di carte di credito, D.R., nata a Milano cl. 1969, residente a San Rocco al Porto (LO). La donna, è stata individuata quale autrice di più episodi di prelievi indebiti effettuati presso alcuni sportelli bancomat di Cremona e Sesto ed Uniti, utilizzando la tessera bancomat di proprietà ed intestata ad una pensionata 76enne cremonese.

Prelevati oltre 10mila euro

Gli accertamenti esperiti a seguito della denuncia della titolare che si è rivolta agli operanti avendo ricevuto da parte del proprio istituto bancario la comunicazione con cui veniva bloccata la tessera bancomat per aver effettuato prelievi oltre il deposito in conto, per una cifra di oltre 10mila euro. Attraverso l’esame dei sistemi di videosorveglianza della zona e le successive operazioni di ricognizione fotografica, si è potuto accertare che la tessera era stata sottratta dal proprio portafoglio dalla prevenuta nelle occasioni che ne aveva la disponibilità, frequentando l’abitazione della denunciante, quale fidanzata del figlio convivente.

Spesi a giocare alle “macchinette”

Inoltre è emerso che la donna al termine di ogni prelievo, riponeva la tessera nel portafoglio della denunciante che non si era mai accorta di niente e che le cifre illecitamente entrate nelle proprie disponibilità venivano immediatamente spese alle “macchinette” nei bar della città, della provincia e del piacentino dove la donna risulta lavorare come operaia nel settore dei trasporti. Il figlio della derubata venuto a conoscenza di quanto accaduto alla madre, per colpa della compagna, ha interrotto immediatamente la relazione.

LEGGI ANCHE: Spaccio di stupefacenti, arrestato sul luogo di lavoro

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Continua la lettura di Ruba bancomat alla madre del fidanzato e va a giocare alle “slot”: denunciata su Giornale di Cremona.

]]>
https://giornaledicremona.it/cronaca/ruba-bancomat-alla-madre-del-fidanzato-e-va-a-giocare-alle-slot-denunciata/feed/ 0
Spaccio di stupefacenti, arrestato sul luogo di lavoro https://giornaledicremona.it/cronaca/spaccio-di-stupefacenti-arrestato-sul-luogo-di-lavoro/ https://giornaledicremona.it/cronaca/spaccio-di-stupefacenti-arrestato-sul-luogo-di-lavoro/#respond Thu, 21 Feb 2019 09:31:16 +0000 https://giornaledicremona.it/?p=22053 Spaccio di stupefacenti, arrestato 44enne cremonese. In manette anche un 56enne sorpreso a spacciare in zona SERD. Due arresti per spaccio Nella giornata di ieri 20 febbraio 2019 la Squadra Mobile, nell’ambito di una più ampia strategia di contrasto allo spaccio di stupefacenti in città, ha proceduto all’arresto in flagranza di due persone. In manette […]

Continua la lettura di Spaccio di stupefacenti, arrestato sul luogo di lavoro su Giornale di Cremona.

]]>
Spaccio di stupefacenti, arrestato 44enne cremonese. In manette anche un 56enne sorpreso a spacciare in zona SERD.

Due arresti per spaccio

Nella giornata di ieri 20 febbraio 2019 la Squadra Mobile, nell’ambito di una più ampia strategia di contrasto allo spaccio di stupefacenti in città, ha proceduto all’arresto in flagranza di due persone.

In manette 56enne

Nelle prime ore della mattina è stato arrestato per detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio, aggravata dall’aver commesso il fatto in prossimità di strutture per la cura e la riabilitazione dei tossicodipendenti, un bolzanino del 1963 residente in città. Già da qualche giorno l’attenzione dei poliziotti si era concentrata su questo soggetto che, dalle notizie acquisite e dagli approfondimenti effettuati, sembrava aver messo in piedi una discreta attività di spaccio nella zona ricompresa tra il SERD ed il Drop in.

Appostatisi sotto casa, gli agenti hanno aspettato che uscisse e, dopo averlo seguito, lo hanno fermato nelle immediate vicinanze della struttura di via Buoso da Dovara. Da subito la persona si è dimostrata particolarmente nervosa ed insofferente. Ed infatti, la successiva perquisizione ha consentito di rinvenire, all’interno di una tasca dei pantaloni, sei involucri di cellophane contenenti eroina per un peso complessivo di 2,1 g (tre del peso di 0,4 g e tre del peso di 0,3 g), già pronti per lo spaccio.

Arrestato sul luogo di lavoro

Nel tardo pomeriggio l’attività antidroga ha portato ad un ulteriore e significativo risultato, allorquando è stato arrestato in flagranza, sempre per detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio, un cremonese del 1975.

I poliziotti, sviluppando le risultanze della loro costante attività informativa, hanno effettuato un controllo presso il luogo di lavoro della persona con l’ausilio di un’unità cinofila della Questura di Milano, rinvenendo sei pezzi di hashish per un peso complessivo di 45,9 g ed una dose di cocaina del peso di 0,2 g. La perquisizione è proseguita presso l’abitazione, dove sono stati rinvenuti altri due pezzi di hashish per un peso complessivo di 7,2 g ed una dose di marijuana del peso di 0,4 g.

Entrambi gli arrestati, su disposizione del P.M. di turno, sono stati collocati agli arresti domiciliari in attesa del giudizio direttissimo, previsto nella mattinata di oggi, giovedì 21 febbraio 2019.

LEGGI ANCHE: Inseguimento in Tangenziale a Crema, recuperato furgone rubato

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Continua la lettura di Spaccio di stupefacenti, arrestato sul luogo di lavoro su Giornale di Cremona.

]]>
https://giornaledicremona.it/cronaca/spaccio-di-stupefacenti-arrestato-sul-luogo-di-lavoro/feed/ 0
Quando il badante diventa aguzzino: ubriaco, picchia l’anziano https://giornaledicremona.it/cronaca/quando-il-badante-diventa-aguzzino-ubriaco-picchia-lanziano/ Thu, 21 Feb 2019 08:39:25 +0000 https://giornaledicremona.it/?p=22050 Quando il mostro te lo ritrovi in casa ed è proprio colui che dovrebbe invece prestare aiuto e dare sollievo. Insomma, quando il badante diventa aguzzino: ubriaco, un 47enne dello Sri Lanka ha picchiato ripetutamente un 77enne, come racconta BresciaSettegiorni.it. Badante ubriaco picchia anziano E’ successo a Cazzago San Martino (paese lungo l’autostrada A4 non […]

Continua la lettura di Quando il badante diventa aguzzino: ubriaco, picchia l’anziano su Giornale di Cremona.

]]>
Quando il mostro te lo ritrovi in casa ed è proprio colui che dovrebbe invece prestare aiuto e dare sollievo. Insomma, quando il badante diventa aguzzino: ubriaco, un 47enne dello Sri Lanka ha picchiato ripetutamente un 77enne, come racconta BresciaSettegiorni.it.

Badante ubriaco picchia anziano

E’ successo a Cazzago San Martino (paese lungo l’autostrada A4 non lontano da Rovato). Evidentemente fare il badante non era proprio la “vocazione” del cingalese: s’è scoperto poi che non era per nulla uno stinco di santo… infatti, aveva pure precedenti per rapina, maltrattamenti e violenza in famiglia.

Dedito all’alcool, palesemente ubriaco ha picchiato il cazzaghese di 77 anni approfittando dell’assenza degli altri familiari.

L’ultimo episodio

L’ultimo episodio si è verificato pochi giorni fa, lunedì: il badante, ubriaco, approfittando dell’assenza dei famigliari ha colpito con pugni e con gli oggetti di plastica utilizzati per la raccolta delle urine l’anziano signore di cui, invece, avrebbe dovuto prendersi cura. Invalido al 100 per cento e costretto nel letto della sua camera, il 77enne non ha potuto difendersi in nessun modo.

L’assurda motivazione

“Ero stanco e nervoso per non aver dormito l’intera notte, in quanto impegnato più volte a pulire il cazzaghese e ad aiutarlo nei propri bisogni fisiologici”.

Insomma, secondo il badante, l’anziano era troppo impegnativo e non gli permetteva di riposare quanto e quando avrebbe voluto…

INCREDIBILE QUANTO SUCCESSO ALLL’ARRIVO DEI CARABINIERI: ECCO COSA HANNO TROVATO NEI CASSETTI

Continua la lettura di Quando il badante diventa aguzzino: ubriaco, picchia l’anziano su Giornale di Cremona.

]]>
Inseguimento in Tangenziale a Crema, recuperato furgone rubato https://giornaledicremona.it/cronaca/inseguimento-in-tangenziale-a-crema-recuperato-furgone-rubato/ https://giornaledicremona.it/cronaca/inseguimento-in-tangenziale-a-crema-recuperato-furgone-rubato/#respond Thu, 21 Feb 2019 06:23:50 +0000 https://giornaledicremona.it/?p=22040 Inseguimento in Tangenziale a Crema: i carabinieri intercettano e recuperano un furgone rubato. L’uomo alla guida è riuscito a darsi alla fuga nei campi. Inseguimento in Tangenziale a Crema Attimo concitati verso le 19.15 di ieri, mercoledì 20 febbraio 2019, lungo la tangenziale di Crema. Una pattuglia del nucleo radiomobile ha notato un furgoncino sospetto. […]

Continua la lettura di Inseguimento in Tangenziale a Crema, recuperato furgone rubato su Giornale di Cremona.

]]>
Inseguimento in Tangenziale a Crema: i carabinieri intercettano e recuperano un furgone rubato. L’uomo alla guida è riuscito a darsi alla fuga nei campi.

Inseguimento in Tangenziale a Crema

Attimo concitati verso le 19.15 di ieri, mercoledì 20 febbraio 2019, lungo la tangenziale di Crema. Una pattuglia del nucleo radiomobile ha notato un furgoncino sospetto. L’uomo alla guida, alla vista dei militari, si è dato alla fuga accelerando vistosamente dirigendosi verso il rondò di Cà delle Mosche per poi imboccare la Serenissima in direzione di Offanengo.  Una volta giunto alla rotonda per Izano, sempre con i carabinieri alle costole, ha svoltato per Vergonzana dove ha perso il controllo del mezzo che è uscito di strada.

Fuggito nei campi

A questo punto ha deciso di abbandonare il furgone e di darsi alla fuga a piedi nei campi. Diverse, nel frattempo le pattuglie dei carabinieri confluite in zona, insieme ad alcune volanti della polizia. Subito sono scattate le ricerche dell’uomo che però hanno dato esito negativo. Dai primi accertamenti è emerso che il furgoncino è risultato rubato la settimana scorsa in provincia di Varese, al suo interno sono stati trovati attrezzi per lo scasso ed un gruppo elettrogeno.

LEGGI ANCHE: Orrore in allevamento a Fiesco, carcasse smaltite illegalmente VIDEO

Continua la lettura di Inseguimento in Tangenziale a Crema, recuperato furgone rubato su Giornale di Cremona.

]]>
https://giornaledicremona.it/cronaca/inseguimento-in-tangenziale-a-crema-recuperato-furgone-rubato/feed/ 0
Il direttore dell’Ufficio di Milano del Parlamento europeo, Bruno Marasà visita la sede Netweek VIDEO https://giornaledicremona.it/politica/il-direttore-dellufficio-di-milano-del-parlamento-europeo-bruno-marasa-visita-la-sede-netweek-video/ Thu, 21 Feb 2019 13:29:50 +0000 https://giornaledicremona.it/?p=22073 Il direttore dell’Ufficio di Milano del Parlamento europeo Bruno Marasà, visita la sede Netweek. Il funzionario è stato protagonista di una lunga e articolata intervista con i colleghi del nostro gruppo editoriale sui temi europei di maggiore attualità a partire dalle imminenti elezioni. Tematiche dell’incontro Esiste il rischio di forte astensione in vista delle elezioni […]

Continua la lettura di Il direttore dell’Ufficio di Milano del Parlamento europeo, Bruno Marasà visita la sede Netweek VIDEO su Giornale di Cremona.

]]>
Il direttore dell’Ufficio di Milano del Parlamento europeo Bruno Marasà, visita la sede Netweek. Il funzionario è stato protagonista di una lunga e articolata intervista con i colleghi del nostro gruppo editoriale sui temi europei di maggiore attualità a partire dalle imminenti elezioni.

Tematiche dell’incontro

Esiste il rischio di forte astensione in vista delle elezioni europee che si terranno dal 23 al 26 maggio, forse perché i cittadini si sentono distanti dalle istituzioni. Ma quali sono gli scenari che si profilano per il prossimo futuro? Si è parlato anche dell’importanza del voto nella vita quotidiana insieme al direttore dell’Ufficio di Milano del Parlamento europeo, Bruno Marasà, che mercoledì 20 febbraio, ha visitato la sede del nostro gruppo editoriale Netweek a Merate. Marasà, dopo essere stato accolto dal direttore editoriale Netweek, Giancarlo Ferrario e dall’Amministratore delegato Alessio Laurenzano e il Ceo Massimo Cristofori, è stato il protagonista di un’intervista nel corso del quale sono stati approfonditi i temi europei di maggiore attualità a partire dalle imminenti elezioni. Si è parlato di giovani,  di regole, di prospettive, di scetticismi ma anche di come l’Europa ha cambiato la nostra vita.

Bruno Marasà: “Il voto è una grande opportunità”

“Andare a votare è sempre importante – ha dichiarato – E’ un dovere ed è anche un diritto. Noi votiamo per eleggere l’unica istituzione eletta dai cittadini europei. E’ una consultazione molto ampia. L’Europa è entrata molto nella vita quotidiana per le regole, per gli investimenti e perché è nata come un’idea che oggi è sentita un po’ meno dalle nuove generazioni. Abbiamo studiato gli orientamenti dei giovani: quelli tra i 18 e i 34 anni si astengono perché si sentono poco coinvolti. Sono persone nate con l’euro in tasca, che viaggiano, che hanno studiato con i programmi Erasmus. Abbiamo pensato di creare una piattaforma online che ci permette di alimentare una community di persone. Si chiama “Stavolta voto“. E abbiamo registrato oltre 18mila adesioni in Italia. Non sono like, sono nomi e cognomi, persone che partecipano alle attività concretamente. Basti pensare che il 12 per cento si è detto disponibile a impegnarsi come volontario. Il 26 maggio eleggeremo 76 parlamentari italiani. Questa è una grande opportunità che ci permetterà in futuro di avere un’interlocuzione con persone conosciute”.

Continua la lettura di Il direttore dell’Ufficio di Milano del Parlamento europeo, Bruno Marasà visita la sede Netweek VIDEO su Giornale di Cremona.

]]>
Aggressione a Crema, soccorse due giovani SIRENE DI NOTTE https://giornaledicremona.it/cronaca/aggressione-a-crema-soccorse-due-giovani-sirene-di-notte/ https://giornaledicremona.it/cronaca/aggressione-a-crema-soccorse-due-giovani-sirene-di-notte/#respond Thu, 21 Feb 2019 05:32:05 +0000 https://giornaledicremona.it/?p=22036 Aggressione a Crema, soccorse e trasportate in ospedale una 33enne e una 34enne. E’ successo intorno a mezzanotte e mezza in via Stazione. Aggressione a Crema Poco dopo mezzanotte e mezza, si è verificato un evento violento classificato dall’Agenzia regionale emergenza urgenza (Areu) come “aggressione“. Il fatto è successo in via Stazione a Crema. I sanitari, arrivati sul posto […]

Continua la lettura di Aggressione a Crema, soccorse due giovani SIRENE DI NOTTE su Giornale di Cremona.

]]>
Aggressione a Crema, soccorse e trasportate in ospedale una 33enne e una 34enne. E’ successo intorno a mezzanotte e mezza in via Stazione.

Aggressione a Crema

Poco dopo mezzanotte e mezza, si è verificato un evento violento classificato dall’Agenzia regionale emergenza urgenza (Areu) come “aggressione“. Il fatto è successo in via Stazione a Crema. I sanitari, arrivati sul posto con un’ambulanza della Croce Verde, hanno soccorso due donne di 33 e 34 anni che sono state trasportate al pronto soccorso dell’ospedale cittadino, dove sono giunte all’1.13 in codice giallo (condizioni mediamente gravi). Allertato il Commissariato per far luce sull’accaduto.

LEGGI ANCHE: Ruba cellulare da 800 euro all’interno del Mediaworld

Soccorso 38enne

Un uomo di 38 anni è stato soccorso dieci minuti dopo l’1.30 in un impianto lavorativo di via Malta a Vescovato per cause non meglio specificate. Sul posto gli operatori del 118 che hanno trasferito il coinvolto, in codice giallo, al vicino ospedale di Cremona.

LEGGI ANCHE: Muore e lascia oltre 200mila euro al Comune di Cremona

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Continua la lettura di Aggressione a Crema, soccorse due giovani SIRENE DI NOTTE su Giornale di Cremona.

]]>
https://giornaledicremona.it/cronaca/aggressione-a-crema-soccorse-due-giovani-sirene-di-notte/feed/ 0
Vanoli Basket: coach Meo Sacchetti rinnova sino al 2022 https://giornaledicremona.it/sport/vanoli-basket-coach-meo-sacchetti-rinnova-sino-al-2022/ https://giornaledicremona.it/sport/vanoli-basket-coach-meo-sacchetti-rinnova-sino-al-2022/#respond Wed, 20 Feb 2019 17:53:40 +0000 https://giornaledicremona.it/?p=22032 Vanoli Basket: coach Meo Sacchetti rinnova sino al 2022 La Vanoli Basket Cremona comunica con grandissima soddisfazione di aver trovato nelle scorse settimane l’accordo con coach Meo Sacchetti per il prolungamento del suo contratto sino al 30 giugno 2022. Arrivato a Cremona nell’estate del 2017 e diventato poco dopo C.T. della Nazionale Italiana, “Meo” è […]

Continua la lettura di Vanoli Basket: coach Meo Sacchetti rinnova sino al 2022 su Giornale di Cremona.

]]>
Vanoli Basket: coach Meo Sacchetti rinnova sino al 2022

La Vanoli Basket Cremona comunica con grandissima soddisfazione di aver trovato nelle scorse settimane l’accordo con coach Meo Sacchetti per il prolungamento del suo contratto sino al 30 giugno 2022. Arrivato a Cremona nell’estate del 2017 e diventato poco dopo C.T. della Nazionale Italiana, “Meo” è il condottiero che ha appena portato la Vanoli Cremona alla conquista del primo storico trofeo, la Coppa Italia di Legabasket, ed attualmente al 3° posto in regular season, dopo la semifinale di Coppa Italia e l’8° posto centrando l’accesso ai playoff scudetto della passata stagione, con un bilancio complessivo di 31 vittorie e 26 sconfitte (54,3%) sulla panchina biancoblu, il migliore per un allenatore della Vanoli in Serie A.

Aldo Vanoli: “Meo è una persona speciale, più di un allenatore per la Vanoli Cremona. Il suo carisma mi affascinò da subito, ed un anno e mezzo dopo mi affascina sempre di più. Sono felicissimo che voglia restare con noi ancora più a lungo”.

Davide Borsatti: “La Coppa Italia appena conquistata è la ciliegina sulla torta del grande lavoro di Meo. Con lui alla guida vogliamo gettare le basi per un percorso di crescita nel segno della continuità”.

Meo Sacchetti: “Ho firmato ancora prima della vittoria in Coppa Italia. Alla Vanoli si può lavorare bene, con Cremona ho un feeling speciale, sono contento di prolungare la mia permanenza qui”.

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Continua la lettura di Vanoli Basket: coach Meo Sacchetti rinnova sino al 2022 su Giornale di Cremona.

]]>
https://giornaledicremona.it/sport/vanoli-basket-coach-meo-sacchetti-rinnova-sino-al-2022/feed/ 0
Raddoppio Mantova-Cremona-Milano, Galimberti: “Non molliamo la presa sui tempi” https://giornaledicremona.it/attualita/raddoppio-mantova-cremona-milano-galimberti-non-molliamo-la-presa-sui-tempi/ https://giornaledicremona.it/attualita/raddoppio-mantova-cremona-milano-galimberti-non-molliamo-la-presa-sui-tempi/#respond Wed, 20 Feb 2019 17:02:34 +0000 https://giornaledicremona.it/?p=22026 Raddoppio Mantova-Cremona-Milano, Galimberti: “Non molliamo la presa sui tempi e tratto fino a Codogno”. Raddoppio Mantova-Cremona-Milano, Galimberti: “Non molliamo la presa sui tempi” Ecco quanto ha dichiarato il Sindaco di Cremona, Gianluca Galimberti, a seguito delle recenti notizie sul raddoppio della linea Mantova-Cremona-Milano: “Prendiamo atto della ulteriore conferma sul raddoppio che già avevamo avuto nelle precedenti […]

Continua la lettura di Raddoppio Mantova-Cremona-Milano, Galimberti: “Non molliamo la presa sui tempi” su Giornale di Cremona.

]]>
Raddoppio Mantova-Cremona-Milano, Galimberti: “Non molliamo la presa sui tempi e tratto fino a Codogno”.

Raddoppio Mantova-Cremona-Milano, Galimberti: “Non molliamo la presa sui tempi”

Ecco quanto ha dichiarato il Sindaco di Cremona, Gianluca Galimberti, a seguito delle recenti notizie sul raddoppio della linea Mantova-Cremona-Milano:

“Prendiamo atto della ulteriore conferma sul raddoppio che già avevamo avuto nelle precedenti interlocuzioni con Regione e Governo (questo e quello precedente che ha stanziato i fondi). Chiederemo al tavolo regionale sulle infrastrutture e al Ministro Toninelli perché – se confermano la notizia – nel 2021 e non prima il via ai lavori per il primo lotto (Mantova-Piadena).

Non intendiamo mollare la presa finché il cantiere non sarà aperto e vogliamo capire cronoprogramma e finanziamenti per i lotti successivi, compreso quello da Cremona a Codogno. La nostra città, i nostri pendolari meritano ferrovie e treni migliori!”

LEGGI ANCHE: Ferrovie, in Lombardia piano investimenti da 14,6 miliardi per Rfi VIDEO

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE 

Continua la lettura di Raddoppio Mantova-Cremona-Milano, Galimberti: “Non molliamo la presa sui tempi” su Giornale di Cremona.

]]>
https://giornaledicremona.it/attualita/raddoppio-mantova-cremona-milano-galimberti-non-molliamo-la-presa-sui-tempi/feed/ 0
Legionella, Codacons sporge denuncia “Ipotesi di reato di epidemia” https://giornaledicremona.it/attualita/legionella-codacons-sporge-denuncia-ipotesi-di-reato-di-epidemia/ https://giornaledicremona.it/attualita/legionella-codacons-sporge-denuncia-ipotesi-di-reato-di-epidemia/#respond Wed, 20 Feb 2019 16:35:25 +0000 https://giornaledicremona.it/?p=22023 Legionella, Codacons fa denuncia per l’ipotesi di reato di epidemia. Il caso “Sarebbero giunte a conclusione le indagini disposte dal Ministero della Sanità per indagare sulle cause della diffusione di legionella nei comuni di Brescia, di cui danno notizia i colleghi di BresciaSettegiorni.it, e Mantova relativi alla scorsa estate – fa sapere Codacons in una nota – Il diffuso contagio causò ben […]

Continua la lettura di Legionella, Codacons sporge denuncia “Ipotesi di reato di epidemia” su Giornale di Cremona.

]]>
Legionella, Codacons fa denuncia per l’ipotesi di reato di epidemia.

Il caso

“Sarebbero giunte a conclusione le indagini disposte dal Ministero della Sanità per indagare sulle cause della diffusione di legionella nei comuni di Brescia, di cui danno notizia i colleghi di BresciaSettegiorni.it, e Mantova relativi alla scorsa estate – fa sapere Codacons in una nota – Il diffuso contagio causò ben 7 morti e circa un migliaio di ammalati”.

Le cause

“Secondo le ricostruzioni, a determinare le condizioni per il contagio concorsero le temperature estive, la secca del Chiese – che divenne un brodo di batteri – e le aziende che continuarono ad utilizzare l’acqua contagiata del fiume per il raffreddamento degli impianti – diffondendo così nell’aria i batteri -“.

Un’ipotesi ribadita anche in relazione alla morte di una donna cremonese per legionella.

LEGGI ANCHE: La legionella torna a colpire, muore una 57enne nel cremonese

La denuncia

“Evidentemente le istituzioni e le aziende hanno soprassieduto colpevolmente davanti ad una manifesta situazione di rischio di epidemia. Il calore estivo, la secca del corso d’acqua e il rischio di batteri erano fatti notori, colpevolmente ignorati. In ragione di ciò il Codacons depositerà presso la Procura della Repubblica atto di denuncia/querela per il reato di cagionata epidemia”.

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Continua la lettura di Legionella, Codacons sporge denuncia “Ipotesi di reato di epidemia” su Giornale di Cremona.

]]>
https://giornaledicremona.it/attualita/legionella-codacons-sporge-denuncia-ipotesi-di-reato-di-epidemia/feed/ 0
Ruba cellulare da 800 euro all’interno del Mediaworld https://giornaledicremona.it/cronaca/ruba-cellulare-da-800-euro-allinterno-del-mediaworld/ https://giornaledicremona.it/cronaca/ruba-cellulare-da-800-euro-allinterno-del-mediaworld/#respond Wed, 20 Feb 2019 12:23:07 +0000 https://giornaledicremona.it/?p=22012 Ruba cellulare da 800 euro all’interno del Mediaworld di Gadesco Pieve Delmona. Denunciata una ragazza di 21 anni. Ruba cellulare da 800 euro Al termine di accertamenti, è stata denunciata in stato di libertà, per il reato di furto con destrezza in concorso M.E.R., nata a Piacenza cl. 1998, ivi residente, disoccupata. La giovane si […]

Continua la lettura di Ruba cellulare da 800 euro all’interno del Mediaworld su Giornale di Cremona.

]]>
Ruba cellulare da 800 euro all’interno del Mediaworld di Gadesco Pieve Delmona. Denunciata una ragazza di 21 anni.

Ruba cellulare da 800 euro

Al termine di accertamenti, è stata denunciata in stato di libertà, per il reato di furto con destrezza in concorso M.E.R., nata a Piacenza cl. 1998, ivi residente, disoccupata. La giovane si è resa responsabile, unitamente ad altro complice in via di identificazione, del furto di un telefono cellulare all’interno del negozio denominato “Mediaworld”, ubicato in via Lonati a Gadesco Pieve Delmona.

Aiutata da un complice

Dal successivo esame dei sistemi di videosorveglianza presenti, è emerso che dopo che il titolare dell’esercizio le ha consegnato il telefono al fine di farglielo visionare per l’eventuale acquisto, approfittando di un suo momento di  distrazione, lo ha passato di mano ad un complice, verosimilmente un minore che subito dopo averlo ricevuto si dileguato facendo perdere le tracce. Il danno quantificato è di circa 800 euro ed è coperto da assicurazione.

LEGGI ANCHE: Ruba 6 biciclette all’interno di un condominio, denunciato

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Continua la lettura di Ruba cellulare da 800 euro all’interno del Mediaworld su Giornale di Cremona.

]]>
https://giornaledicremona.it/cronaca/ruba-cellulare-da-800-euro-allinterno-del-mediaworld/feed/ 0
Diamanti truffa banche: centinaia di truffati nella Bassa, ma anche vip come Vasco e Panicucci https://giornaledicremona.it/cronaca/diamanti-truffa-banche-centinaia-di-truffati-nella-bassa-ma-anche-vip-come-vasco-e-panicucci/ Wed, 20 Feb 2019 13:47:29 +0000 https://giornaledicremona.it/?p=22016 Diamanti truffa banche E’ esploso il caso della “Truffa diamanti”. Ieri, 19 febbraio 2019, la procura di Milano ha chiesto ed ottenuto sequestri per 700 milioni di euro ai danni della fallita Intermarket Diamond Business (149 milioni) e della Diamond Private Investment (165 milioni), ma anche a carico degli istituti di credito che ne avevano […]

Continua la lettura di Diamanti truffa banche: centinaia di truffati nella Bassa, ma anche vip come Vasco e Panicucci su Giornale di Cremona.

]]>
Diamanti truffa banche

E’ esploso il caso della “Truffa diamanti”. Ieri, 19 febbraio 2019, la procura di Milano ha chiesto ed ottenuto sequestri per 700 milioni di euro ai danni della fallita Intermarket Diamond Business (149 milioni) e della Diamond Private Investment (165 milioni), ma anche a carico degli istituti di credito che ne avevano favorito l’operatività come il Banco Bpm – Banca Aletti (83 milioni), UniCredit (32 milioni), Intesa San Paolo (11 milioni) e Montepaschi (35 milioni).

Vittime illustri

Numerosi sono stati i risparmiatori comuni che hanno sottoscritto i contratti, e tra questi spiccano anche numerosi vip come Vasco Rossi (pare 2,5 milioni di euro), Diana Bracco, Federica Panicucci e Simona Tagli. In sostanze le due società fallite vendevano i diamanti come forma di investimento a prezzi che per gli inquirenti erano gonfiati. Le banche sarebbero coinvolte in quanto “rivenditrici”, dai loro sportelli, dei diamanti.

Centinaia di persone truffate nella Bassa

Risultano essere centinaia le persone truffate anche nella Bassa. Nel Lodigiano le persone truffate hanno investito da ottomila euro a novantamila euro, con una media di circa undicimila euro per vittima. Federconsumatori Lodi si sta muovendo per avviare le pratiche inerenti le richieste di risarcimento.

Nel Cremonese altri danni ingenti per i risparmiatori, per cui si è mosso il Codacons con questo avviso:

“L’inchiesta è la prova del coinvolgimento delle Banche in quella che è una vera e propria truffa. Gli istituti di credito erano consapevoli che i prezzi dei diamanti fossero gonfiati e il loro ruolo nella intermediazione con i clienti era di primaria importanza. L’inchiesta rende vani i tentativi degli istituti coinvolti di scaricare ogni responsabilità sulle società di intermediazione. L’auspicio è che al più presto sia fatta chiarezza su quanto accaduto in danno di centinaia di ignari risparmiatori. Questa notizia dimostra che il Codacons ci aveva visto giusto; per consulenza in merito contattare l’indirizzo codacons.cremona@gmail.com”.

E ancora vittime nel Mantovano, nel Bresciano ma anche nel Veronese (con 309 risparmiatori veronesi raggirati, per un controvalore investito in diamanti in 9.400.000 euro e un portafoglio stimato in 94.000.000 euro.)

A chi rivolgervi

Se siete fra i tantissimi risparmiatori coinvolti in questa maxi truffa potete trovare supporto nell‘Associazione Codici.

“Ora che si sono riaccesi i riflettori su questa vicenda – dichiara il Segretario Nazionale di Codici Ivano Giacomelli – ci auguriamo che l’inchiesta proceda in maniera ancora più spedita.Parliamo di fatti avvenuti tra il 2012 ed il 2016, periodo durante il quale due società, la Idb e la Dpi, secondo l’accusa avrebbero venduto, attraverso l’intermediazione di sportelli bancari, diamanti da investimento ad un valore ben al di sopra di quello reale. Il risultato è che tanti risparmiatori si ritrovano oggi con dei preziosi che non valgono praticamente nulla”.

“I risparmiatori che hanno lasciato i diamanti in deposito alla Idb – spiega l’Avvocato di Codici Marcello Padovani – devono presentare un’istanza di restituzione ex articolo 87 della legge fallimentare per chiedere al curatore fallimentare la restituzione dei preziosi. Non c’è tempo da perdere. La domanda può essere inviata entro il prossimo 8 marzo. Invitiamo quindi i risparmiatori a contattare al più presto l’Associazione Codici, l’unica ad avere una class action pendente al Tribunale di Milano”.

I risparmiatori coinvolti possono contattare l’Associazione Codici al numero telefonico 06.5571996 oppure all’indirizzo email segreteria.sportello@codici.org.

 

Continua la lettura di Diamanti truffa banche: centinaia di truffati nella Bassa, ma anche vip come Vasco e Panicucci su Giornale di Cremona.

]]>