Tartare di manzo, come resisterle? Si tratta di un piatto di facile realizzazione. Cerchiamo di privilegiare lo scamone o la lombata magra tagliate al coltello. Per il condimento serviranno solo un filo d’olio (di qualità) e qualche filetto di alici. Se desiderate potete creare un mix con olio, acciughe, succo di limone e capperi tritati, ottimo per condire la tartare. Il colpo d’occhio migliore però è quello che vuole un tuorlo d’uovo fresco adagiato sulla carne, accompagnato da cipolla (tritata molto fine) e di nuovo capperi&acciughe.

E poi c’è quella di salmone

Provate a realizzare una tartare di salmone (o di tonno) con crema di robiola e salsa di avocado. La tartare la potete trovare già pronta, andrà condita con limone, sale e pepe. Quindi prendete la robiola, mischiatela alla panna, quindi aggiungete sale e pepe. Manca solo l’avocado: tagliatelo a fette, ricopritelo di succo di limone, quindi passate al frullatore, in compagnia di qualche fogliolina di basilico e sale. Il gioco è fatto: la crema va adagiata sulla tartare.

Leggi anche:  Rientro dalle vacanze, occhio a a frigoriferi e dispense

Non solo tartare di manzo

Andiamo avanti con un piatto total black: le linguine al nero di seppia. Se non siete esperti fatevi pulire i molluschi al banco del pesce, mentre il celebre «nero» lo si trova anche confezionato. In un tegame capiente con olio e uno spicchio d’aglio rosolate le seppie, sfumate con vino bianco e aggiungete un pizzico di sale. In ultimo toccherà all’inchiostro. Nel frattempo avrete cotto le linguine, da aggiungere alla padella con le seppie. Un po’ prezzemolo fresco tritato e il piatto è pronto.