Tragico incidente in azienda agricola, gravissimo il bilancio: quattro morti sul lavoro. Come riporta GiornalediPavia.it è successo poco dopo le 12.30 di oggi, giovedì 12 settembre 2019 ad Arena Po, in provincia di Pavia.

Incidente in azienda agricola: quattro morti sul lavoro

Le notizie sono ancora poche e frammentarie. Da quello che si è appreso quattro persone sono morte annegate in una vasca di liquami. Si tratta di due operai e dei due titolari dell’azienda, due fratelli. I quattro uomini stavano lavorando vicino alle vasche di compostaggio del fertilizzante quando sarebbero precipitati.

I Vigili del Fuoco hanno svuotato la vasca per agevolare le operazioni di recupero dei corpi (due inizialmente erano stati dati per dispersi, poi ritrovati una volta svuotata la vasca). Sul posto anche i Carabinieri e i tecnici dell’ASL per rilevare eventuali irregolarità e accertare la dinamica esatta del tragico incidente.

CLICCA QUI PER TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

Paolo Capone, Leader UGL “Basta stragi nei luoghi di lavoro, il Governo intervenga”

“Ennesimo agghiacciante incidente mortale sul luogo di lavoro che ha coinvolto 4 persone in Lombardia. Ora più che mai serve un’azione forte da parte del Governo, è quindi necessario un intervento tempestivo per porre fine a queste stragi silenziose. Non possiamo più restare a guardare.”

Lo ha dichiarato in una nota Paolo Capone, Segretario Generale dell’UGL, in merito all’incidente sul lavoro avvenuto oggi in un’azienda agricola ad Arena Po (Pavia). “I numeri parlano chiaro: nel primo semestre del 2019 ci sono stati 482 decessi, il peggior dato dal 2016. Occorrono più controlli, una maggiore formazione e diffusione della cultura della sicurezza nei luoghi di lavoro, soprattutto in quelli più a rischio. L’UGL è in tour con la manifestazione “Lavorare per Vivere” volta a sensibilizzare l’opinione pubblica sul triste fenomeno.”

Leggi anche:  Grave incidente sul lavoro a Cremona, un morto alla Arvedi

A Cremona tre vittime nel mese di agosto

Ad agosto a Cremona e provincia si sono verificate tre tragedie in un solo mese: dopo la morte del 45enne Alessandro Rosi nello stabilimento Arvedi di Cremona, a perdere la vita in altrettanti incidenti sul lavoro sono stati  un uomo di 45 anni precipitato in un capannone da un’altezza di circa sette metri e un agricoltore di 68 anni che ha perso la vita colpito da un tubo di raffreddamento di un trattore nella giornata del 26 agosto