Uccide la figlia di due anni e poi cerca di suicidarsi.

Orrore a Cremona

Una bambina di due anni è stata uccisa nel tardo pomeriggio di sabato 22 giugno 2019, a Cremona. Ad accoltellarla secondo chi indaga sarebbe stato il padre, un ivoriano di 36 anni. Avrebbe perso la testa dopo la separazione dalla moglie, arrivando a una orribile vendetta contro la piccola. I due coniugi non vivevano insieme da circa un mese e pare che la bimba fosse stata affidata all’uomo solo per poche ore.

Uccisa a coltellate

Da una prima ricostruzione, l’uomo avrebbe massacrato la piccola con più coltellate. Poi avrebbe rivolto alcuni fendenti contro sé stesso. Il più grave, nel ventre. Con le ultime forze che gli sono rimaste, ha chiamato i soccorsi. Quando gli uomini del 118 sono giunti sul posto lo hanno trovato privo di sensi. Accanto a lui la bambina ormai priva di vita.

Piantonato in ospedale

E’ stato portato in ospedale, in gravissime condizioni, dove si trova piantonato dai carabinieri. Non si esclude anche l’ipotesi di una premeditazione. Ma soltanto al termine delle indagini sarà possibile stabilire con certezza cosa sia veramente accaduto nel tardo pomeriggio di sabato 22 giugno 2019.

Leggi anche:  Cremona, proseguono “i martedì buoni” con Campagna Amica

LEGGI ANCHE: Picchia la mamma, arrestato un 19enne tossicodipendente

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE