Selfie della vergogna: un episodio raccapricciante che ha sconvolto l’opinione pubblica.

Selfie della vergogna

E’ accaduto alla stazione di Piacenza il 26 maggio, una donna è stata investita da un treno riportando gravissime lesioni che hanno condotto all’amputazione di una gamba. Lei si trovava ancora sui binari, martoriata dallo schianto con il convoglio in corsa, in un lago di sangue. Al suo fianco i soccorritori e la polizia. Un ragazzo dalla banchina si mette in posa e, inquadrando il corpo, si scatta un selfie.

Un giornalista presente

In stazione c’era anche un giornalista, che ha immortalato il giovane intento a comporre la foto della vergogna che – molto probabilmente – nella sua idea perversa sarebbe presto finita sui social.

La Polfer

Il ragazzo è stato individuato dalla Polfer che l’ha identificato obbligandolo a cancellare la foto dal suo smartphone. Le forze dell’ordine stanno valutando la sua posizione ma pare non siano configurabili degli estremi di reato.

Leggi anche:  Perseguita la moglie per cinque mesi, artigiano arrestato per stalking