Minacce di morte per un debito di droga: la denuncia alla Questura di un uomo di Zelo che doveva a padre e figlio 20mila euro per una partita di droga.

Minacce di morte per un debito di droga

E’ finito nel mirino di due spacciatori (padre e figlio residenti a Dovera, nel cremasco), per un debito di droga non pagato. I due sono arrivati addirittura alle minacce di morte. E la vittima, un uomo di Zelo, spaventato da quanto sarebbe potuto accadere ha deciso di rivolgersi alla questura di Lodi e di denunciare tutto.

Le indagini

La denuncia risale alla scorsa estate. Da quanto è emerso lo zelasco sembra avesse un debito con i due spacciatori di 20mila euro. Le indagini hanno permesso di acquisire tutti gli elementi necessari per accertare che i due indagati avevano portavano avanti una intensa attività di spaccio nel Cremasco, ma anche nell’Alto Lodigiano e a Rapallo, in Liguria, dove si erano trasferiti di recente.

Ora, al termine delle indagini, sono state emesse due misure cautelari nei confronti dei due uomini (il padre 53enne e il figlio 25enne), ovvero l’obbligo di dimora a Rapallo e il divieto di avvicinamento alla persona offesa.

Leggi anche:  In auto con la cocaina, arrestato operaio 30enne

LEGGI ANCHE: Guida bus in gita scolastica da troppo tempo, multato autista

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE