Finto notaio truffa sacerdote sfruttando la morte della bresciana Nadia Toffa. I fatti risalgono a fine agosto, quando poco dopo i funerali della Iena il prete ha ricevuto la chiamata di un “funzionario di banca”.

Finto notaio sfrutta la morte di Nadia Toffa

Subito dopo i funerali della Iena Nadia Toffa, un sacerdote bresciano ha ricevuto la telefonata di un sedicente funzionario di banca, il quale gli comunicava la volontà della famiglia Toffa di donare 100.000 euro alla sua Diocesi. Gli veniva poi chiesto di contattare un determinato studio notarile per perfezionare la procedura burocratica.

Il religioso ringrazia la famiglia e scopre che…

Come racconta il nostro BresciaSettegiorni.it, durante la telefonata con il finto notaio, al prete veniva richiesto il pagamento, mediante bonifico bancario, di una somma di denaro, a titolo di imposte, pari al 5% della donazione. Effettuato il pagamento, il religioso si era fatto premura di darne conferma direttamente alla famiglia della compianta giornalista bresciana, scoprendo con sorpresa e sconcerto di essere stato raggirato.

ECCO COM’E’ FINITA ANCHE GRAZIE ALLA COLLABORAZIONE DI POSTE ITALIANE

Leggi anche:  Non paga le tasse per non licenziare i dipendenti: assolto

La scomparsa di Nadia Toffa

Era il 13 agosto. Nadia Toffa è spirata, dopo aver lottato come una guerriera. La Iena è morta a soli 40 anni. La bresciana da qualche tempo lottava contro il cancro e non si è mai arresa, ma purtroppo la malattia ha avuto la meglio. Tutti la ricorderanno per il suo sorriso e la sua allegria. La notizia è stata comunicata direttamente dalla pagina ufficiale delle Iene che sempre le sono state accanto.

LEGGI ANCHE:

Cento Iene sul palco per ricordare Nadia Toffa VIDEO

Morta la nonna di Nadia Toffa: non ha retto il dolore per la perdita

Folla, lacrime e applausi ai funerali di Nadia Toffa VIDEO

Nadia Toffa ha perso la sua battaglia