Erano disoccupati, ma le spese per la convivenza in un appartamento di Spino d’Adda cominciavano a farsi sentire. Così si sono messi a spacciare cocaina. Ma è finita male.

I due della coca

Nell’appartamento che occupavano avevano organizzato un vero e proprio shop della cocaina. Non è chiaro da quanto tempo due – una quarantenne italiana e un ventenne marocchino – erano in attività. Le segnalazioni dei residenti per lo strano via vai di personaggi sospetti erano cominciate pochi giorni fa e proprio a seguito di queste i carabinieri della stazione di Pandino hanno cominciato a indagare.

Fermata una ragazza

Sono quindi cominciati gli appostamenti e mercoledì pomeriggio i militari hanno sorpreso fuori da un condominio residenziale, in una zona periferica del paese, una ragazza. Addosso aveva una dose di cocaina, subito sequestrata. E’ quindi scattato il blitz, insieme agli uomini del Nucleo operativo. All’interno di un appartamento dello stabile c’erano i due, conviventi da qualche mese. Disoccupati, avevano pensato di reinventarsi spacciatori di droga, e si erano dotati di un bilancino di precisione per fare le dosi. Nell’appartamento sono stati trovati nove grammi di cocaina e un foglio in cui la donna teneva la contabilità dell’attività di spaccio.

Leggi anche:  Sacerdote si sente male dopo aver assunto cocaina in gita scolastica

Condannati

I due sono stati arrestati e ieri sono finiti davanti al giudice a Cremona. Dieci mesi alla donna per lo spaccio, mentre al ragazzo otto mesi, per detenzione di sostanza stupefacente.

TORNA ALLA HOME