Dipendenza da videogiochi: affidato a una comunità

Dipendenza da videogiochi

Una vicenda delicata che vede un minore coinvolto, per tutelarne la privacy si rende esclusivamente nota la zona in cui si è snodata la pesante problematica familiare. Nel Cremonese un 15enne è stato tolto alla famiglia di origine e affidato a una comunità di tutela dal Tribunale anche a causa della grave dipendenza da videogiochi che il ragazzino ha sviluppato.

Famiglia difficile

Il nucleo familiare aveva già evidenziato grosse problematiche, per questo motivo era seguito dai servizi sociali. Genitori separati, madre con problemi di droga e giudiziari, figlia scappata di casa e affidata a sua volta, in passato, a una comunità. Il ragazzino ha sviluppato problemi di apprendimento è una totale schiavitù verso i videogiochi.

Possibile rifugio

Quella realtà virtuale in cui, molto probabilmente, il giovanissimo ha trovato un riparo rispetto al mondo reale è diventata ora la sua prigione dalla quale deve disintossicarsi.

Anziano trovato morto nell’androne di casa