Centri massaggi cinesi: dopo il maxi blitz delle forze dell’ordine revocate tutte le licenze.

Centri massaggi cinesi

Pare che Cremona si dovrà rassegnare a dire addio alle bellezze orientali che offrono i loro servizi nei centri massaggi. Revocate tutte le licenze dei nove centri massaggi siti a Cremona ma gestiti da cinesi dopo il maxi blitz avvenuto il 13 aprile scorso. A coadiuvare le indagini sono state la Polizia Locale e i tecnici dell’Ats Valpadana. Gli abusi riscontrati, con l’approfondimento delle indagini, sono tantissimi. Si va dall’omessa documentazione e manutenzione impianti termici, abusi edilizi, esercizio abusivo di attività di estetista, infrazioni alla normativa in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro e problematiche di tipo igienico sanitario.

Il Blitz

Preoccupante lo scenario che si è presentato agli occhi delle forze dell’ordine quando hanno fatto irruzione nei vari centri, fra i sospetti più pesanti c’era anche l’esercizio della prostituzione all’interno dell’attività commerciale. Gli agenti hanno perseguito i locali come ‘luoghi sospetti’ e solo successivamente i titolari. Questo per evitare le veloci cessioni di licenze che, come accaduto in passato, rendevano molto complicata la possibilità giuridica del sequestro dei locale, perdendosi in un gioco di scatole cinesi.

Leggi anche:  Scrive bestemmie sull'edicola votiva: 14enne denunciato per vilipendio