Calci, pugni e sputi alla ex moglie: nei guai un imprenditore 37enne di Soresina che dovrà rispondere di maltrattamenti in famiglia, appropriazione indebita aggravata, danneggiamento e violenza privata.

Calci, pugni e sputi alla ex moglie

Un imprenditore di 37 anni, residente a Soresina è stato denunciato in quanto resosi responsabile di maltrattamenti ed altri reati nei confronti della ex moglie, una 30enne anche lei di Soresina.

Nel mese di giungo, il 37enne si è presentato presso l’abitazione dove la sua ex moglie vive con la loro figlia di 3 anni, e dopo un’accesa discussione, colto da un attacco di gelosia, ha incominciato ad ingiuriarla e minacciarla per poi prenderla a schiaffi e pugni al volto e su tutto il corpo. Successivamente, prima di allontanarsi, si è anche impossessato del suo telefono cellulare e delle sue carte di credito.

Persecuzioni continue

Numerosi gli episodi persecutori imputati all’uomo. Sempre nel mese di giugno, l’ha seguita fino all’abitazione dei suoi genitori ingiuriandola. Un’altra volta l’ha aspettata davanti alla sua abitazione di residenza costringendola a farlo entrare con il pretesto di restituirle il telefono cellulare e le carte di credito e prendendola nuovamente a schiaffi e sputi in viso. In un altro episodio, nel rincasare, la donna ha trovato le pareti e le porte dell’appartamento danneggiate.

Leggi anche:  Maltratta le figlie minori e la madre anziana: denunciata 38enne

Finita anche al pronto soccorso

A seguito di tutto questo, la 30enne è dovuta ricorrere anche alle cure dei medici presso il pronto soccorso dell’Ospedale  di Cremona, dove le sono state diagnosticate diffuse contusioni con conseguente prognosi di 7 giorni . Detti maltrattamenti sono riconducibili alla gelosia del prevenuto nei confronti della denunciante.

I provvedimenti

In merito a tutto ciò gli è stato ordinato: l’immediato allontanamento dalla casa coniugale; di non avvicinarsi all’abitazione stessa; di non avvicinarsi in ogni caso alla ex moglie ed alla loro figlia, mantenendo nei confronti delle stesse una distanza di almeno 500 metri e di non comunicare con le stesse con qualsiasi mezzo.

Infine, il 37enne è stato anche denunciato per maltrattamenti in famiglia, appropriazione indebita aggravata, danneggiamento e violenza privata.

LEGGI ANCHE>> Incendio in cantina, evacuato palazzo: due donne intossicate 

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE