Consegnava droga in bicicletta fingendo di fare una passeggiata. Il 23enne cremasco è stato arrestato: duro colpo allo spaccio di Soresina.

Colto in flagranza

Il 23 luglio 2019 i Carabinieri hanno arrestato in flagranza di reato, per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, L.M.L., nato a Crema nel 1996 e residente a Soresina, disoccupato e pluripregiudicato.

Nell’ambito di servizio mirato al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti il ragazzo è stato fermato per un controllo alle ore 18.00 in via Trento e Trieste, mentre si aggirava con fare sospetto. Il 23enne è già sottoposto alla misura dell’affidamento in prova ai servizi sociali con obbligo di permanenza in abitazione nell’arco notturno, proprio a seguito di numerosi precedenti specifici in materia di sostanza stupefacenti.

Per questo motivo era tenuto sotto osservazione, in quanto sospettato di essere diventato un vero e proprio punto di rifermento per lo spaccio delle sostanze stupefacenti a Soresina e nei centri limitrofi.

Nel corso di alcuni servizi di osservazione effettuati nei suoi confronti, i militari hanno notato che il 23enne usciva spesso di casa fingendo di fare una passeggiata in bicicletta ed incontrando quelli che si sono scoperti poi essere alcuni suoi clienti.

Scoperti marijuana e cocaina

Questo andirivieni sospetto ha spinto i militari a fermarlo e procedere ad una perquisizione presso l’abitazione di residenza, sospettata di essere la base logistica dell’illecita attività. Perquisizione che ha fugato ogni sospetto: sono stati infatti scoperti, occultati nell’armadio della sua camera da letto,  300 gr di sostanza stupefacente del tipo marijuana e 40 gr. di sostanza stupefacente del tipo cocaina, di cui 2 gr. confezionati in quattro bustine di cellophane, pronte per lo spaccio al dettaglio, un bilancino elettronico di precisione, altro materiale atto al confezionamento della droga, nonché denaro contante per la somma di  12.860 euro, ritenuti provento dell’illecita attività di spaccio.

Leggi anche:  Giardiniere muore mentre pota le piante in una cascina di Agnadello

Oggi l’udienza

L’arrestato, terminate le formalità di rito, è stato trattenuto presso le camere di sicurezza della Caserma di Cremona in attesa del rito direttissimo che si è tenuto la mattina del 24 luglio 2019 e a seguito del quale il GIP di Cremona gli ha applicato la custodia cautelare in carcere rinviando le decisioni all’udienza svoltasi questa mattina presso il Tribunale di Cremona.

I Carabinieri di Cremona con quest’operazione sono sicuri di avere inferto un duro colpo al mondo dello spaccio e degli assuntori della zona, riuscendo a recidere il rifornimento della marijuana anche nei confronti di diversi pusher della zona, per cui gli accertamenti sono ancora in corso.

Lo spacciatore è risultato spacciare la cocaina al dettaglio per quantitativi da mezzo grammo a due grammi., per la marijuana è risultato fare consegne solamente all’ingrosso per quantitativi non inferiori a un etto, destinati a clienti assolutamente fidati, verosimilmente dediti a loro volta allo spaccio al dettaglio di detta sostanza.

TORNA ALLA HOME