(ACCENDI L’AUDIO PER RIASCOLTARE LA TELEFONATA SHOCK)

E’ iniziato oggi, mercoledì 18 settembre 2019, a Milano, il processo contro Ousseynou Sy, l’autista che nel marzo scorso ha dirottato e incendiato uno scuolabus. Parte civile le famiglie degli studenti della della scuola media Vailati di Crema.

Autobus dirottato, via al processo

In aula l’imputato e alcuni genitori, anche il papà di Adam, che insieme a Rami riuscì ad avvisare le Forze dell’ordine.

Le famiglie si sono costituite parte civile nel processo a carico di Ousseynou Sy, il quarantasettenne senegalese che il 20 marzo 2019 dirottò il pullman con a bordo 51 studenti delle medie da Crema a Milano, diretto Linate.

Autobus dirottato: iniziato a Milano il processo, famiglie parte civile

Famiglie si sono costituite parte civile

I capi d’imputazione sono: strage, sequestro, incendio, resistenza e lesioni, con l’aggravante della giovane età dei ragazzi e dei fini terroristici.

Si arriva in tribunale a Milano dopo sei mesi di isolamento in carcere a San Vittore, per l’imputato.

Da Ministero e Autoguidovie possibili risarcimenti

La corsa dell’autobus bloccata a San Donato, poi le fiamme: aveva parlato di una protesta per i bambini che muoiono in mare come migranti. Il Ministero dell’Istruzione e la società Autoguidovie citate in giudizio come responsabili civili dovranno rispondere dei risarcimenti in caso di condanna.

Leggi anche:  Incidente stradale a Crema, soccorsi due uomini SIRENE DI NOTTE

LEGGI ANCHE:

Autobus sequestrato: l’autista rinuncia al rito abbreviato

Autobus sequestrato: i ragazzi della Vailati da Papa Francesco

I 51 ragazzi dell’autobus sequestrato ospiti di Fedez al Mediolanum Forum di Assago FOTO

Autobus dirottato, Sy poco conosciuto ma rispettato sul lavoro VIDEO

Autobus sequestrato, il racconto della bidella: “1 ora e 15 minuti di terrore” VIDEO

Terrore sul pullman | L’AUDIO choc della telefonata da autobus sequestrato ai Carabinieri