Dai dati trasmessi oggi da ARPA Lombardia nella provincia di Cremona è stato rilevato che ieri, 8 gennaio 2019, è avvenuto il quinto superamento consecutivo della soglia limite del PM10 (50 microgrammi/m3).

Smog Cremona

In base ai dati rilevati questa mattina e riferiti alla giornata di ieri, martedì 8 gennaio, la media delle stazioni del programma di valutazioni della provincia è infatti di 82,5. Per quanto riguarda la città i dati rilevati sono i seguenti: Fatebenefratelli 81, Cadorna 93, per una media di 87 microgrammi/m3. E’ necessario comunque attendere, come disposto dalla normativa regionale, la giornata di domani, giovedì (giorno di controllo) per valutare l’attivazione delle misure temporanee di primo livello dalla giornata di venerdì 11 gennaio salvo indicazioni anticipate direttamente da Regione Lombardia.

L’invito del Comune

Il Comune invita i cittadini ad attuare comportamenti virtuosi, quali limitare gli spostamenti con mezzi privati e laddove possibile viste le temperature rigide di limitare l’accessione prolungata degli impianti termici. Nel frattempo prosegue la diffusione tramite web, nei luoghi pubblici e in quelli di maggiore frequentazione delle informazioni sull’importanza della qualità dell’aria per la nostra salute e l’ambiente e sulle misure introdotte dalla legge regionale per il contrasto all’inquinamento atmosferico.

Leggi anche:  Banca del suono: chiusure al traffico a Cremona per registrare le "note perfette"

Tavolo aria

Dal canto suo l’Assessore all’Ambiente Alessia Manfredini, considerato l’alto tasso di inquinanti presente in tutta la Lombardia, auspica la convocazione in tempi rapidi del tavolo aria in Regione per fare il punto sulle azioni previste dal relativo protocollo.

LEGGI ANCHE:Gratta e Vinci da sogno o no? Il giallo nel Cremonese