Presi i “Ras” della Baby gang dello spaccio in zona Po.

Denunciati per spaccio due minorenni di Cremona

Nel corso di controlli dei luoghi di ritrovo dei giovani dediti al consumo e allo spaccio di sostanze stupefacenti, i Carabinieri della Compagnia di Cremona hanno sorpreso nella flagranza del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e denunciato alla Procura della Repubblica del Tribunale dei Minorenni di Brescia giudiziaria due ragazzi minorenni.

Si tratta di uno studente 17enne di Cremona e uno studente 16enne, nato a Fiorenzuola d’Arda (PC), e residente a Cremona.

I controlli dei Carabinieri

Nel corso della sera, a seguito di un controllo eseguito nel Parco Sartori, i due ragazzi sono stati trovati appartati con fare sospetto su di una panchina. Considerato che i militari avevano modo di accertare che in pochi minuti nella zona vi era stato un continuo viavai di giovani, che approfittando della vegetazione e del buio riuscivano ad allontanarsi indisturbati, hanno procedevano a controllare i due giovani sospetti che verosimilmente avevano scelto la panchina quale base logistica di un’attività illecita.

Trovati con un bilancino, tirano fuori la droga dagli slip

I due giovani sono stati sorpresi a detenere un bilancino elettronico di precisione e dei ritagli di cellophane chiaramente destinati a contenere sostanza stupefacente. Non avendo possibilità di fuga e alla luce di quanto rinvenuto, i due studenti hanno consegnato entrambi, tirandoli fuori dagli slip, due involucri di sostanza stupefacente del tipo marijuana per un peso complessivo di gr. 30.

Leggi anche:  Emergenza influenza: in arrivo 400mila euro per aumentare i posti letto nei nostri ospedali

Parte della droga è risultata già suddivisa in dosi già pronte per lo spaccio al dettaglio del peso di 1 o 2 grammi. Le successive perquisizioni domiciliari hanno permesso di rinvenire ulteriori gr. 5 di sostanza stupefacente dello stesso tipo.

Fanno parte di un gruppo di giovani dediti allo spaccio

Gli accertamenti svolti a seguito del citato fermo, hanno consentito di appurare che i due studenti (entrambi Cremonesi ed iscritti presso scuole di questa città) fanno parte di ungruppo di giovani, alcuni in via di identificazione (parte dei quali già facenti parte del cosiddetto gruppo “Cremona dissing”) già da qualche tempo dediti all’attività di spaccio nei parchi ed in altri luoghi di ritrovo di Cremona, nei confronti di coetanei che, in particolare d’estate, sono soliti frequentare il centro atorico così come la zona Po.

In particolare i due giovani all’interno della “baby gang” dello spaccio avrebbero un ruolo di leader tanto da essere considerati due veri “RAS” dello spaccio.

TORNA ALLA HOME