Disabili: approvata intesa per sostegno a progetti di inclusione sociale. Finanziati oltre 2 milioni di euro per 27 ambiti territoriali lombardi.

Progetti di inclusione sociale

La Giunta Regionale ha approvato, su proposta dell’assessore alle Politiche sociali, abitative e Disabilità Stefano Bolognini, il protocollo d’intesa tra il Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali e Regione Lombardia finalizzato al sostegno di progetti in materia di vita indipendente e di inclusione nella società delle persone con disabilità.

E’ stato definito un finanziamento di oltre 2 milioni di euro, che saranno destinati a 27 ambiti territoriali lombardi che si sono candidati, avendo i requisiti previsti dal D.M. 669 del 2018 e che sono rappresentativi del territorio regionale.

Ogni ambito territoriale riceverà fino a 80.000 euro e sarà prevista una compartecipazione fino a 20.000 euro. Tale finanziamento sarà disponibile sul bilancio regionale del 2020.

Gli ambiti territoriali coinvolti

Questi gli ambiti territoriali coinvolti, con indicato, per ciascuno, l’importo assegnato: Albino Valle Seriana (80.000 euro), Bergamo (80.000 euro), Brescia (80.000 euro), Brescia Est (64.000 euro), Certosa (80.000 euro), Cinisello Balsamo (80.000 euro), Crema (80.000 euro), Cremona (80.000 euro), Erba (80.000 euro), Garbagnate Milanese (80.000 euro), Lecco (64.000 euro), Lomellina (80.000 euro), Milano (80.000 euro), Monza (80.000 euro), Olgiate Comasco (80.000 euro), Rho (80.000 euro), San Giuliano (Assemi San Donato, 32.000 euro), Saronno (80.000 euro), Sesto San Giovanni (80.000 euro), Suzzara (80.000 euro), Tradate (80.000 euro), Valle Sabbia (70.400 euro), Valle Trompia (80.000 euro), Varese (80.000 euro), Viadana (80.000 euro), Vimercate (80.000 euro), Visconteo Sud Milano (80.000 euro).

“Si tratta di un atto molto importante per Regione Lombardia e per gli ambiti territoriali – ha spiegato l’assessore Bolognini -, che dimostra la capacità progettuale dei nostri Comuni e la sensibilità e concretezza messa in campo in un ambito così delicato come questo. Un altro concreto tassello nel contesto del complesso percorso di inclusione delle persone con disabilità e nella costruzione di servizi e modelli organizzativi per la vita indipendente e inclusione sociale”.