Un fenicottero gonfiabile sulla rotonda di via Vittoria al posto di «Spirito d’Adda», a Spino d’aDDA, e la minoranza attacca.

“Il fenicottero ci piace”

Lo scorso giovedì, qualcuno, si è divertito a posizionare un fenicottero gonfiabile gigante sulla rotonda di via Vittoria, al posto di Spirito d’Adda, la piroga, che è stata «investita» qualche settimana fa, al centro di parecchie polemiche, e che adesso, non si può più riparare.
La minoranza, guidata dal sindaco Paolo Riccaboni, che aveva fatto realizzare l’opera, davanti alla presa in giro, ha voluto dire la sua.

“Prima non c’era nulla, abbiamo portato il bello”

«Giovedì ci siamo svegliati divertiti e contenti – ha fatto sapere il gruppo – un fenicottero rosa è meglio del nulla e dell’incuria, e permette di fare alcune puntualizzazioni. Quattro anni fa qui c’era una strada dissestata, e un semaforo inutile, e bruttezza diffusa. Lavorando per tre anni l’Amministrazione Riccaboni ha recuperato soldi che stavano per essere restituiti allo stato centrale, poiché non utilizzati dall’ex sindaco Rancati, con i quali è stata realizzata una rotonda, ciclabili, via Vittoria, un accesso sicuro al cimitero. Compreso il progetto di abbellimento della barca, che non è costata nulla. Il sindaco Luigi Poli ha stravolto tutto: nessuna erba sulla rotonda, come previsto, nessuna protezione, pessima illuminazione. Un veicolo ha distrutto la piroga».

Leggi anche:  Gusmaroli lascia l'Asd Spinese

“In questo vuoto il fenicottero ci piace”

Quindi l’ultima frecciata. «In questo vuoto salutiamo con gioia il fenicottero rosa: dimostra che la rotonda si presta a ospitare qualcosa – hanno concluso – si presta alla bellezza, e di bellezza abbiamo sempre bisogno; ma non si presta alle menzogne, troppo spesso veicolo di facili e pericolosi consensi».