Polo cosmesi Cremasco, Magoni: “Il settore testimonia un’alta competitività del distretto a livello internazionale”. Ieri l’assessore ha fatto visita ad alcune aziende eccellenti del comparto.

Polo cosmesi Cremasco, Magoni: “Alta competitività a livello internazionale”

L’assessore al Turismo, Marketing territoriale e Moda di Regione Lombardia Lara Magoni ha fatto tappa ieri, giovedì 10 gennaio 2019, nel Cremasco, dove ha visitato alcune aziende leader a livello internazionale nel settore della cosmetica.

Il primo appuntamento è stato a Bagnolo Cremasco dove, accompagnata da dirigenti e vertici aziendali, l’assessore Magoni ha visitato i laboratori della Regi, ditta specializzata nella produzione di make-up.  Nella vicina Capergnanica ha visitato il nuovo stabilimento della Lumson SpA, azienda leader in Europa nella progettazione, sviluppo, produzione e decorazione di sistemi di packaging primario e sistemi di distribuzione per il mercato cosmetico, per il make-up e la farmaceutica.

Ad accompagnare l’assessore nei vari spostamenti, Alessandro Ratini e Vittoria Cicchetti, rispettivamente presidente e CEO di Regi, Matteo Moretti, presidente Lumson, Erica Casali del coordinamento operativo del Polo della Cosmesi, e il consigliere regionale Federico Lena.

Polo tecnologico della cosmesi

Le due aziende fanno parte del cosiddetto “Polo Tecnologico della Cosmesi”, associazione con sede proprio a Crema e che annovera oltre 70 tra le migliori aziende della Lombardia – con un fatturato che supera i 680
milioni di euro – che rappresentano l’intera filiera del mercato cosmetico e del make-up: dal bulk/prodotto al riempimento, dal packaging primario al packaging secondario, dalle decorazioni alle etichette, dal confezionamento alle macchine automatizzate, dal Design prodotti all’R&D.

“Un polo di eccellenza – ha commentato Lara Magoni – che testimonia ancora una volta il valore della ricerca nella nostra Regione. Ho avuto modo di conoscere delle realtà giovani di fondazione ma lungimiranti nella mission che grazie al loro know-how sono in grado di interpretare e anticipare il futuro. E’ questa la Lombardia vincente, in grado di abbinare il ‘saper fare’ tradizionale e artigianale all’innovazione più spinta che ci permette di essere competitivi a livello internazionale, in ogni settore”.

Le aziende associate al Polo Tecnologico della Cosmesi sono espressione di qualità, innovazione, esperienza e
specializzazione nel settore cosmetico e del make-up. Denominata ‘the Beauty Valley’, tutta la filiera cosmetica è
prevalentemente concentrata in Lombardia nel Nord Italia. In particolare, le realtà produttive lombarde sono distribuite geograficamente tra Crema, Bergamo, la Brianza e Milano, dando così vita al cosiddetto ‘Quadrilatero del make-up’: ed è qui che nasce il 65% del make-up di tutto il mondo e dei più grandi marchi internazionali.

Leggi anche:  Rischio soffocamento per i bimbi: ALDI richiama giochi impilabili a incastro

Un settore in crescita

Un settore, quello della cosmetica, che gode di ottima salute, visto che, stando ai dati pubblicati da ‘Cosmetica Italia’ (su numeri Istat), l’export è addirittura superiore alla moda, alle calzature e al vino nel primo semestre 2018. I cosmetici infatti spingono l’export a +3,8%. A fare la parte del leone, come evidenzia lo studio, sono i profumi, le
ciprie per il trucco e gli shampoo.

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE