Il 9 e il 10 febbraio tappa a Cremona dell’iniziativa NoBody per sensibilizzare sul tema della tratat e dello sfruttamento.

NoBody fa tappa a Cremona

In questi anni il Comune di Cremona, in stretta collaborazione con LULE Onlus e la rete territoriale anti-tratta, ha messo in campo numerose iniziative per il contrasto e l’emersione del fenomeno sul nostro territorio, in particolare quello riguardante le donne nigeriane vittime di sfruttamento sessuale.

L’iniziativa NoBody è un viaggio sensoriale attraverso la tratta e lo sfruttamento, un evento di sensibilizzazione organizzato da Associazione Lule Onlus e Compagnia Teatrale FavolaFolle nell’ambito di Mettiamo le Ali 2.0 – Dall’emersione all’integrazione, progetto sovra provinciale finanziato dal Dipartimento per le Pari Opportunità, che impegna da diverse annualità il Comune di Cremona in qualità di partner.

LEGGI ANCHE: “NoBody”, installazione teatrale su tratta e sfruttamento sessuale

Appuntamento nel weekend

La tappa di Cremona, fa parte di cinque incontri già svolti nelle città di Bergamo, Rogoredo di Casatenovo (LC), Vigevano (PV), si tiene il 9 e 10 febbraio al Centro Culturale San Vitale, si inserisce dunque in un consolidato percorso di interventi di ascolto, protezione, integrazione sociale delle vittime, formazione degli operatori e sensibilizzazione sui temi della tratta.

“Il progetto Mettiamo le Ali – dichiara l’Assessore alla Trasparenza e alla Vivibilità sociale Rosita Viola – consente azioni di primo contatto con le donne che intendano sottrarsi alla violenza, identificando le situazioni di tratta e grave sfruttamento, fornendo poi loro protezione, assistenza e percorsi di integrazione sociale. Grande attenzione è inoltre riservata alla formazione, tramite l’organizzazione di corsi e seminari rivolti ai propri dipendenti, agli operatori degli enti di accoglienza, socio-sanitari, legali e Forze dell’Ordine.

Inoltre – prosegue l’Assessore Viola – per informare e sensibilizzare la cittadinanza, ogni anno il 18 ottobre il Comune di Cremona aderisce alla Giornata Europea contro la Tratta di esseri umani, celebrandola attraverso incontri di conoscenza, dibattiti e flash-mob simbolici quali Libera il tuo sogno”. Infine – conclude l’Assessore – per mantenere sempre alta l’attenzione su questa tematica sul sito del Comune è presente una pagina tematica dedicata realizzata dallo Sportello Antidiscriminazioni. L’invito che voglio rivolgere ai nostri concittadini è di visitare l’installazione NoBody per rendersi conto della gravità e del fenomeno”.

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE