Pioggia di multe su Vailate, che nelle ultime settimane ha visto un’improvvisa impennata di appostamenti per il rilevamento della velocità lungo la sp2 Crema-Vailate.

Multe a raffica

C’è chi ne ha presa una, chi due, chi tre. Qualcuno è pronto a riceverla, qualcun altro, come i primi vailatesi che sono stati sanzionati per eccesso di velocità, ancora non sa di essere in lista. Nelle ultime settimane infatti, la Polizia provinciale si è ripetutamente appostata sulla sp2, in un tratto sul quale vige il limite di 50km/h a causa del fondo dissestato.

Proteste dei vailatesi

La Polizia locale è stata travolta dalle proteste dei vailatesi, risentiti per questi rilevamenti continui, ma di fatto, gli autori delle operazioni non sono i vigili di Vailate. La conferma arriva dal vicesindaco e assessore alla Viabilità Roberto Sessini, che ha constatato il corretto svolgimento delle operazioni.

“Mi sono recato sul tratto di Sp2 interessato per controllare la presenza dei cartelli e ci sono – ha raccontato – Durante il rilevamento della velocità li affiggono con delle fascette alla segnaletica esistente e li rimuovono a controlli ultimati. Un’ordinanza dello scorso dicembre impone i 50km/h nel tratto in oggetto, pertanto tutto lo svolgimento è regolare”.

Sembra tuttavia che i segnali stradali siano installati con adeguato anticipo rispetto al luogo dove viene effettuato il rilevamento della velocità e che un’ordinanza prescriva l’abbassamento del limite.

Leggi anche:  Debito fuori bilancio per errore

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE