Piano anti zanzare:  il Sindaco ha firmato l’ordinanza e presto inizieranno gli interventi in tutti i quartieri.

Pronto il piano anti zanzare

Al via il piano anti zanzare 2019. Firmata ieri, mercoledì 8 maggio 2019, dal Sindaco l’ordinanza per informare e sensibilizzare la popolazione sui comportamenti corretti da adottare per impedire la proliferazione di questo insetto. L’ordinanza è rivolta ai soggetti pubblici e privati, alle imprese ed ai responsabili di aree particolarmente critiche, quali cantieri, aree dismesse, piazzali di deposito, parcheggi, altre attività produttive dove si possono formare zone in cui l’acqua ristagna di acqua e, di conseguenza, focolai di sviluppo larvale.

Limitarne la riproduzione

Per ridurre al minimo la possibilità di trasmissione di infezioni derivanti dalle zanzare, l’Amministrazione comunale, d’intesa con l’ATS Val Padana, anche quest’anno ha adottato un piano di lotta per limitare la riproduzione di questi insetti nelle aree pubbliche del costo complessivo di 21.500 euro. Gli interventi per essere efficaci devono essere comunque accompagnati anche da comportamenti corretti da parte dei cittadini, poiché il 70% dei potenziali focolai larvali (sottovasi e tombini soprattutto) si trovano in aree private.

Trattamenti larvicidi

Come anticipato ai presidenti dei Comitati di quartiere, nei prossimi giorni la ditta incaricata inizierà la campagna di contenimento attraverso trattamenti larvicidi in tutta la città. Questi saranno seguiti da interventi specifici per le zanzare adulte su tutte le aree verdi più frequentate, grazie anche al coinvolgimento dei Comitati di quartiere. Appositi cartelli, posizionati qualche giorno prima degli interventi, indicheranno le misure da adottare durante i trattamenti.

Leggi anche:  Rimosso platano in viale Po, era a rischio caduta

Campagna informativa

La scorsa settima si è inoltre tenuto un corso di formazione, grazie alla collaborazione di tecnici competenti dell’ATS Val Padana, al quale hanno i partecipato i presidenti dei Comitati di quartiere, amministratori di condominio e cittadini. Il corso, molto interessante e partecipato, ha evidenziato la necessità di informare sulle modalità di riproduzione e diffusione delle zanzare oltre che di avviare azioni sinergiche tra pubblico e privato. A questo proposito sono già in programmazione confronti diretti con gli amministratori di condominio, nonché con i referenti nei vari quartieri, per dare indicazioni in modo capillare sulle buone pratiche da adottare. Sarà inoltre predisposta una sezione dedicata sul sito del Comune. Anche le Guardie Ecologiche Volontarie sono già state attivate per supportare i cittadini attraverso un’adeguata attività di informazione.

LEGGI ANCHE: Anche a Cremona la XV edizione della Notte Europea dei Musei

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE