Scuola infanzia Sacra Famiglia i bambini si cimentano nell’arrampicata sportiva, grazie alla collaborazione del CAI e del Comune di Cremona.

Scuola infanzia Sacra Famiglia i bambini si cimentano nell’arrampicata

I bambini della Scuola d’infanzia Sacra Famiglia hanno sperimentato per la prima volta l’arrampicata sportiva. Accompagnati dalla coordinatrice Alessandra Piccioni, i giovanissimi sono stati portati alla palestra di piazzale Atleti Azzurri d’Italia grazie alla collaborazione del Comune di Cremona, proprietario della struttura e che ha aderito a questo progetto pilota, concedendo il patrocinio e la collaborazione facendosi carico dei costi del trasporto. Ad accoglierli per questo speciale momento c’erano il Sindaco Gianluca Galimberti e l’Assessore con delega allo Sport Mauro Platè, insieme ai rappresentanti della sezione cremonese del CAI (Club Alpino Italiano).

La prima a livello italiano

La scuola d’infanzia Sacra Famiglia è la prima, a livello italiano, che propone un corso di propedeutica all’arrampicata sportiva reso possibile grazie alla collaborazione del CAI, del Comune di Cremona e la supervisione dell’istruttore nazionale e responsabile dei corsi Gianpietro Rossi.

Leggi anche:  "Io Robot" premiato a Roma tra i migliori progetti scientifici

Coordinazione dei movimenti

La finalità è far sperimentare e sviluppare ai bambini lo schema motorio di base dell’arrampicata, un movimento che nell’evoluzione motoria si sviluppa prima del correre. Una trasposizione in pratica dei movimenti semplici semplici che partono dalle quadrupedie sul piano orizzontale a quello verticale. Un esercizio molto utile che abitua i bambini nella coordinazione dei movimenti.

Il Sindaco Galimberti e l’Assessore Platè hanno espresso il loro apprezzamento per questa innovativa esperienza resa possibile grazie alla proficua collaborazione tra la scuola da una parte, il Comune e d il Cai-Cremona dall’altra, esperienza che porta i bambini ad avvicinarsi ad una pratica sportiva che li aiuta nello loro sviluppo evolutivo.

LEGGI ANCHE: Neonato rischiò di morire per un’infezione, ospedale condannato

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE