Cappa di smog: veleni nel Mantovano e nel Cremonese.

Cappa di smog

La cartina realizzata da Arpa Lombardia è impressionante. Su buona parte della nostra Regione – Mantovano e Cremonese compresi – si segnala una pesante cappa di smog. I dati di oggi, lunedì 10 settembre sono purtroppo allarmanti: la qualità dell’aria, in tutta la  provincia Mantovana, è definita addirittura scadenti. “Macchie” preoccupanti anche sul Cremonese.

Cappa di smog

Ancora una volta, come più volte durante questa calda estate, il principale imputato è l’ozono (leggi qui tutte le informazioni e possibili danni causati dall’ozono). La situazione, definita mediocre, nei giorni sta purtroppo precipitando.

Nuove misure antismog dalla Regione

Ricordiamo intanto che Regione Lombardia ha stabilito nuove e stringenti misure antismog. Dal 1° ottobre al 31 marzo di ogni anno, i diesel Euro 3 non potranno circolare (dal lunedì al venerdì) dalle 7.30 alle 19.30.  Questo per quanto riguarda quest’anno. Dal 1° aprile 2019 saranno sempre in vigore (tutto l’anno, non solo nella finestra ottobre-aprile) i blocchi (lunedì-venerdì, ore 7.30-19.30) ai veicoli benzina Euro 0 diesel Euro 1 e 2. Dal primo ottobre 2020 saranno invece fermati i diesel Euro 4 nelle aree critiche della Lombardia. Sono stati inoltre stanziati sei milioni di euro per incentivi rivolti a chi decide di cambiare le vetture inquinanti.

Leggi anche:  Dal weekend arriva il freddo PREVISIONI METEO

E nei prossimi giorni?

Secondo Arpa un flusso dai quadranti nordoccidentali solo debolmente instabile porta sulla regione qualche rovescio o locale temporale sui rilievi con tempo prevalentemente soleggiato e caldo in pianura: complessivamente condizioni meteorologiche favorevoli alla produzione ed all’accumulo di inquinanti secondari.  Tra martedì e mercoledì un temporaneo promontorio anticiclonico mantiene condizioni stabili e calde sulla Lombardia, ancora favorevoli all’accumulo degli inquinanti secondari. Giovedì rotazione del flusso in quota da ovest per l’abbassamento di una struttura depressionaria dal Nord Europa: cielo più nuvoloso con  precipitazioni possibili anche in pianura. Le condizioni meteorologiche sono variabili durante la giornata, tendenti dal pomeriggio ad essere meno favorevoli all’accumulo degli inquinanti.

Leggi anche GRANDE INAUGURAZIONE PER LA CONCA DI VALDARO