In città sbarca Foodracers, per ordinare direttamente da smartphone.

Foodracers sbarca a Crema

Nono comune lombardo per la startup già attiva in 42 città, realtà di food delivery 100% italiana con oltre 400.000 ordini consegnati in tre anni Ordinare direttamente a casa o in ufficio i piatti dei propri ristoranti preferiti: a Crema ora si può. Grazie a Foodracers, la piattaforma online che permette agli utenti di scegliere tra tanti menù diversi e farsi recapitare i piatti a pranzo e cena. Sono già 11 i primi ristoranti cremaschi dai quali, a partire da oggi, mercoledì 10 luglio 2019, si potrà ordinare tramite l’App scaricabile su smartphone o tablet e il sito web www.foodracers.com.

Foodracers è una startup trevigiana, la prima 100% italiana di food delivery, già attiva in 42 città, e dopo aver aperto a Cremona, ha scelto di estendere il servizio anche a Crema.
Da oggi quindi, i cittadini cremaschi potranno ordinare direttamente a casa o in ufficio, scegliendo tra i menù dei locali che hanno aderito a Foodracers. Dal giapponese, alla pizza, passando per gli hamburger e le piadine, è ampia la varietà tra cui scegliere.

A partire da oggi anche a Crema pranzi e cene a domicilio

I primi 11 locali a Crema che hanno aderito al progetto

Ecco l’elenco dei primi 11 locali convenzionati ai quali se ne aggiungeranno altri: La
Piadineria-Via Crispi (piadine), Babar (panini, piadine, primi piatti, carne), Panis (piadine,
focacce, puccie), John Keating (hamburger, fritti, birre), Sushi Maison 2 (giapponese),
Burger’s House (hamburger), Imo Sushi (giapponese e cinese), Il Paradiso del Sushi
(giapponese), Il Diavoletto (pizza), Tourlè Crema (pizza, carne, tex-mex, hamburger,
insalate), La Piadineria – Piazza Garibaldi (piadine).

Leggi anche:  Iene Vegane: protesta a Castelverde per l'apertura di un nuovo Mattatoio Pini

Il funzionamento del servizio

Il funzionamento del servizio è semplice: una volta selezionata la zona di consegna sul sito  o dall’App, si può scegliere dal menu online dei ristoranti serviti nei dintorni ed effettuare l’ordine, tramite smartphone, tablet o pc, che viene notificato istantaneamente ai Racers in quel momento disponibili. I “racers” sono persone che decidono di mettere a disposizione il proprio tempo libero per le consegne, senza vincoli di orario o reperibilità, nella piena logica della “sharing economy”. La scelta di premiare le città italiane, anche quelle minori, sta dando risultati positivi, tanto è vero che grandi catene come Roadhouse Grill, Old Wild West, Grom e Burger King hanno già stretto con Foodracers rapporti di collaborazione a livello nazionale. Punto di forza di Foodracers rispetto ai competitor è il costo di consegna in base alla distanza che parte da un minimo di 2,50€ e viene trattenuto direttamente dal racer.